Archivio

Archivio Giugno 2006

Campania, presentata una proposta di legge per la tutela di Sinti e Rom

30 Giugno 2006 Commenti chiusi


E’ stata presentata il 19 giugno 2006 al Consiglio Regionale della Campania una proposta di legge per la tutela delle Minoranze Rom e Sinte. Il testo è stato redatto dal Presidente della Commissione Regionale Istruzione, Cultura e Politiche sociali, Luisa Bossa (Ds) e dal Consigliere Regionale del Prc, componente della Commissione, Antonella Cammardella.

?Dopo gli agghiaccianti fatti di Piazza Municipio, ci siamo recati in visita presso un campo nomade della Campania ? dice Bossa ? e siamo stati profondamente colpiti dalle condizioni di vita di estremo degrado in cui sono costrette queste popolazioni. La Regione Campania è una delle poche in Italia che non ha una legge che disciplina l?accoglienza delle popolazioni nomadi, una lacuna che con questa proposta di legge tentiamo di colmare al fine di garantire a queste popolazioni una condizione dignitosa?.

Appena la Regione Campania invierà il testo lo renderemo pubblico.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

Davide Boni (Regione Lombardia): basta "campi nomadi"?

27 Giugno 2006 7 commenti


L’Assessore all’Urbanistica della Regione Lombardia, Davide Boni, dopo aver dichiarato guerra alle mosche, esordisce sui cosidetti “campi nomadi”. Non proprio un esordio, visto che già si era impegnato nell’abbattimento di alcune case di famiglie Rom a Milano, insieme ai Verdi lombardi.

In Consiglio Regionale è in approvazione il Testo Unico sull’Urbanistica e una delle quaranta modifiche presentate dalla maggioranza riguarderà proprio i “campi nomadi” che secondo il pensiero Boni dovranno diventare tutti di transito [?], con la possibilità di fermarsi al massimo tre giorni, oppure essere inseriti nei piani di governo del territorio di ciascun comune (ex piani regolatori).

Lo ha confermato pochi giorni fa lo stesso Boni partecipando ad un incontro pubblico organizzato presso l’Ottagono della Galleria Vittorio Emanuele: «i campi oltre i 10mila metri quadrati dovranno essere inseriti nei piani di governo del territorio – ha spiegato l’assessore – per il resto ci saranno solo aree di transito per i camper, dove si potrà restare tre giorni».

Sembra che Boni, con questa norma, voglia rinchiudere tutti i Sinti e i Rom in grandi “campi nomadi” alla “soweto”, dove fare segregazione, e cancellare in un colpo solo tutti gli insediamenti privati, presenti sul territtorio regionale.

Nei prossimi giorni chiederemo un incontro all’Assessore Regionale per capire meglio il suo pensiero.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , , ,

Il Consiglio d’Europa condanna nuovamente l’Italia

24 Giugno 2006 1 commento


Il 14 giugno 2006 è stato resa pubblica la Risoluzione ResCMN(2006)5 on the implementation of the Framework Convention for the Protection of National Minorities, by Italy, presa dal Comitato dei Ministri dei quarantanove Paesi membri.

Nella risoluzione (secondo monitoraggio per l’applicazione della Convenzione per la protezione delle Minoranze Nazionali) si evidenziano aree critiche (Minoranze Sinte e Rom) in un quadro di sviluppi positivi, con sforzi per implementare il quadro legislativo coerente con la protezione delle altre minoranze presenti in Italia e lodevoli iniziative per la promozione della cultura e della lingua delle stesse.

Il Consiglio d’Europa sottolinea come manchino “progressi tangibili nell’integrazione dei Rom e dei Sinti: la vasta discriminazione e le misere condizioni di vita in molti campi è fonte di criticità. E’ necessaria la definizione di una strategia di integrazione a livello locale e nazionale e lo sviluppo di garanzie legali per garantire agli individui una migliore conservazione e ulteriori sviluppi della loro identità e della loro cultura”.

In via più generale, l’organismo europeo evidenzia come siano necessario intraprendere “iniziative per combattere la discriminazione e favorire l’eliminazione dal mondo dei media degli stereotipi negativi che continuano ad affliggere alcune minoranze”.

Inoltre, il Consiglio d’Europa sottolinea l’importanza di coinvolgere gli stessi Sinti e Rom nelle decisioni politiche che vengono prese nei loro confronti.

Di seguito il testo integrale della Risoluzione che potete scaricare dalla pagina: http://www.coe.int/t/e/human_rights/minorities/2._framework_convention_(monitoring)/2._monitoring_mechanism/6._resolutions_of_the_committee_of_ministers/1._country-specific_resolutions/2._second_cycle/2nd_CM_Resolution_Italy_eng.asp#TopOfPage

COUNCIL OF EUROPE
COMMITTEE OF MINISTERS

Resolution ResCMN(2006)5, on the implementation of the Framework Convention for the Protection of National Minorities, by Italy (Adopted by the Committee of Ministers on 14 June 2006 at the 967th meeting of the Ministers’ Deputies)

The Committee of Ministers, under the terms of Articles 24 to 26 of the Framework Convention for the Protection of National Minorities (hereinafter referred to as ?the Framework Convention?);

Having regard to Resolution (97) 10 of 17 September 1997 setting out rules adopted by the Committee of Ministers on the monitoring arrangements under Articles 24 to 26 of the Framework Convention;

Having regard to the voting rule adopted in the context of adopting Resolution (97) 10;1

Having regard to the instrument of ratification submitted by Italy on 3 November 1997;

Recalling that the Government of Italy transmitted its state report in respect of the second monitoring cycle under the Framework Convention on 14 May 2004;

Having examined the Advisory Committee?s second opinion on Italy, adopted on 24 February 2005, and the written comments of the Government of Italy, dated 4 October 2005;

Having also taken note of comments by other governments,

1. Adopts the following conclusions in respect of Italy:

a) Positive developments

Italy has taken steps to improve the implementation of the Framework Convention following the adoption of the first opinion of the Advisory Committee in September 2001 and the Committee of Ministers? Resolution in July 2002. This process has included valuable efforts to implement the coherent legislative framework designed to secure general protection of the historical linguistic minorities (Law 482/99). Moreover, a number of commendable measures aimed at promoting the language and culture of minorities have continued to be taken at the regional level.

There has been a welcome development of educational projects promoting minority languages and cultures funded by the state budget. Similarly, a range of laudable initiatives have been taken at the municipal level to encourage the use and reinforce the visibility of minority languages in their respective territorial areas of protection. These achievements have to a large extent benefited minorities living outside regions enjoying special autonomy. The national legislative framework has therefore proven instrumental in reducing the sometimes significant differences in the level of protection available to various minorities.

The participation of representatives of historical linguistic minorities covered by Law 482/99 in public affairs has improved in recent years both at the national and regional levels through their inclusion in various bodies, especially those established to assist in the implementation of relevant legislation.

b) Issues of concern

There remain difficulties in the implementation of the legal framework protecting minorities. For example, the implementation of the specific legislation protecting the Slovene minority in the region Friuli-Venezia Giulia started four years after its adoption in 2001 due to the persisting political, legal and technical difficulties within the Joint Institutional Committee over the demarcation of the Law?s territorial scope of application.

Initiatives to tackle discrimination and negative stereotypes in the media must be stepped up as these problems continue to affect certain minority groups.

Participation of representatives of minorities could be further strengthened through the setting up of a specific structure to improve the institutional dialogue with the authorities. It is noted in this regard that the authorities are currently studying the possibility of establishing a Permanent Conference of Minorities, which would have an advisory capacity and would also include representatives of the Roma, Sinti and Travellers.

While there exists a commendable number of radio and television programmes in minority languages spoken in regions enjoying special autonomy, there remains a need to increase the number of such programmes and develop new ones in other minority languages. Legal obligations in this field, which derive from the national legislative framework on minorities, have been partially implemented to date. The reception of existing programmes remains difficult for technical reasons in certain provinces with a traditional presence of minorities, such as the Slovenians and the Ladins.

The lack of tangible progress in the integration of the Roma, Sinti and Travellers, the widespread discrimination they often face and the poor living conditions prevailing in many camps is a source of concern. A comprehensive strategy of integration at national and local level needs to be completed in consultation with those concerned. Legal guarantees at the state level for the Roma, Sinti and Travellers need to be developed so as to enable these persons to better preserve and further develop their identity and culture.

2. Adopts the following recommendations in respect of Italy:

In addition to the measures to be taken to implement the detailed recommendations contained in chapters I and II of the Advisory Committee’s opinion, the authorities are invited to take the following measures to improve further the implementation of the Framework Convention:

- address the remaining difficulties in the implementation of Law 482/99 on the protection of historical linguistic minorities, including through increasing the volume of minority language television and radio broadcasts and providing further support for educational projects both in terms of resources and sustainability;

- increase awareness-raising measures to encourage the municipalities and schools concerned to make better and more frequent use of the possibilities offered by Law 482/99 on the protection of historical linguistic minorities in the field of education and public use of minority languages;

- take further measures to implement those provisions of Law 38/01 on the Slovene minority which are not strictly linked to the approval of the territorial areas of protection and facilitate the implementation of the Law in those municipalities whose inclusion in the territorial area of protection raises no objection;

- consolidate the participation of minority representatives in existing bodies assisting in the implementation of the legal framework on minorities and pursue initiatives to establish specific participation structures such as the planned Permanent Conference of Minorities, which would also include representatives of the Roma, Sinti and Travellers;

- consider the reinforcement of procedural guarantees and legal remedies so as to make existing legal provisions against discrimination more effective and thereby better ensure equality before the law and equal protection of the law for persons belonging to minorities;

- step up efforts at the state level to ensure legal protection of the Roma, Sinti and Travellers and enable them to preserve and develop their identity;

- intensify existing measures to enable Roma, Sinti and Travellers to enjoy adequate living conditions and pursue efforts to adopt, in consultation with those concerned, a comprehensive strategy of integration at national level focusing on access to housing, employment, education and health care.

3. Invites the Government of Italy, in accordance with Resolution (97) 10:

a. to continue the dialogue in progress with the Advisory Committee;

b. to keep the Advisory Committee regularly informed of the measures it has taken in response to the conclusions and recommendations set out in section 1 and 2 above.

In foto la cartina del nostro paese con evidenziati i luoghi di presenza delle Minoranze Etniche Linguistiche, mancano naturalmente le Minoranze Nazionali Sinte e Rom.

Riferimenti: Il Consiglio d’Europa

Categorie:Senza categoria Tag: , , , ,

Bolzano, Rom e Sinti e le cittadinanze mancate

24 Giugno 2006 Commenti chiusi


Ieri alle 17,30 a Casa Altmann (Bolzano), si è tenuta la presentazione di ?Cittadinanze Imperfette?, rapporto sulla discriminazione razziale di Rom e Sinti in Italia, prodotto dall?associazione OsservAzione.

L?incontro, introdotto da Radames Gabrielli (Presidente dell?Associazione Nevo Drom), ha visto la partecipazione degli autori del rapporto e dell?European Roma Rights Centre (ERRC).

Claude Cahn, direttore dei programmi della ERRC, ha presentato la condanna contro l?Italia del Comitato Europeo per i Diritti Sociale per la violazione del diritto ad un alloggio adeguato sancito dall?articolo 31 della Carta Sociale Europea Revisionata. Cahn ha inoltre sottolineato come anche la situazione di Bolzano presenta molti aspetti critici riconducibili alle violazioni indicate nella decisione del comitato.

Nando Sigona di OsservAzione ? centro di ricerca azione contro la discriminazione di rom e sinti – ha illustrato i punti salienti di ?Cittadinanze imperfette? (Edizioni Spartaco, 2006), evidenziando i numerosi esempi di discriminazione razziale di cui sono oggetto rom e sinti. Nel rapporto sono documentati casi di discriminazione in relazione a accesso alla casa e ad alloggio adeguato, lavoro, scuola, status giuridico e rappresentazione nei mezzi di comunicazione.

In ?Cittadinanze imperfette?, è riportato il caso di Bolzano, in particolare per quanto concerne le politiche abitative e la situazione ambientale e sanitaria del ?campo nomadi? di Castel Firmiano locato su un ex-discarica di rifiuti.

L?incontro si è svolto alla presenza di numerosi Sinti e Rom, che hanno partecipato attivamente con molti interventi durante il dibattito. Era presente anche l?Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Bolzano, Patrizia Trincanato, che si è soffermata sulle problematiche inerenti alla discarica di Castel Firmiano e alle ipotetiche soluzioni, senza però esplicitare i tempi di azione.

Claude Cahn ha sottolineato come, in casi simili, la Corte Europea per i Diritti Umani non ha avuto dubbi circa la gravità della situazione e il bisogno di intervenire celermente, garantendo per i risedenti, ha sottolineato Cahn, ?alloggi adeguati nel rispetto degli standard sanciti dalla legislazione europea in materia?.

Riferimenti: Europa, la sentenza contro l’Italia dei "campi nomadi"

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

Piacenza, richiesto un incontro con il Sindaco e l’Assessore Regionale

23 Giugno 2006 1 commento


Il 19 maggio abbiamo pubblicato un articolo sulla ristrutturazione del “campo nomadi” di Piacenza, dove abitano Sinti Emiliani e Sinti Mucini. Come ricorderete la scelta dell’Amministrazione Comunale, a dispetto degli orientamenti regionali, è quella di spendere i circa 235mila euro disponibili (90% finanziamento regionale) nella ristrutturazione di un luogo, il ?campo nomadi?, segregante e ghettizzante.

L’Associazione Sucar Drom ha ricevuto, nei giorni scorsi, la richiesta d?intervento da parte di alcune famiglie sinte piacentine. La Sucar Drom, pur censurando la scelta dell?Amministrazione Comunale, crede comunque indispensabile la partecipazione attiva delle famiglie sinte a questo intervento, attraverso le metodologie della mediazione culturale.

Considerando l?imminenza dell?inizio dei lavori si è chiesto un incontro urgente per ridefinire l?intervento con la partecipazione reale delle famiglie sinte anche per la determinazione delle utenze e dei consumi strettamente correlati alle strutture che saranno realizzate.

Attendiamo notizie dal Comune di Piacenza e dalla Regione Emilia Romagna…

In foto un volantino della manifestazione organizzata durante le vacanze natalizie da Caritas Diocesana e dal Comitato Pro Campi Sosta [sic!]

Riferimenti: niente microaree per i Sinti è ancora "campo nomadi"

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

I fratellini scomparsi e lo stereotipo dei Rom che rubano i bambini

23 Giugno 2006 1 commento


Tutte le volte che in Italia scompare un minore gli inquirenti (forze dell’ordine e magistratura) lanciano sempre messaggi discriminanti contro le Minoranze Sinte e Rom, questo l’ultimo esempio: «altra pista credibile sarebbe quella di una vendita dei minori a gruppi di “zingari” Rom ben inseriti in un contesto di criminalità organizzata, vendita orchestrata dagli stessi familiari» (La Stampa, 15 giugno 2006).

Questa nuova accusa, gli “zingari” fanno ricettazione di minori, è alla base di una serie televisiva prodotta dalla Rai, servizio pubblico. Nella terza serie di «orgoglio», andata in onda l’inverno scorso in prima serata, il bambino della protagonista sembra che sia rapito da una famiglia di “zingari” e solo alla fine della serie si viene a sapere che è stato il padre del bambino a “venderlo” ai cosidetti “zingari”.

Proprio questa tesi, sostenuta sia per la scomparsa dei due fratellini sia per la scomparsa di altri minori, ha incominciato ad entrare nelle case degli italiani, attraverso i mezzi d’informazione televisiva e cartacea, dopo la messa in onda della serie «orgoglio».

Quindi oggi si sostiene che gli “zingari” non rubano i bambini ma essendo sempre “ben inseriti in un contesto di criminalità organizzata” li acquistano da persone della cerchia famigliare. E tutto questo grazie ad una serie televisiva prodotta dalla RAI, il servizio pubblico radio televisivo italiano.

In questi giorni l’Associazione Sucar Drom sta valutando la possibilità di acquisire dalla RAI le cassette video della terza serie televisiva di «orgoglio» e denunciare alla magistratura la stessa RAI, in base alle norme per il contrasto delle discriminazioni razziali.

Tutto questo mentre le condanne che l’Italia riceve dalle Istituzioni Europee per le discriminazioni subite da Sinti e da Rom sono oscurate dai nostri mezzi d’informazione, RAI compresa.

Riferimenti: RAI Fiction

Categorie:Senza categoria Tag: , , , ,

MAHALLA, la comunità virtuale dei Rom e dei Sinti da tutto il mondo

22 Giugno 2006 Commenti chiusi


Notizie da
MAHALLA, la comunità virtuale dei Rom e dei Sinti da tutto il mondo
per accedere direttamente e iscriversi alla news letters:

http://www.sivola.net/dblog/

Una giornata di sole del 08/05/2006 @ 00:45:11 – Ieri, dopo un lungo periodo di diffidenza (o indifferenza) reciproca, uscita pubblica per la comunita’ Rom di via Idro. I Rom residenti in zona da una quarantina d’anni e nel quartiere da 17, sono stati invitati non solo a prendere parte alla f…

Argentina del 08/05/2006 @ 10:37:58 – Carissimi, Da ieri (3 maggio ndr.) abbiamo iniziato un nuovo programma radio Romani, stavolta dalla nostra chiesa, chiamato “Pacto con Dios”, in onda ogni giovedi’ dalle 21.00 alle 22.00 e ogni domenica dalle 14.00 alle 16.00, ora argentina…

Se vi state annoiando del 09/05/2006 @ 01:31:42 – Corso rapido di giornalismo Un grazie a Vittorio Feltri per il copyleft e Onemoreblog per la segnalazione…

Rom in Macedonia e altre storie del 09/05/2006 @ 09:26:46 – Leggo da qualche tempo AnonimoMarullina. Ha il difetto di non essere aggiornato con regolarita’ (lunghi silenzi e sfilze di articoli, per intenderci), ma e’ una fonte interessante per capire come vivano i Rom in Macedonia, i loro progetti, le relazioni…

[OT] Elezioni amministrative a Milano del 09/05/2006 @ 10:10:33 – Segnalo una validissima iniziativa della Rete Civica Milanese, che offre uno spazio di confronto aperto a tutti sui temi che caratterizzano la recente campagna elettorale. Diversi i forum tematici (poco frequentati, purtroppo), possibilita’ di segnala…

UE: aumenta il prezzo dei visti per lo spazio Schenghen del 10/05/2006 @ 00:55:44 – Da: Balcani Cooperazione: Dal 2007 raddoppiera’ il costo dei visti per entrare nello spazio Schenghen. L’aumento deciso dai ministri degli interni europei porta a 60 euro il visto per i soggiorni brevi di tre mesi. Preoccupazione nei Paesi balcan…

Repubblica Ceca del 10/05/2006 @ 09:36:55 – Strasbourg, France, 5 Maggio 2006 – Comunicato stampa – Diciotto ragazzi di etnia rom della Repubblica Ceca, costretti a frequentare scuole differenziali, discuteranno il loro caso alla Corte Europea dei Diritti Umani. I ragazzi chiedono all…

Sport e integrazione dei popoli del 10/05/2006 @ 10:35:09 – TORNEO DI CALCIO A 11 CONCERTO GRUPPO LATINOAMERICANO NAZCA PER Lâ??INTEGRAZIONE DEI POPOLI Lâ??Associazione Sportiva e Culturale Nuova MultiEtnica insieme con Parocia â??Maria Reginaâ? la Comune di Pioltello e Provincia …

Manca, celo, celo, manca…. del 10/05/2006 @ 15:11:16 – Se la notizia l’avessi ripresa io, l’avrebbe letta (quasi) nessuno. Per fortuna ne scrivono Sucar Drom, e soprattutto OneMoreBlog, dove ogni starnuto genera valanga di commenti….

Concerto di Daniela Diakova a Milano del 10/05/2006 @ 15:23:14 – L’artista Bulgara in concerto l’11 maggio Daniela Diakova: ovvero la lirica rom. Esce il nuovo cd della collana Arpa/Sensible Records. Lâ??artista bulgara sara’ in concerto giovedi’ 11 maggio al Teatro della Cooperativ…

Milano Parco Sud del 10/05/2006 @ 17:36:04 – Circa due mesi fa (se non sbaglio) avevo segnalato un post di Snowdog. Ecco un aggiornamento: Non e’ freschissima ma l’ho saputa solo da qualche giorno. Tempo fa scrissi sul mio vecchio blog del Golf Club che volevano costruire su terreno agricolo in …

Russia del 11/05/2006 @ 11:23:53 – COMUNICATO STAMPA CS46-2006 RAPPORTO DI AMNESTY INTERNATIONAL SULLA RUSSIA: RAZZISMO E XENOFOBIA IN AUMENTO Secondo un nuovo rapporto di Amnesty International, gli omicidi a sfondo razzista, i pestaggi e la discriminazione sono in aumento nella Federaz…

Medio Oriente del 11/05/2006 @ 11:56:28 – Nawar e’ il termine dispregiativo che gli Arabi usano per indicare i Dom mediorientali. Praticamente il corrispondente della parola Zingaro. Sulla loro vita e cultura, in Europa si sa pochissimo. Qui un photoset da Flickr. Per chi mastica poco l’ingles…

Contrastare la segregazione abitativa e lâ??esclusione sociale di rom e sinti del 12/05/2006 @ 10:46:11 – Sul recente convegno dell’8 maggio, ricevo questa cronaca da Nando Sigona (in coda, portate pazienza, aggiungo una critica di Agostino Rota Martir): Sunto e conclusioni La tavola rotonda â??Contrastare la segregazione abitativa e lâ??esclusi…

Bulgaria del 13/05/2006 @ 10:33:49 – Con un linguaggio diretto e discorsivo, in quest’intervista emerge un netto panorama sul mondo dell’informazione in Bulgaria, i limiti attuali, i legami con i poteri, le paure e le gelosie che riguardano gli operatori. Niente di nuovo, in…

Ancora Gogol Bordello del 13/05/2006 @ 10:59:35 – Da Music club Concerti …

Per chi sa l’inglese del 14/05/2006 @ 10:00:49 – Mr. Valery Novoselsky. Editor of Roma Virtual Network. Currently in Brussels Carissimi, Quanti di voi vogliano discutere le tematiche relative al Decennio per l’Inclusione Rom, possono aggiungersi al forum di discussione: …

Lituania del 14/05/2006 @ 12:20:20 – Una serie di immagini sull’argomento: Rom post-Sovietici. L’autore e’ Andrew Miksys. Dalla recensione, cliccare sull’immagine di sinistra per vedere la sequenza….

Riferimenti: Mahalla

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

Padova, Sinti e Rom tra lavoro e abitazione

22 Giugno 2006 Commenti chiusi


Lunedì 19 giugno 2006 si è tenuto a Padova l?incontro ?le microaree per i Sinti e i Rom e l?inserimento lavorativo: alternative possibili ai campi?ghetto e all?emarginazione sociale?, organizzato dall?Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Padova in collaborazione con il Comune di Padova.

Hanno partecipato alcune Sezioni dell?Opera Nomadi (Bolzano, Mantova, Piove di Sacco, Rovigo) e la Presidenza Nazionale (Kasim Cizmic e Massimo Converso), alcune famiglie di Sinti e Rom padovani, l?Associazione Sucar Drom di Mantova e Vicenza, il Comune di Padova con gli Assessori ai Servizi Sociali e alla Casa, l?Ufficio Nazionale Antidiscriminazione Razziale (UNAR), alcuni rappresentanti della Comunità dei Rom Rumeni di Roma, Stefano Gallieni di Rifondazione Comunista e la Senatrice Tiziana Valpiana.

L?incontro è stato interessante offrendo spazio alle diverse interpretazione sia della realtà nazionale sia della realtà padovana. Interessanti gli interventi degli Assessori Daniela Ruffini e Claudio Sinigaglia del Comune di Padova che hanno espresso la volontà di superare la logica segregante dei ?campi nomadi? a Padova e su sollecitazione delle famiglie sinte presenti, si sono impegnati sui tempi e sulle modalità di attuazione dei progetti abitativi.

Durante l?incontro si è creato un equivoco tra Sinti Italiani e Rom Rumeni che speriamo possa essere presto superato.

Ha chiuso l?incontro la Senatrice Valpiana che si è impegnata a supportare l?Opera Nomadi nella predisposizione di strumenti legislativi a favore del riconoscimento ai Sinti e ai Rom Italiani dello status di Minoranze Nazionali.

Durante e alla fine dell?incontro sono stati offerti dalla Sezione di Padova interventi di musica Rom e Sinta.

Ringraziamo la Sezione di Padova per l’opportunità offerta.

In foto da sinistra
Stefano Gallieni, Rifondazione Comunista
Claudio Sinigaglia, Comune di Padova
Massimo Converso, Opera Nomadi
Roberto Berardi, UNAR
Senatrice Tiziana Valpiana
a lato del palco Gianfranco Gabrielli, Opera Nomadi

Riferimenti: Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Padova

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

Bolzano, cittadinanze imperfette

21 Giugno 2006 Commenti chiusi


L’Associazione NEVO DROM invita tutti venerdì 23 giugno 2006, alle ore 17.30, presso casa Altmann, piazza Gries n.18 a Bolzano alla presentazione e discussione del volume

CITTADINANZE IMPERFETTE
Rapporto sulla discriminazione razziale subita da Rom e Sinti in Italia.

Saranno presenti Nando Sigona e Lorenzo Monasta, autori e ricercatori di OsservAzione (Centro di Ricerca Azione contro la discriminazione di rom e sinti) e Claude Cahn, direttore dei programmi di ERRC (European Roma Rights Center).

Il volume, frutto di una ricerca sul campo condotta in giro per l’Italia da due ricercatori esperti, Nando Sigona e Lorenzo Monasta, mostra come rom e sinti siano oggetto di discriminazione in molti ambiti, in molti modi e da parte di diversi soggetti, talvolta anche istituzionali.

Inoltre, interverrà Claude Cahn, per chiarire gli aspetti rilevanti della decisione del Comitato Europeo per i Diritti Sociali contro l’Italia per la violazione dell’art. 31 (diritto ad alloggio adeguato) della Carta Sociale Europea.

Le politiche abitative per rom e sinti puntano a separare questi gruppi dal resto della società italiana e a tenerli artificialmente esclusi. Bloccano qualsiasi possibilità di integrazione e condannano i rom a subire il peso della segregazione su base razziale. In numerosi insediamenti di rom e sinti si riscontrano condizioni abitative che sono una minaccia per la salute e per la stessa vita dei residenti nei campi.

Nell’incontro verrà riservato ampio spazio alla situazione locale anche alla luce dei recenti accadimenti.

Per informazioni
Nevo Drom, telefono 3921651149, e-mail nevodrom@nevodrom.it
OsservAzione, telefono 338 7107140, e-mail info@osservazione.org

Riferimenti: NEVO DROM

Categorie:Senza categoria Tag: , ,

COMUNITA` ROM, scuola come libertà

21 Giugno 2006 Commenti chiusi


E’ stato pubblicato da EMI (editrice missionaria italiana), nella Collana «MONDIALITÀ», il libro
COMUNITA` ROM, scuola come libertà,
di Silvia Caset e Alessio Surian.

Il volume presenta una breve cronaca e alcuni risultati del Roma Project, un percorso sostenuto dal Programma Grundtvig della Commissione Europea che ha permesso a partner di tre Paesi, Bulgaria, Romania e Italia, di mettere a punto e condividere metodologie di lavoro per l’autopromozione e l’educazione di comunità rom. La prima parte ripercorre la genesi e l’impostazione del progetto e il suo svolgimento a cavallo fra il 2004 e il 2005.

I capitoli affrontano lo sviluppo del progetto in Italia, a Trento. Dopo un? introduzione al lavoro della coperativa sociale Kaleidoscopio, viene presentata una panoramica sulla popolazione rom del Kosovo residente a Trento e un?introduzione all?Associazione Rom di Promozione Culturale ?Nevo Horizonti?, costituitasi nel corso del progetto. Si entra quindi nel merito delle relazioni transnazionali avvenute nel corso del progetto e delle prospettive future.

La seconda parte riporta la traduzione e l’adattamento italiano del testo messo a punto da Rumen Valchev, professore dell’Università di Burgas (Bulgaria) e direttore dei programmi dell’Open Education Centre, per fornire strumenti di lavoro ai formatori e alle famiglie rom coinvolte nel progetto. Nel corso del progetto è stato elaborato anche un testo ad uso delle famiglie coinvolte, disponibile nelle lingue locali e in traduzione inglese, che ha facilitato il confronto collettivo.

I materiali scaturiti dal progetto possono rivelarsi utili anche ad altre comunità interessate a percorsi di cittadinanza attiva e apprendimento tasformativo, in particolare attraverso l’utilizzo delle tecniche di educazione e animazione teatrale.

Ringraziamo per la segnalazione Maria Grazia Dicati

Riferimenti: Edizioni EMI – Bologna

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,