Archivio

Post Taggati ‘nuova’

Milano, il Prefetto da ordine di applicare la nuova normativa per i Rom Rumeni

4 Luglio 2007 Commenti chiusi


Si è tenuto lunedì 2 luglio in Prefettura il tavolo sui Rom, cui hanno partecipato, oltre al Prefetto Gian Valerio Lombardi, il vice sindaco e l?assessore ai Servizi Sociali del Comune di Milano Riccardo De Corato e Mariolina Moioli, il comandante della Polizia Municipale Emiliano Bezzon e l?assessore provinciale alla Sicurezza Alberto Grancini.

Uno dei temi al centro dell?attenzione, è stata la direttiva europea relativa al diritto dei cittadini dell?Unione e dei loro familiari di circolare e soggiornare nel territorio degli Stati membri, che concedendo anche ai rumeni la ?cittadinanza europea? ha di fatto aperto le porte a migliaia di nuovi immigrati, senza sostegno e senza casa, provenienti da questa terra.

Il Prefetto di Milano ha annunciato di aver dato disposizione affinché gli agenti delle Forze dell?Ordine si attrezzino per accertare la presenza sul territorio di cittadini comunitari che non siano in grado di provvedere al proprio sostentamento economico e a quello della propria famiglia. Gli agenti, ha spiegato Lombardi, dovranno eseguire specifici controlli a partire da accattoni e mendicanti.

La normativa europea, infatti, parla chiaro: chi non ha un lavoro e mezzi economici sufficienti a vivere dignitosamente sarà allontanato. Dopo i controlli delle Forze dell?Ordine, quindi, il cittadino comunitario potrà entro tre mesi recarsi pressi gli uffici dell?Anagrafe per l?iscrizione, dichiarando il proprio nome, la residenza, l?attività lavorativa e la disponibilità di risorse economiche sufficienti per sé e per i propri familiari.

In caso contrario, e quindi venendo a mancare le condizioni indispensabili a determinare il diritto di soggiorno dell?interessato, il Prefetto provvederà ad emanare un apposito provvedimento di allontanamento del cittadino e dei propri familiari, con atto motivato e notificato all?interessato.

Continua a leggere…

In foto il Prefetto Lombardi (a sinistra) con Fontana, Presidente del Consiglio Regionale Lombardo

Trento, si presenta la nuova associazione "Nevo Drom TN"

5 Giugno 2007 Commenti chiusi


Siete tutti invitati domani, mercoledì 6 giugno 2007, alla conferenza stampa per la nascita della prima associazione sinta nel trentino, denominata ?NEVO DROM TN? (Associazione Culturale di promozione sociale).

L?Associazione, formata prevalentamente da Sinti, persegue obiettivi culturali e sociali allo scopo di favorire l?interazione tra le varie Culture Europee, sensibilizzare ad una cultura dell?accoglienza, della solidarietà, della giustizia sociale e della cooperazione, per il rispetto e la valorizzazione delle minoranze etniche.

Per gli scopi elencati l?associazione promuove, allestisce e cura: attività e manifestazioni in ambito culturale, corsi di recupero scolastico, incontri e convegni, mostre ed esposizioni, rassegne e festival, qualsiasi altra attività sia utile al perseguimento della finalità sociale.

La conferanza stampa inizierà alle ore 10.00, a Trento in via Endrici n. 27, presso la sede della Caritas locale. Interverranno: Carlo Berini dell?Associazione Sucar Drom e Radames Gabrielli socio Ass. Nevo drom Tn e Presidente dell?associazione Nevo Drom di BZ.

Alla fine della presentazione sarà offerto un rinfresco per tutti i presenti.

Per informazioni:
Giuliano Gabrieli 338 3123825, 320 6727904
Mirco Gabrieli (in foto) 347 1149983

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , ,

Vicenza, Forza Nuova e Azione Sociale manifestano contro i Rom e i Sinti

16 Aprile 2007 1 commento


Mentre la Mussolini a Bari esponeva una posizione ferma riguardo ai campi Rom. “Se sono nomadi devono andare, se sono stanziali possono rimanere e pagare le tasse”, a Vicenza le Sezioni Locali di Azione Sociale e Forza Nuova vuotavano un sacco di spazzatura nell’insediamento dei Rom Khorakanè, residenti in via Cricoli a Vicenza.

L’episodio è veramente grave e sarebbe doveroso denunciare alla magistratura i circa trenta attivisti dell’estrema destra che hanno inscenato questa “manifestazione”, tra l’altro non autorizzata dalla Questura che era comunque presente. Ci chiediamo quale sia la ragione che ha portato il capo della squadra mobile, Michele Marchese, a non intervenire?

Secondo la stampa locale tutto si è risolto in “maniera pacifica”: gli attivisti dell?estrema destra hanno scaricato un sacco di immondizia all?ingresso del cortile della famiglia Halilovic.

Dichiarazioni di fuoco da parte dei leader, Cioni e Beschin, delle organizzazioni di destra: «Ci sono forze di destra come Lega e Alleanza Nazionale che fanno campagne elettorali sui nomadi e poi non fanno nulla. I nomadi restano e trasformano in un porcile tutta la zona, comprese le vicine scuole, trasformati in urinatoio e fatte oggetto di continui vandalismi. Allora c?è bisogno di gruppi decisi e compatti, come Azione sociale e Forza nuova, che rispondano alla compattezza di gruppi nomadi incivili, arroganti e protagonisti di microcriminalità. Esistono dei regolamenti che autorizzano la presenza di campi nomadi? Sono ingiusti e non vanno rispettati. Cacciamo via gli zingari. Lo diciamo in modo pacifico, ma siamo determinati».

Naturalmente nella paura e nell’indignazione generale le famiglie sinte, che vivono in due insediamenti contigui, hanno cercato di distanziarsi dalla famiglia Halilovic, nella speranza di salvarsi. Sarebbe importante lavorare per evitare certe dichiarazioni che certo non aiuteranno nessuno a trovare soluzioni che garantiscano i diritti di cittadinanza.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , , ,

Milano, questa sera nuova manifestazione anti-rom

11 Aprile 2007 1 commento


Il Parco Lambro è in subbuglio: il campo Rom che dovrebbe nascere in zona non dà pace agli abitanti del quartiere. Forza Italia sta tentando in tutti i modi di convincere sindaco e giunta a ripensare alla collocazione dell’insediamento dei nomadi. Stasera alle 18.30 un corteo anti-rom [sic!] partirà da piazza Udine e alle 20.30 si terrà in via Don Calabria un’assemblea pubblica.

Insomma, cittadini e istituzioni si stanno mobilitando. Il problema è grave. Un campo rom vicino alle case sappiamo tutti cosa comporta. Vorremmo tuttavia porvi, e porci, una domanda.

Sappiamo bene che la zona del Parco Lambro da tempo dovrebbe “godere” di un intervento di risanamento, che ancora non c’è stato, e questo nuovo insediamento non potrebbe certo aiutare. Ciò che ci domandiamo è tuttavia dove possano essere messi questi rom.

Un luogo bisognerà pur trovarlo, se non è al Parco Lambro sarà un altro quartiere milanese. La brutta abitudine in questi casi è quella di risolvere il problema andando a “nascondere” i problemi in zone che già non se la passano bene. Se già c’è degrado aggiungiamone un po’, gli abitanti se ne accorgeranno ma il resto di Milano continuerà a vivere in pace. Problema nascosto, milanesi contenti (non tutti, ovviamente)

Come risolvere il problema allora?

Partendo dal presupposto che una soluzione bisogna trovarla, e che ci sarà sempre qualcuno che si lamenterà della vicinanza dei rom, quali sono le alternative?

Posizionare il campo in una zona già degradata?

Metterlo in un’area lontana dal centro abitato che tuttavia non ha servizi?

Posizionarlo in una zona chiusa in città?

Spingere ad una maggiore integrazione (da parte nostra, ma anche da parte loro)?

Partecipa al dibattito…

IL PARCO LAMBRO
Siamo nel territorio di Milano, nella zona Est della città, ed occupa circa 90 ettari. Fu concepito nel 1936 per dare a Milano il suo più ampio polmone verde. Progettato sul corso del fiume, fu movimentato con l’elevazione di due collinette e con due laghetti (ora prosciugati).

Opportunamente piantumato, assorbì anche un’area occupata da cascine e mulini, destinandola a una sorta di museo agricolo e salvaguardando la coltivazione foraggiera più tipica del milanese: la marcita. L’area ha subito, col tempo, un progressivo degrado: dapprima il disboscamento del periodo bellico, poi il soffocamento del cemento con l’insorgenza di caseggiati, aree industriali e la sopraelevazione della Tangenziale Est.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

Roma, Forza Nuova esulta dopo l’ennesimo sgombero di Rom

11 Febbraio 2007 2 commenti


Il 6 febbraio è stato sgomberato l’insediamento spontaneo di via del Fosso a Torre Maura (VIII Municipio). Delle poche famiglie rom sgomberate non si sa nulla. Forza Nuova esulta, dopo aver organizzato per settimane presidi e raccolte firme in tutto il quartiere.

I “bravi cittadini” del quartiere ringraziano Forza Nuova per il “sostegno dato a questa battaglia e si rendono disponibili a combattere questo degrado al fianco della comunità Forzanovista, che continuerà, imperterrita, a battersi contro questo cancro che affligge l’intera Capitale!”

Significativi i commenti alla notizia che invitiamo a leggere…

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , ,

ERIO, preoccupazione per la nuova formazione di estrema destra

29 Gennaio 2007 Commenti chiusi


European Roma Information Office (ERIO) esprime con una lettera la propria preoccupazione dopo la formazione di una coalizione formata da parlamentari europei di estrema destra.

I partiti coinvolti in “Identità, Tradizione e Sovranità” (ITS), questo è il nome della piattaforma politica, formatasi il 15 gennaio 2007, tra i quali Attack (Bulgaria), România Mare (Romania) Front National (Francia), Alternativa Sociale e Movimento Sociale Fiamma Tricolore (Italia), Vlaams Belang (Belgio,) promuovono valori ultra-nazionalisti, contro la diversità culturale e portano avanti progetti di anti-sinti/rom, antisemitismo, contro i migranti e le minoranze.

Questi partiti usano le istituzioni democratiche per promuovere valori e obiettivi anti-democratici. Negano i più importanti pilastri dei sistemi democratici e i diritti delle minoranze.

ERIO ritiene che i partiti democratici debbano assumere un ruolo guida nella lotta contro il razzismo e la xenofobia in tutte le sfere della società.

ERIO chiede ai partiti democratici del Parlamento Europeo di non cooperare con questa nuova piattaforma di estrema destra o con nessuno dei suoi membri e di riaffermare il loro impegno per una società libera dalla discriminazione e dal razzismo.

Riferimenti: ERIO

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

Castelsangiovanni (PC), è pronta la nuova area per le famiglie sinte

19 Dicembre 2006 Commenti chiusi


È iniziato il conto alla rovescia per il trasloco delle famiglie sinte di Castelsangiovanni. Forse già entro la fine della prossima settimana potrebbero spostarsi definitivamente dall’area posta tra il cimitero e via Fratelli Bandiera, dove stazionano ormai da anni, al campo attrezzato realizzato per loro a Molino Suzzani, ai lati della strada per Creta.

Questo almeno quanto emerso dopo gli incontri e i contatti che in questi giorni sono stati avviati tra i rappresentanti della comunità sinta, l’amministrazione comunale di Castelsangiovanni e il personale dell’Ausl che sta seguendo questo delicato passaggio.

I rappresentanti dei sinti castellani hanno incontrato l’assessore ai lavori pubblici, Giovanni Bellinzoni, e il suo collega ai servizi sociali, Piero Pergolotti, insieme all’assistente sociale dell’Ausl incaricata di seguire la fasi del trasloco all’indomani dell’approvazione del nuovo regolamento che disciplinerà le modalità di utilizzo della nuova area.

Le difficoltà più grosse al momento riguarderebbero lo spostamento delle roulotte e del materiale che i sinti hanno disposto in questi anni nell’area confinante con il campo santo di via Cabrini. Per questo il personale dell’ufficio tecnico del Comune in questi giorni sta svolgendo diversi sopralluoghi e sarebbero state contattate ditte specializzate al trasporto e al traino delle roulotte.

Nel frattempo la nuova area in località Molino Suzzani, sulla strada per Creta, è in via di ultimazione. «Pavimentazioni interne ed esterne sono terminate -dice l’assessore Bellinzoni- come anche la recinzione, mancano ancora qualche piantumazione e l’attivazione delle utenze elettriche di gas ed acqua».

Ora non resta che far coincidere il giorno in cui le utenze saranno attivate all’ingresso delle famiglie sinte nella nuova area di sosta.

Riferimenti: l’approvazione del regolamento

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,