Archivio

Post Taggati ‘presentato’

Bolzano, presentato il documentario "la vita e altri cantieri"

3 Luglio 2007 2 commenti


A Bolzano, venerdì 29 giugno, è stato presentato in anteprima il documentario “la vita e altri cantieri” di Giuseppe Schettino. Il documentario racconta i conflitti tra generazioni e culture, tra padri e figli nella realtà etnica dei Sinti Teich che come ogni cultura viva si modifica nel tempo e nello spazio.

La famiglia allargata Gabrielli, appartenente alla Minoranza dei Sinti Teich, vive a Bolzano e si guadagna da vivere soprattutto con la musica ma da quando Laki, l’unico violinista del gruppo, si è convertito all’evangelismo hanno dovuto smettere di suonare. Cercando di ricongiungere il gruppo, Radames il capo famiglia, scopre quanto le tradizioni sinte stiano cambiando.

Il film è stato girato nelle lingue originali, il sinto teich e l’italiano, da ZeLIG, scuola di formazione televisiva, in collaborazione con Enti ed Istituzioni della Provincia di Bolzano. Insieme a Giuseppe Schettino hanno collaborato Fernando Espinosa (camera) e Jona Zara Klein (editing). Le musiche sono quelle del gruppo musicale U Sinto.

Padova, al Civitas presentato il libro "e per patria una lingua segreta"

8 Maggio 2007 Commenti chiusi


Sabato 5 maggio 2007, i Rom Kalderash Loris e Aldo Levak, con moglie, figlie e nipoti e il sinto veneto Massimo Rossetto hanno partecipato alla presentazione del libro “e per patria una lingua segreta“, presso la Fiera di Padova Civitas.

Il libro raccoglie il lavoro di ricerca del COSES, svolto su incarico dell?Amministrazione Provinciale di Venezia (Assessorato alle Politiche sociali), dedicato alla presenza dei Rom e dei Sinti sul territorio.

Dopo aver visionato velocemente i dati numerici dei rom e dei sinti residenti nei vari comuni della provincia, sia Aldo che Massimo hanno evidenziato che la ricerca non corrisponderebbe ai dati reali perchè, secondo le loro conoscenze, i numeri riportati nel testo sarebbero inferiori a quelli effettivi.

Sia Aldo che Massimo si sono impegnati a redigere una loro tabella suddividendo e specificando le presenze dei rom e dei sinti nei vari comuni della provincia di Venezia. Hanno apprezzato moltissimo l?iniziativa da parte della provincia e sono favorevoli che possa essere ripetuta anche in altri comuni allo scopo di far conoscere il loro mondo, la loro realtà e le loro problematiche.

I Sinti e i Rom sul palco, dopo aver ascoltato con attenzione i vari relatori (assessore alla provincia Zanutel, curatori del volume e al presidente dell?associazione OsservAzione) con molta serenità e sincerità hanno risposto alle domande di Sergio Frigo, giornalista del Gazzettino che ha condotto la presentazione.

Aldo ha parlato soprattutto della sua famiglia e del rapporto tra i vari membri, affrontando poi le problematiche e le difficoltà nell?esercizio della sua attività da ambulante per la mancanza di aree di sosta. Ha sottolineato il diritto ad essere liberi e poter vivere secondo le proprie tradizioni e valori culturali, nel rispetto delle leggi italiane ma con diritto ad essere rispettati.

Solo attraverso la conoscenza e il rispetto reciproco si possono costruire le basi per l?interazione con gli appartenenti alla società maggioritaria e per concretizzare questo concetto, Levak ha raccontato un fatto successogli presso un supermercato: una signora infatti, vedendoli mentre facevano la spesa, raccomandava alla sua bimba di stare lontana dagli ?zingari? perché rubavano i bambini.

Ecco, allarmi di questo genere che vengono continuamente riportati anche dalla stampa, non solo impediscono il rapporto tra il singolo rom e il suo vicino, ma fomentano lo scontro tra le diverse società.

Il sinto Massimo Rossetto ha evidenziato che spesso devono mascherare e nascondere la loro appartenenza etnica per poter lavorare, raccontando varie esperienze in cui ha dovuto lasciare il lavoro nel momento in cui si veniva a sapere chi era.

Alla domanda del giornalista che chiedeva se anche loro avessero dei pregiudizi nei confronti dei non sinti e non rom, Massimo ha risposto con una bellissima e significativa metafora: ?A casa mia la porta è sempre aperta e solo dopo che ho conosciuto la persona e constatato come si comporta, esprimo il mio giudizio! Invece per voi non è così: voi ci giudicate negativamente senza prima conoscerci!?

di Maria Grazia Dicati

In foto il palco dei relatori, da sinistra: Stefania Bragato (ricercatrice coses), Rita Zanutel (assessore provinciale, venezia), Luciano Menetto (ricercatore coses), Piero Colacicchi (presidente, osservAzione), Sergio Frigo (Gazzettino), signora Levak con il marito Aldo Levak (Rom Kalderash) e Massimo Rossetto (Sinto Veneto).

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , , ,

Padova, al Civitas sarà presentato uno studio sui Sinti e i Rom di Venezia

4 Maggio 2007 Commenti chiusi


Sabato 5 maggio 2007, alle ore 16.30, sarà presentato il volume “e per patria una lingua segreta”, presso la Fiera di Padova Civitas XII edizione 4-6 maggio 2007. Il libro raccoglie il lavoro di ricerca del COSES, svolto su incarico dell?Amministrazione Provinciale di Venezia (Assessorato alle Politiche sociali), dedicato alla presenza dei Rom e dei Sinti sul territorio. La ricerca si compone sostanzialmente di quattro parti riguardanti rispettivamente:

? l?analisi per comune, avvalendosi della conoscenza degli assistenti sociali, della presenza in provincia di rom e sinti e delle problematiche ad essa collegate. Particolarmente importante è in questa sezione l?approfondimento del rapporto tra i ?nomadi? e gli operatori dei servizi sociali, la popolazione residente e le Istituzioni;

? lo studio dei problemi sollevati dall?inserimento dei minori nel sistema scolastico attraverso una serie di interviste a testimoni privilegiati puntate sugli aspetti comportamentali, ma anche sui problemi di attrito linguistico;

? un focus, con interviste ancora rivolte a testimoni privilegiati, su alcuni problemi legati all?inserimento dei rom e dei sinti nel mondo del lavoro;

? una quindicina di interviste dirette a rom e sinti di varie zone della provincia veneziana, cercando di capire (e di far capire) che senso abbia in questo nuovo Millennio essere o nascondere di appartenere a queste etnie.

Durante la presentazione interverranno: l?Assessora alle Politiche sociali della Provincia di Venezia, i curatori del volume, il Presidente dell?associazione ?osservAzione?. Coordina il dibattito Sergio Frigo, giornalista del Gazzettino.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

Mantova, presentato il periodico giovanile d’informazione sinta

1 Febbraio 2007 3 commenti


Oggi pomeriggio a Mantova, alla presenza della stampa locale, è stato presentato “Learco Guerra News – Mengar Papieri”: il periodico giovanile d’informazione sinta, realizzato dai bambini e dagli adolescenti sinti mantovani. Il periodico sarà distribuito gratuitamente nelle scuole e negli uffici pubblici.

Alla presentazione erano presenti diversi “giornalisti in erba”: Sabrina, Dylan, Massimo, Emina, Levis, Gaya, Maverik e Alisea che insieme agli operatori Mohamed Tabi e Giuseppe Nicolini hanno realizzato il primo numero di mengar papieri (il nostro giornale, in lingua sinta).

L’iniziativa è realizzata all’interno del progetto scuola dell’Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantova, in collaborazione con il Settore Politiche Educative del Comune di Mantova. La stampa di “Learco Guerra News – Mengar Papieri” è realizzata dall’Assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Mantova.

Carlo Berini, Presidente dell’Opera Nomadi locale, ha spiegato alla stampa che tale iniziativa si inserisce nei programmi dell’Ente che intende rendere protagonisti i bambini e gli adolescenti sinti mantovani, cercando di aiutare gli adolescenti in dispersione scolastica. Inoltre, mengar papieri diventerà strumento nelle scuole per far conoscere le culture sinte e rom e quindi essere strumento di didattica interculturale.

Durante la conferenza stampa i “giornalisti in erba” hanno raccontato la nascita di “Learco Guerra News – Mengar Papieri” e si sono lasciati scappare qualche anticipazione contenute nel prossimo numero. Prima fra tutte la lettera aperta di Derek che chiede al Presidente del Mantova Calcio un aiuto nel contrasto delle discriminazioni razziali.

Per chi volesse ricevere una copia omaggio di “Learco Guerra News – Mengar Papieri” deve scrivere a: opera.nomadi@libero.it, l’indirizzo di posta elettronica ultilizzato dalla redazione.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

Mantova, presentato il progetto "nevo drom"

28 Novembre 2006 Commenti chiusi


Presentato questa mattina in Provincia il progetto Nevo Drom contro le discriminazioni razziali subite dalle popolazioni Sinte e Rom nel territorio mantovano. Alla conferenza stampa erano presenti l?assessore provinciale alle politiche sociali Fausto Banzi, Carlo Berini e Yuri Del Bar dell?Associazione Sucar Drom e Barbara Nardi dell?Istituto di Cultura Sinta.

?Negli ultimi anni ? spiegano i promotori del progetto – siamo interventi in alcuni comuni, Volta Mantovana, Castellucchio, Sabbioneta, Roncoferraro e Mantova, dopo le dirette segnalazioni di famiglie sinte?. L?Associazione Sucar Drom, in convenzione con l?Assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Mantova, intende rimuovere tutte le manifestazioni di razzismo ed esclusione che colpiscono le Minoranze Nazionali ed Europee Sinte e Rom; aiutare il territorio provinciale a prendere coscienza dei motivi storici e culturali che hanno portato a questa situazione di discriminazione su base etnica-razziale; educare il territorio provinciale ad una cultura dell?accoglienza, dell’interculturalità, della solidarietà e della pace.

Nevo drom, traduzione di nuova strada, è un progetto sperimentale dell?Associazione Sucar Drom contro le discriminazioni razziali realizzato in collaborazione con l?Assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Mantova, l?Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantova, l?Istituto di Cultura Sinta e l?Associazione Nevo Drom di Bolzano.

?Oggi permane ancora nella maggioranza della comunità mantovana una cultura dell?allontanamento o al più della mera sopportazione verso le popolazioni sinte e rom. E? scopo del progetto superare questa cultura per attivare politiche di interazione, di partecipazione diretta e di mediazione culturale che sappiano costruire patti sociali condivisi tra gli individui, le comunità, le culture e le società? spiegano sempre i promotori del progetto. Il territorio provinciale, attraverso le settanta Amministrazioni Comunali, deve essere capace di offrire pari diritti a tutti i cittadini, tutelando particolarmente i Cittadini Italiani che appartengono a Minoranze Nazionali.

?La Provincia di Mantova sostiene tutte quelle iniziative che cercano di cancellare le discriminazioni che ci sono tra le persone e che purtroppo continuano ad esserci in quesito tempi ? spiega l?assessore Banzi -. Si vedano i casi di rom e sinti ancora oggi discriminati. Oggi le discriminazioni sono aumentate con l?arrivo di immigrati che provengono da varie parti del mondo. Si tende quindi a gettare su questi individui le proprie ansie e paure. Credo sia compito delle istituzioni rimuovere tali paure e favorire il confronto e l?inserimento delle persone a cominciare anche da quegli aspetti che riguardano gli enti locali. Ad esempio con la rimozione dei cartelli stradali che recano il divieto di sosta ai nomadi?.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

Mantova, presentato alla Prefettura il rapporto sulle Minoranze Sinte e Rom

16 Novembre 2006 Commenti chiusi


Ieri mattina è stato consegnato alla Prefettura di Mantova il Rapporto dell’Istituto di Cultura Sinta sulle Minoranze Nazionali ed Europee Sinte e Rom presenti nella Provincia di Mantova. Il rapporto è stato redatto da Carlo Berini, in collaborazione con Yuri Del Bar e Denis Gabrieli (Associazione Sucar Drom), Davide Gabrieli, Vittoria Dubinina Bevilacqua e Luca Dotti (Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantova), Barbara Nardi e Stefano Liuzzo (Istituto di Cultura Sinta). A metà dicembre l’Associazione Sucar Drom promuoverà un incontro con tutte le Comunità Sinte e Rom, presenti sul territorio nazionale, con l’obiettivo di presentare un documento unitario al Ministero dell’Interno.

Interazione, mediazione culturale e partecipazione

Oggi in Italia i Sinti e i Rom, denominati ?zingari? e ?nomadi? in maniera dispregiativa ed etnocentrica, sono oggetto di discriminazione, emarginazione e segregazione anche all?interno delle stesse associazioni pro-rom/sinte.

La discriminazione è estesa a tutti i campi, nel pubblico e nel privato, pertanto l?emarginazione e la segregazione economica e sociale dei Sinti e dei Rom si trasforma in discriminazione etnica (Raccomandazione n.1557/2002 del Consiglio d?Europa).

I Sinti e i Rom Italiani vedono in molti casi negato il diritto alla residenza, il diritto alla sanità, il diritto alla scuola, il diritto al lavoro. In Italia si costruiscono ancora i ?campi nomadi?, luoghi di segregazione che concentrano gli individui contro la loro volontà.

In Italia, compresa la stessa Provincia di Mantova, la maggioranza dei Comuni ha emanato delle ordinanze di ?divieto di sosta ai nomadi? che, in palese contrasto con il dettato costituzionale (articolo 16), negano il diritto di circolare e soggiornare liberamente sul territorio nazionale ai soli cittadini italiani riconosciuti come ?nomadi? o ?zingari?.

In questa situazione drammatica i Rom provenienti da Bosnia, Confederazione Yugoslava, Croazia, Romania, Polonia, Ungheria subiscono oltremodo politiche discriminatorie, emarginanti e segreganti. Famiglie intere scappano dai loro paesi d?origine per i conflitti etnici e le guerre civili e l?Italia nega loro i più elementari diritti. Segregati nei ?campi nomadi? delle grandi città italiane, e non solo, i Rom Europei vivono situazioni inumane senza acqua, luce, servizi igienici e sono costretti a mendicare per le strade il sostentamento giornaliero.

In questi ultimi anni l?Unione Europea, il Consiglio d?Europa e altre istituzioni internazionali sono intervenute sulle problematiche vissute dai Sinti e dai Rom in Italia senza che il nostro Paese facesse propri questi interventi.

La Raccomandazione 1557/2002 del Consiglio d?Europa e la conseguente Risoluzione del Parlamento Europeo del 28 aprile 2005 non incidono sulla drammatica realtà vissuta da Sinti e da Rom in Italia.

Si consideri, inoltre, la negazione ai risarcimenti e alla memoria di quanto successo in Italia durante il periodo fascista. Nel nostro Paese quasi tutti conoscono la parola Shoah ma quasi nessuno la parola Porrajmos (divoramento) che designa le persecuzioni, su base razziale, subite dalle popolazioni sinte e rom. La stessa Legge n.211/2000 (Istituzione del “Giorno della Memoria” in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti) non fa menzione al Porrajmos. Eppure, a partire dal 1940 il Ministero dell?Interno (circolare n. 63462/10, 11 settembre 1940) ha dato ordine a tutte le Prefetture di rinchiudere i Sinti e i Rom nei campi di concentramento e dalle università italiane è giunta la giustificazione razziale per lo sterminio. Il fatto che ancora oggi vengano negati gli spazi per il racconto dei sopravvissuti, appartenenti ad una cultura orale, offre il segno più evidente della situazione italiana.

Anche la nuova legislazione per il contrasto alle evidenti discriminazioni razziali ed etniche, dirette ed indirette, non ha creato un movimento di opinione e di azione che doverosamente bisogna costruire.

I Sinti e i Rom Italiani ed Europei esprimono propri sistemi sociali e proprie culture, strutturate con valori e norme morali, che si differenziano in maniera significativa dalle strutture sociali e culturali delle società capitalistiche e dello stato moderno.

In Italia le società e le culture sinte e rom sono spesso negate e ridotte ai soli aspetti folkloristici; questo ha comportato e comporta la predisposizione di politiche e di progetti che hanno l?obiettivo di integrare gli stessi Sinti e Rom dentro la società maggioritaria, in senso numerico.

Ad un primo esame “integrare” implica infatti una reductio ad unum, una funzionalizzazione, seppure non nel senso di eliminazione, delle alterità ad un unico progetto. Esse non partecipano all?elaborazione di questo progetto ma vi si devono “integrare”. Se ben analizzata l?integrazione fa riferimento ad una logica assimilativa e non è quindi assunta quale obiettivo nella Provincia di Mantova.

L?integrazione comporta, mediante un “teoricamente” libero consenso, l?accettazione di un sistema di valori costruito da altri e imposto forzatamente, incapace di rispettare l?alterità che non partecipa in alcun modo alla definizione della stessa piattaforma valoriale.

Infatti, l?obiettivo dell?inclusione sociale (includere in una definita struttura sociale) oltre a negare aprioristicamente le società e le culture proprie dei Sinti e dei Rom, si propone l?assimilazione degli stessi e quindi l?estinzione delle strutture sociali e culturali proprie di queste popolazioni.

Tali obiettivi sono a ragione contrastati dai Sinti e dai Rom, consegnando al fallimento questi progetti e alla problematizzazione della loro presenza in Italia che è evidente e incontestabile.

Nella Provincia di Mantova le organizzazioni presenti, Associazione Sucar Drom e Ente Morale Opera Nomadi, stanno creando i presupposti perché le comunità sinte e rom siano considerate protagoniste sociali pensanti e di conseguenza siano attuate politiche di interazione, di partecipazione diretta e di mediazione culturale.

Le politiche costruite insieme alle diverse Minoranze Sinte e Rom, presenti sul territorio provinciale, sono partite dal concetto di interazione per creare relazioni empatiche, incondizionate e prive di valutazioni, promotrici della crescita, del benessere e dell’indipendenza di entrambe le parti.

L’idea di fondo, valoriale ed epistemologica, da cui muove questa riflessione è, innanzitutto, il riconoscimento del diritto alla differenza e quindi al riconoscimento dell’alterità come occasione di incontro tra diverse società e culture capaci di generare un migliore modo d’essere.

A partire dal 1990, con il primo progetto pilota di mediazione culturale, nella Provincia di Mantova le relazioni si sono costituite dall?interazione tra le diverse società, strutturandosi nel tempo e in diverse situazioni, arrivando a riflettere una relazione condivisa e capace di superare le diverse difficoltà, sapendole leggere quali ricchezze per entrambe le società.

Il risultato più evidente di questa visione politica e metodologica è l?elezione di Yuri Del Bar, Sinto Emiliano, nel Consiglio Comunale di Mantova nel 2005. Yuri Del Bar è stato il primo eletto, appartenente ad un Minoranza Nazionale Sinta e Rom, in un organismo politico in sessanta anni di Repubblica Italiana. I Sinti e i Rom hanno iniziato a diventare, con questo avvenimento, parte interagente ed integrante della comunità locale mantovana.

Il lavoro svolto inizialmente insieme al Comune e alla Provincia di Mantova e successivamente con diversi Comuni parte dal riconoscimento delle diverse Comunità Rom e Sinte come Minoranze Nazionali.

I Sinti e i Rom Italiani ed Europei, presenti sul territorio provinciale hanno proprie società e culture. Società e culture, al pari della società capitalistica e dello stato moderno, intese come reti di simboli significanti che gli individui utilizzano per attribuire significati condivisi alle loro azioni, comportamenti, esperienze, creando concetti propri d?identità. Identità che non può essere intesa come immobile ma quale costrutto sociale soggetto al continuo confronto o al conflitto di interpretazione fra i singoli individui che vi si riconoscono e alle continue modificazioni che impone l?ambiente circostante.

Le Minoranze Nazionali, presenti sul territorio provinciale, sono sette: Sinti Lombardi, Sinti Emiliani, Sinti Marchigiani, Sinti Veneti, Sinti Piemontesi, Sinti Teich e Rom Calabresi.

Le Minoranze Europee, presenti sul territorio provinciale, sono sei: Rom Kaloperi (Bosnia Erzegovina), Rom Shiftarija (Kosovo, Confederazione Yugoslava), Rom Romeni (Romania), Rom Gadjikanè (Serbia, Confederazione Yugoslava), Rom Arljia (Serbia, Confederazione Yugoslava), Rom Rudara (Serbia, Confederazione Yugoslava).

L?Italia nega ai Sinti e ai Rom sia l?applicazione della Carta Europea sulle Minoranze Etnico Linguistiche sia l?applicazione della Convenzione Quadro per le Minoranze Nazionali.

In Italia il 15 dicembre 1999 è stata approvata la Legge n. 482 che esclude le Minoranze Etniche Linguistiche Sinte e Rom dalla valorizzazione delle lingue e delle culture minoritarie, presenti nel nostro Paese.

Dobbiamo tuttavia considerare che difficilmente la Legge n. 482 potrà incidere a favore dei Sinti e dei Rom poiché dalla sua analisi si evince che le disposizioni di tutela delle minoranze linguistiche storiche ?sono adottate dal consiglio provinciale, sentiti i comuni interessati, su richiesta di almeno il quindici per cento dei cittadini iscritti nelle liste elettorali e residenti nei comuni stessi, ovvero di un terzo dei consiglieri comunali dei medesimi comuni o nel caso in cui non sussista alcuna delle due condizioni il procedimento di riconoscimento inizia qualora si pronunci favorevolmente la popolazione residente, attraverso apposita consultazione promossa dai soggetti aventi titolo e con le modalità previste dai rispettivi statuti e regolamenti comunali?.

Tali condizioni saranno difficili da ottenere omogeneamente su tutto il territorio nazionale. L?eventuale applicazione della Legge n. 482 alle Minoranze Sinte e Rom rischia di diventare privilegio di pochi. Inoltre, la legge è stata scritta pensando a minoranze insediate in un preciso e definito territorio, al contrario dei Sinti e dei Rom che risiedono su tutto il territorio nazionale. In ultimo, non risolverebbe certo le diverse problematiche presenti.

Le famiglie appartenenti alle Minoranze Nazionali ed Europee Sinte e Rom, presenti nella Provincia di Mantova, sono residenti in quattordici Comuni: Mantova, Marmirolo, Curtatone, Castiglione delle Stiviere, Castel Goffredo, Casalromano, Goito, Moglia, Quistello, Pegognaga, Asola, Monzambano, Cavriana e Castellucchio.

Le famiglie appartenenti alle Minoranze Nazionali ed Europee Rom (circa 30 famiglie) vivono in appartamenti ALER, comunali e in alcuni casi di proprietà.

Le famiglie appartenenti alle Minoranze Nazionali Sinte (circa 50 famiglie) vivono in aree di proprietà, dove sono riunite le famiglie allargate. Questa tipologia abitativa, acquisto e residenza su terreni agricoli, è andata in crisi con l?entrata in vigore del Testo Unico n.380/2001 e della Legge Regionale n.12/2005 che definiscono la roulotte abuso edilizio. Per questa ragione l?Associazione Sucar Drom, in convenzione con la Provincia di Mantova, sta trattando con tutte le Amministrazioni Comunali per trasformare a livello urbanistico questi insediamenti. La nostra proposta, a livello nazionale, è quella di inserire una modifica alle diverse Leggi Regionali, in modo tale che ogni Comune debba comprendere nel proprio Piano Regolatore (la terminologia cambia da Regione a Regione) la possibilità di rendere fattibile l?insediamento su terreni, acquistati con proprie risorse, delle famiglie sinte e rom almeno per lo 0,5 per mille (dato da verificare in tutta l?Italia) delle aree agricole su un dato territorio. Ciò permetterà una sanatoria a tutte le situazioni preesistenti e la possibilità futura per altri insediamenti. Si consideri che questa modalità abitativa è stata la risposta delle Minoranze Rom e Sinte ai processi di segregazione e di assistenzialismo propri dei cosiddetti ?campi nomadi?.

Tre famiglie Sinte, nella Provincia di Mantova, abitano in case di proprietà e circa venti famiglie Sinte vivono nel ?campo nomadi? del Comune di Mantova.

Diverse famiglie Sinte (circa trenta) per ragioni lavorative sostano in periodi diversi in tutti i settanta Comuni della Provincia di Mantova. Sono essenzialmente Sinti Lombardi che svolgono l?attività di spettacolo viaggiante e Camminanti (residenti a Noto in Sicilia) che svolgono le attività di arrotini e ombrellai. Per lo spettacolo viaggiante dobbiamo rilevare la generale non applicazione della Legge n. 337, del 18 marzo 1968 (disposizioni sui Circhi Equestri e sullo Spettacolo Viaggiante) e un continuo inasprimento della tassazione in tutti i Comuni. Inoltre, una famiglia Rom Kalderasha svolge un?attività itinerante di battitura e lucidatura di metalli su tutto il territorio provinciale.

In ultimo, dalle mappature prodotte dall?Associazione Sucar Drom, su mandato dell?Assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Mantova, si è evidenziato il transito continuo di famiglie Rom e Sinte nei Comuni di Mantova e Castiglione delle Stiviere, dove si sta studiando la realizzazione di aree di transito. Infatti, l?unica piccola area di transito (per due famiglie) della Provincia di Mantova è sita nel Comune di Solferino.

Sicuramente il riconoscimento ai Sinti ed ai Rom dello status di Minoranze con una legge apposita ci sembra la strada meglio percorribile. Nei prossimi mesi sarà necessario studiare il merito del riconoscimento (Minoranze Nazionali o Minoranze Etniche Linguistiche, senza ripetere gli errori fatti nella stesura delle leggi regionali) anche in considerazione delle esperienze spagnole, austriache e svedesi.

In Italia le politiche sociali a favore delle Minoranze Sinte e Rom sono improntate sulla negazione delle loro società e culture. I progetti hanno l?obiettivo dell?integrazione e dell?inclusione sociale, impiegando strumenti già sperimentati per il sottoproletariato italiano.

Tali pratiche, quali la scolarizzazione coatta e l?acceso al lavoro sacrificale e capitalistico, hanno evidenziato il loro completo fallimento in questi ultimi trenta anni, soprattutto per le Minoranze Sinte.

Una politica interculturale è evidentemente ancora oggi negata e osteggiata nella realtà ma promossa e ostentata nelle parole e negli intenti. Tale teoria dei procedimenti nasce con l?arrivo, all?inizio degli anni novanta, dei primi immigrati e viene subito fatta propria negli intenti anche per le Minoranze Sinte e Rom, soprattutto nello strumento sociale scuola.

L?intercultura è costituita da processi e metodologie, come la mediazione culturale, che portano le diverse culture e società alla reciproca conoscenza per instaurare dialogo e comprensione reciproca.

Obiettivo dei nostri progetti è il riconoscimento dei pieni diritti di cittadinanza delle Minoranze Nazionali ed Europee Sinte e Rom, attraverso l?agevolazione dei contatti per la costruzione di relazioni tra gli individui e le diverse società, realizzando una cultura della conoscenza, del dialogo e della comprensione, fondata sull’acquisizione responsabile di diritti reciproci.

Per raggiungere tale obiettivo è risultata indispensabile la costruzione di azioni dove la mediazione culturale è divenuta la metodologia cardine in ogni progetto.

In questi anni questa metodologia si è dimostrata efficace nella promozione delle capacità di convivenza costruttiva in un tessuto culturale e sociale multiforme. Comportando non solo l’accettazione ed il rispetto dell?alterità, ma anche il riconoscimento delle diverse identità culturali e sociali, nella quotidiana ricerca di dialogo, di comprensione e di collaborazione, in una prospettiva di reciproco arricchimento.

Le metodologie della mediazione culturale strutturate a Mantova e non solo svolgono tre funzioni: pratica, comunicativa/formativa e psico-sociale.

La mediazione culturale favorisce i processi di interazione cercando di eliminare gli elementi di attrito e soprattutto di scontro, ricercando e valorizzando i momenti di condivisione che la società maggioritaria e le società sinte e rom hanno trovato o stanno contrattando insieme, lasciando i momenti di diversità al loro posto.

Inoltre, la mediazione culturale tende a non far prevalere una società sull’altra e viceversa. Considerando che esistono forti squilibri nei rapporti di forza tra la società maggioritaria e le società sinte e rom. Uno di questi squilibri, forse il più evidente, è il costringere queste popolazioni nei cosiddetti “campi nomadi”, concentrandoli e ghettizzandoli a forza. Nel Comune di Mantova è presente l?unico ?campo nomadi? della Provincia, dove vivono dalle cinquanta alle cento persone. L?Ente Morale Opera Nomadi locale ha firmato con il Comune di Mantova una convenzione per la chiusura definitiva di tale struttura ghettizzante e segregante, entro quattro anni.

Nella sperimentazione costruita a Mantova, a partire dal 1992, la mediazione culturale è attuata da due mediatori: uno appartenente alle società rom e sinte e uno appartenente alla società maggioritaria, in senso numerica. I mediatori sanno percorrere entrambe le culture, senza perdere la propria identità, sostenendosi ed elaborando insieme strategie per la risoluzione dei conflitti. Eludendo l?immagine di un mediatore equilibrista e il rischio di schizofrenia culturale e sociale.

La metodologia della mediazione culturale è utilizzata in qualsiasi progetto e in definitiva in ogni ambito d?intervento (habitat, cultura, contrasto alle discriminazioni, lavoro, sanità, scuola e formazione, servizi sociali, ?).

Diventa estremamente difficile pensare ad un affrancamento dalle logiche ghettizzanti proprie del ?campo nomadi? o pensare a progetti di lavoro senza l?intervento della mediazione culturale. Tutte le esperienze passate che non hanno fatto uso di tale metodologia e che non hanno coinvolto direttamente i Sinti e i Rom, sono fallite.

Inoltre, la mediazione culturale è ad oggi l?unica metodologia progettuale che è riuscita a scardinare atteggiamenti assistenzialistici / caritativi, paternalistici, discriminanti e segreganti, proprio attraverso la partecipazione diretta di Sinti e di Rom.

Infatti, ancora oggi si pensa generalmente che la ?scuola? sia l?unico strumento utile alle Minoranze Sinte e Rom per superare l?attuale situazione di segregazione e discriminazione. Tale assunto è un grave errore sociologico e politico che, dopo aver prodotto danni enormi sotto gli occhi di tutti, continua ad essere perpetrato condannando le Minoranze Sinte e Rom ad una sempre maggiore emarginazione.

Considerare ?perse? le generazioni adulte e indirizzare tutti gli sforzi per inserire nella scuola i bambini e gli adolescenti nell?intento di plasmare una nuova generazione capace di rivendicare i propri diritti è stata una delle sconfitte più eclatanti nella storia del nostro Paese. Ancora oggi in molti hanno tale sogno e non sono capaci di vedere che lo strumento sociale scuola, proprio delle società capitalistiche e dello stato moderno, è tutto da discutere insieme alle diverse Comunità Sinte e Rom che hanno società strutturate diversamente.

Nella Provincia di Mantova si tende ad introdurre nella scuola i principi della pedagogia interculturale: il bambino sinto e rom quando entra a scuola deve trovare tracce del suo mondo concreto.

I diversi servizi di mediazione culturale hanno assicurato una buona preparazione agli insegnanti più sensibili alle problematiche dell?intercultura ma si sono scontrati molte volte con razzismo e ignoranza, mascherati da ?buonismo? e da atteggiamenti paternalisti. L?atteggiamento di alcuni insegnanti è il seguente: ?dobbiamo aiutarli a non diventare come i loro genitori?. Questo porta conseguentemente all?insuccesso scolastico.

Infatti, dopo il conseguimento della licenza media inferiore tutti i minori sono avviati in un percorso scolastico professionalizzante, escludendo completamente la possibilità di entrare in percorsi scolastici superiori (licei e istituti tecnici) che portino alla formazione universitaria.

Mentre nelle comunità rom e sinte è iniziata un?attenta riflessione tesa a vedere la scuola come una risorsa, nella scuola si denotano forti resistenze nell?applicazione delle Raccomandazioni del Consiglio d?Europa, dei Programmi Ministeriali e di tutte le Circolari Ministeriali che dispongono ?la bilateralità dell?obbligo che impone anche alla scuola il massimo rispetto dell?identità culturale dei soggetti interessati e il dovere di predisporre un?organizzazione proficua, soddisfacente e rispondere ai reali bisogni degli stessi?.

Il terzo presupposto, insieme al concetto di interazione e alle metodologie della mediazione culturale, per costruire progetti sostenibili è la partecipazione diretta dei Sinti e dei Rom. La partecipazione inizia dalla capacità di ascoltare l?Altro. L?ascolto è una relazione fondamentale degli esseri umani che permette l?incontro e la crescita. In molte realtà non esiste un?educazione all?ascolto dell?alterità, scevro da interpretazioni che finiscono per formulare il pregiudizio.

Infatti, la partecipazione dei Sinti e dei Rom a tutti i livelli (politica, progettuale, nelle realizzazioni e nelle verifiche) non può e non deve essere strumentale ma deve essere libera e supportata con ogni mezzo e forma. Anche il sostegno economico, che non è un tabù, deve essere impiegato con i connotati fondamentali di giustizia, trasparenza e dialettica tra le parti contrattuali. Le realtà locali dove i Sinti e i Rom hanno ?potere? hanno saputo costruire percorsi interculturali e stanno uscendo dalle logiche discriminanti e segreganti.

In Italia la mancanza di spazi di partecipazione diretta si riflette drammaticamente nelle strutture politiche e decisionali, proprie della società maggioritaria (in senso numerico). Non è un caso che in sessanta anni di Repubblica in Italia sia stato eletto direttamente un solo appartenente alle Minoranze Sinte e Rom, Yuri Del Bar nel Consiglio Comunale di Mantova.

La partecipazione diretta di Sinti e di Rom non sarà certo il frutto di una qualche forma di autopoiesi; non sarà il prodotto di estemporanee illuminazioni e non sarà neanche il risultato, comunque non solo, di profonde riflessioni ma si costruisce offrendo reali spazi decisionali a tutti i livelli.

Quando abbiamo iniziato il percorso a Mantova, nel 1987, una difficoltà che abbiamo incontrato è sul come può essere considerata la partecipazione. Lavorando e discutendo insieme abbiamo identificato due distinti approcci alla partecipazione.

Il primo può essere definito un approccio strumentale che vede il coinvolgimento dei Sinti e dei Rom come mezzo per raggiungere gli obiettivi di un determinato progetto (pensato da appartenenti alla società maggioritaria) nella maniera più efficiente, efficace e sostenibile. La partecipazione può essere una sorta di “condizionalità” imposta dall’alto o il risultato di una mobilitazione “volontaria” che punta all’ottenimento dei benefici materiali offerti dal progetto. Questo approccio è, nel migliore dei casi, quello utilizzato nel Paese. In effetti, dispiace affermarlo, ci sono moltissime realtà in Italia che non impiegano nessun approccio alla partecipazione, ripetendo la solita frase tipo: ?noi li chiamiamo ma loro non vengono??.

Il secondo approccio vede la partecipazione come un fine in sé, mirante al rafforzamento del potere dei Sinti e dei Rom (empowerment) in tutti i processi decisionali che li riguardano, accrescendo il loro controllo sulle scelte relative ai processi di cambiamento. Nuove capacità acquisite attraverso il processo partecipativo stimolano un ruolo attivo e dinamico delle comunità Sinte e Rom che si espande oltre i confini di un progetto particolare e investe processi di trasformazione sociale di più vasta portata.

Mentre il primo approccio privilegia le strutture e i risultati della partecipazione, il secondo si concentra su un processo che non ha necessariamente un obiettivo preciso ma che stimola cambiamenti profondi nei rapporti tra le diverse società.

Uno dei problemi che è alla radice della non partecipazione dei Sinti e dei Rom è quello economico. Difficile che un Rom o un Sinto riesca a partecipare, magari gratuitamente (volontariato), se ha difficoltà a procacciarsi il sostentamento giornaliero ed è costretto a vivere in un ?campo nomadi?. Su questo problema è importante investire ingenti risorse.

Crediamo che anche la politica del futuro, sempre più globalizzata, sarà caratterizzata da questa nuova dicotomia: chi è per la partecipazione e chi è contro la partecipazione; chi intende fare evolvere la democrazia verso forme di maggiore coinvolgimento dei cittadini e chi vuole perpetuare la staticità dei rapporti politici incardinati al principio della delega.

La sfida posta a Mantova non è solo rivolta all?interno della nostra piccola realtà ma è una sfida che poniamo, con il nostro agire, nelle comunità intere dove interveniamo.

In particolare, l?Associazione Sucar Drom, anche in collaborazione con l?Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantova e l?Istituto di Cultura Sinta, interviene in: Regione Lombardia (Province di Brescia, Milano, Varese, Cremona, Pavia, Mantova); Regione Veneto (Province di Padova, Vicenza, Verona); Regione Emilia Romagna (Province di Modena, Reggio Emilia; Piacenza, Bologna, Rimini); Regione Piemonte (Province di Asti, Novara, Torino); Regione Toscana (Province di Pisa, Pistoia, Firenze, Massa Carrara); Regione Friuli Venezia Giulia e Trentino Alto Adige.

RIFERIMENTI NORMATIVI

- Costituzione Italiana (Articoli 3, 6 e 16);
- Legge Regionale n.77/89, azione regionale per la tutela delle popolazioni appartenenti alle etnie tradizionalmente nomadi e seminomadi, 27 dicembre 1989, Regione Lombardia;
- Legge n.1228/1954, D.P.R. n.223/1989 e Circolare del Ministro dell?Interno, n.8 del 29 maggio 1995;
- Circolari del Ministero dell?Interno n. 17/73 (del 11.10.1973, pos. 15900.2.22, prot. 7063) e n. 151/85 (del 5.7.1985, XXVII/P.6) con oggetto: Problema dei nomadi.
- Legge n. 337, del 18 marzo 1968 (disposizioni sui Circhi Equestri e sullo Spettacolo Viaggiante);
- Legge 328/2000 sulle politiche sociali;
- Decreto Legislativo n.215/2003 sul contrasto delle discriminazioni razziali ed etniche;
- Legge n.211/2000, istituzione del “Giorno della Memoria” in ricordo dello sterminio e delle persecuzioni del popolo ebraico e dei deportati militari e politici italiani nei campi nazisti;
- Legge 47/1985, Testo Unico n. 380/2001 e Legge Regionale n.12/2005;
- Raccomandazione n.1557, adottata dall?Assemblea Parlamentare del Consiglio d?Europa il 25 aprile 2002, sulla situazione giuridica delle Minoranze Etniche Linguistiche Rom e Sinte in Europa;
- Raccomandazione n° R (2000) 4 del Comitato dei Ministri agli Stati membri sulla scolarizzazione dei fanciulli rom e sinti in Europa;
- Risoluzione del Parlamento Europeo sulla Situazione dei Rom e dei Sinti nell?Unione Europea del 28 aprile 2005;
- Sentenza del 7 dicembre 2005 di condanna all?Italia per la politica segregante dei ?campi nomadi? e degli sgomberi, Comitato Europeo per i Diritti Sociali, decisione nel merito, Reclamo No. 27/2004;
- Rapporto di Alvaro Gil-Robles, Commissario per i Diritti Umani del Consiglio d’Europa, sulla situazione dei Rom e dei Sinti in Italia, Strasburgo 14 dicembre 2005;
- Roma and Travellers in Public Education, European Monitoring Centre on Racism and Xenophobia (EUMC), Maggio 2006;
- Risoluzione del Parlamento Europeo sulla situazione delle donne Rom nell’Unione Europea, 1 giugno 2006, Bruxelles.

PROGETTI ATTIVI IN PROVINCIA DI MANTOVA

- Mediazione culturale sul territorio provinciale, protocollo d?intesa tra Associazione Sucar Drom e Assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Mantova, in collaborazione con l?Istituto di Cultura Sinta;
- Mediazione culturale, convenzione tra Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantova e Assessorato ai Servizi Sociali del Comune di Mantova, in collaborazione con l?Istituto di Cultura Sinta;
- Pilas u Romia (in primo piano le donne), progetto di mediazione culturale al femminile, Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantova in collaborazione con la Regione Lombardia e la Provincia di Mantova;
- Scolarizzazione, convenzione tra Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantova e Assessorato alle Politiche Educative del Comune di Mantova, in collaborazione con l?Istituto di Cultura Sinta;
- Mengro labatarpe (il nostro lavoro), progetto attuato dall?Associazione Sucar Drom e dall? Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantova, in collaborazione con la Provincia di Mantova, i Piani di Zona di Suzzara e Mantova e diversi Comuni;
- Mediazione culturale, protocollo d?intesa tra Associazione Sucar Drom e Comune di Curatatone;
- Farba e ghia, colori e canzoni dall?infanzia sinta, progetto di pittura, scultura e teatro, Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantova in collaborazione con gli Assessorati ai Servizi Sociali e alle Politiche Educative del Comune di Mantova e l?Istituto di Cultura Sinta;
- Pringiarasmi (conosciamoci), progetto informativo, formativo e di ricerca in diversi moduli, Istituto di Cultura Sinta in collaborazione con l?Assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Mantova;
- Nevo Drom (nuova strada), progetto sperimentale di contrasto alle discriminazioni razziali ed etniche (dirette ed indirette), Associazione Sucar Drom in collaborazione con la Provincia di Mantova e l?Associazione Nevo Drom (Bolzano)

Inoltre, sono attivati diversi progetti culturali (iniziative per Il Giorno della Memoria, fotografia, musica, cinema. pittura,?) a cura dell?Istituto di Cultura Sinta, in collaborazione con l?Associazione Sucar Drom, l?Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantova e le diverse realtà territoriali e private della Provincia di Mantova.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , , ,

Mantova, presentato il corso di formazione pringiarasmi

15 Novembre 2006 Commenti chiusi


Questa sera a Mantova, alle ore 17.00, è stato presentato nella Sala Consiliare della Provincia di Mantova il corso di formazione pringiarasmi con l’obiettivo di formare con moduli differenziati tutti i diversi attori sociali presenti nella Provincia di Mantova sulle società e le culture sinte e rom, offrendo strumenti sia di lettura delle diverse realtà sia d?intervento attivo.

Il progetto prevede due differenti percorsi:
- un modulo base strutturato su tre incontri laboratoriali di due ore e mezza ciascuno;
- quattro laboratori interattivi, divisi in due incontri di due ore e mezza ciascuno.

Il primo incontro si terrà mercoledì 6 dicembre 2006, alle ore 15.00, presso il Centro di Formazione ENAIP di via Trincerone. L’incontro, dal titolo una storia scritta da altri, tratterà: l’arrivo delle popolazioni sinte e rom in Europa; la formazione della società capitalistica e dello stato moderno; le politiche subite in seicento anni dalle Minoranze Etniche Linguistiche Sinte e Rom; il Porrajmos; dal dopo guerra all?Unione Europea, le strategie di sopravvivenza.

Per informazioni e iscrizioni
dottoressa Barbara Nardi, Istituto di Cultura Sinta
via don Enrico Tazzoli n.14, 46100 Mantova
telefono 0376 360643, fax 0376 318839
e-mail: ics@sucardrom.191.it

Riferimenti: Pringiarasmi

Categorie:Senza categoria Tag: , , , ,

Mantova, presentato il progetto formativo "pringiarasmi"

12 Ottobre 2006 Commenti chiusi


Ieri mattina i ricercatori dell’Istituto di Cultura Sinta hanno presentato il progetto pringiarasmi (conosciamoci, in lingua sinta). Alla conferenza stampa, tenuta nella Sala dei Corazzieri a Palazzo di Bagno, è intervenuto l’Assessore Fausto Banzi che sostiene la complessiva progettualità.

L?Istituto di Cultura Sinta, formato dall?Associazione Sucar Drom e dall?Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantova, ha come scopo lo studio delle culture sinte e rom, la loro promozione e valorizzazione verso la cultura maggioritaria, in senso numerico.

L?obiettivo del progetto pringiarasmi (conosciamoci, in lingua sinta) è quello di informare e formare con moduli differenziati e diversi studenti, volontari, operatori delle istituzioni e degli enti locali e la comunità intera della Provincia di Mantova.

Il progetto si inserisce nel percorso di informazione e formazione, condiviso con la Provincia di Mantova nel 2003 con la pubblicazione degli atti del convegno la mediazione culturale: una scelta, un diritto.

Il progetto pringiarasmi prevede la promozione di interventi di formazione, nelle seguenti modalità

1. Preparazione di moduli formativi indirizzati a:
a) insegnanti ed educatori allo scopo di sperimentare in maniera più sistematica nel sistema scolastico le metodologie della didattica interculturale atte a consentire ai minori rom e sinti una più proficua vita scolastica che consenta loro di ritrovare anche nella scuola tracce del loro mondo concreto;
b) studenti per aiutare gli insegnanti nell?introduzione dei temi propri della didattica interculturale e offrire la conoscenza delle società e delle culture dei Sinti e dei Rom;
c) operatori degli Enti Locali, referenti e operatori di uffici di piano dei sei ambiti territoriali, dei servizi ASL e del terzo settore allo scopo di migliorare le condizioni effettive di fruizione, da parte delle famiglie sinte e rom, dei servizi presenti sul territorio;
d) volontari allo scopo di creare una coscienza condivisa nell?affrontare le molteplici problematiche presenti sul nostro territorio provinciale.

2. La biblioteca, l?emeroteca, la videoteca e la discoteca donate dall?Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantova e dall?Associazione Sucar Drom sono già punto di riferimento importante per gli studiosi e gli studenti universitari della nostra provincia. Il materiale presente è espressione preminente di tutta la produzione passata e presente sulle culture sinte e rom, anche con la presenza di testi di valore storico, ed è continuamente in fase di aggiornamento con l?acquisizione di nuovi materiali. Si intende mettere in rete il catalogo secondo le indicazioni sulla catalogazione libraria seguite dalla Regione Lombardia (sistema SBN, e OPAC Sebina), per rendere ancora più fruibile questi materiali di formazione ai soggetti indicati al punto 1 e aggiornare in maniera permanente i nuovi materiali acquisiti.

3. Organizzazione di giornate di studio e di confronto sulle metodologie della mediazione culturale e del riconoscimento sociale e culturale dei Sinti e dei Rom, in collaborazione con le principali università italiane e anche organizzazione di eventi che abbiano per argomento aspetti delle culture o della storia rom e sinta.

4. Promozione e diffusione di materiali che abbiano per argomento aspetti culturali, antropologici, sociologici, storici dei mondi sinti e rom.

5. Partecipazione all?organizzazione di eventi per Il Giorno della Memoria rivolti alle scuole e alla cittadinanza della Provincia di Mantova per promuovere la conoscenza e la riflessione sul Porrajmos (grande divoramento, in lingua sinta), lo sterminio che il nazifascismo ha attuato nei confronti delle popolazioni rom e sinte europee durante la seconda guerra mondiale.

Inoltre, l’Istituto intende promuovere un concorso rivolto ad artisti ed architetti per la realizzazione di un memoriale sul Porrajmos e un centro di ricerca e formazione contro le discriminazioni razziali subite dalle popolazioni sinte e rom.

Riferimenti: Provincia di Mantova

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

Festival di Cannes, presentato il nuovo film di Tony Gatlif

12 Giugno 2006 Commenti chiusi


E’ stato presentato, fuori concorso, al Festival di Cannes il film “Transylvania” del regista rom Gatlif che ha come attrice protagonista Asia Argento. Il film è la storia di una ragazza che parte assieme alla sua amica Marie in Transilvania per andare alla ricerca dell?uomo che ama. Lo rivede alla grande festa di Erode, una cerimonia pagana. Ma è in quel momento che capisce di essere sola. Dopo essersi separata da Marie, si sposta senza meta assieme a un altro uomo, Tchangalo, anche lui solo, senza casa.

La critica stronca il film, che per altro non abbiamo ancora visto, affermando che la frenesia dello stesso appare come la riproduzione di certe sonorità presenti in altre opere del regista e non appare tanto lontana dall?atteggiamento di Kusturica che inserisce una musica che ha un ritmo crescente come per mascherare i gravi limiti di un film che non comunica, che non da mai l?impressione di poter trascinare in spazi lontani.

Ha detto Gatlif: «Asia ha, come la mia protagonista, un temperamento Rom e vive il gusto della libertà».

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , ,

Treviso, presentato in regione il progetto per il "campo nomadi"

26 Febbraio 2006 Commenti chiusi


Il Comune di Treviso ha presentato in Regione Veneto il progetto per la realizzazione di un nuovo “campo nomadi”.

Il campo dovrà accogliere i Sinti, i Rom e i Giostrai che sono insediati in vari terreni sul territorio comunale. Il nuovo “campo” sarà precluso a chi è “itinerante”.

Il progetto prevede il concentramento di circa cento persone in un sito inquinato e mai bonificato, secondo a quanto affermano alcune forze politiche locali.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , ,