Archivio

Archivio Febbraio 2006

Vaticano, ai Sinti e ai Rom devono essere riconosciuti i diritti di minoranze

28 Febbraio 2006 2 commenti


“Sradicare razzismo e xenofobia” nei confronti delle popolazioni sinte e rom: è l’appello lanciato oggi da monsignor Agostino Marchetto, segretario del pontificio consiglio per la Pastorale per i Migranti e gli Itineranti. “I governi debbono rispettare questa minoranza, tra le minoranze, e riconoscerla, impegnandosi a sradicare gli episodi di razzismo e xenofobia ancora diffusi, che provocano discriminazione in materia di impiego, alloggio e accesso agli studi”, ha detto il prelato presentando il documento del Pontificio Consiglio dei Migranti e degli Itineranti diffuso questa mattina dalla Sala stampa vaticana dal titolo ”Orientamenti per una pastorale degli zingari”.

L’indifferenza e l’ostilità di cui sono vittime le popolazioni sinte e rom devono indurre la Chiesa a mostrare il ”proprio volto materno” e scuotere le coscienze di tutti i cattolici ”sollevando sentimenti di solidarieta’ verso queste popolazioni”. I governi poi devono impegnarsi per combattere i fenomeni di xenofobia e razzismo di cui sono vittime.

Ha continuato l’arcivescovo Agostino Marchetto chiedendo ai governi: “definiscano una politica per strappare gli zingari alla miseria e al rifiuto”. I Sinti e i Rom “sono una minoranza particolare che non ha uno Stato capace di dare loro garanzie politiche e di certa protezione civile”.

Anche il cardinal Stephen Fumio Hamao, Presidente dello stesso ‘dicastero’ vaticano, ha sottolineato in conferenza stampa che la storia dei Sinti e dei Rom è “segnata molte volte da persecuzione, esilio, inospitalità, rifiuto, sofferenza e discriminazione”. Il prelato giapponese ha anche ricordato un messaggio che egli pronunciò nel 2000, anno del Giubileo, nel quale invitò a pregare affinché “i cristiani sappiano pentirsi delle parole e dei comportamenti che a volte sono stati suggeriti dall’orgoglio, dall’odio, dalla volontà di dominio sugli altri, dall’inimicizia verso gli aderenti ad altre religioni e verso gruppi sociali più deboli, come quelli degli immigrati e degli zingari”.

Il pontificio consiglio guidato da Hamao, inoltre, rivolge l’invito di evitare la discriminazione anche all’interno della Chiesa cattolica. Nel documento presentato oggi, infatti, si sottolinea la necessità che le conferenze episcopali locali siano attente “a che la pastorale per gli zingari non subisca discriminazioni, ma riceva un trattamento proporzionato alla sua importanza”.

Il documento, che sottolinea l’intenzione della Chiesa di perseguire “senza tentennamenti” l’impegno con i Sinti e con i Rom, fissa vari obiettivi pratici in materia di evangelizzazione: traduzione dei testi liturgici, uso della musica nella pastorale, “molto apprezzata e suonata dagli zingari”, e promozione dei pellegrinaggi, che “rivestono un’importanza speciale nella vita degli zingari”

Il documento affronta anche il problema dei tentativi d’annientamento di cui sono state vittime nel corso dei secoli queste popolazioni e affermando allo stesso tempo una serie di principi fondamentali in materia di rispetto dei diritti umani.

Secondo quanto si legge nel documento, la storia delle popolazioni Sinte e Rom, che fu caratterizzata da una persecuzione ”coincidente con la formazione dei grandi Stati nazionali”, nel XX secolo conobbe inoltre ”la persecuzione razziale, che li colpì assieme agli ebrei e fu perpetrata dal nazismo ma non solo”. La loro conseguente deportazione nei campi di concentramento, però, ”e anche l’eliminazione fisica di migliaia e migliaia di persone sollevò, in generale, solo proteste isolate”, mentre, ”più vicino ai nostri giorni, anche l’instabilità politica di vari Paesi contribuì a gravare gli zingari. Ne è prova la guerra dei Balcani, la quale ha mostrato che tale popolazione continua a essere rifiutata da gran parte dei cittadini”.

Il testo analizza inoltre le caratteristiche di fondo che avrebbero portato all’accanimento contro le popolazioni sinte e rom nel corso dei secoli.
Il motivo principale, afferma il documento del Vaticano, è il fatto che i Sinti e i Rom sono stati visti da molti come ”stranieri nocivi e mendicanti”. Le persecuzioni, inoltre, sono state giustificate come misure sanitarie per mettere al bando il nomadismo.

”La storia di queste popolazioni – si legge – è così tristemente scandita da punizioni corporali, prigioni, deportazioni, sedentarizzazione forzata, schiavitù o altre misure atte a conseguire finalmente il loro annientamento”.

La Chiesa, dunque, ”si sente chiamata a riconoscere l’itinerario zingaro nel corso della storia ed è interpellata da tale cultura. Essa deve riconoscere il loro diritto di voler vivere insieme provocando e sostenendo una sensibilizzazione nei loro confronti, nel rispetto reciproco delle culture, orientando i propri passi sulle orme di Cristo”.

Su un piano più generale, i Sinti e i Rom vengono definiti una ”minoranza nella minoranza” ed è rilevata come sua peculiarità l’esser priva di insediamenti fissi. Si sottolinea poi come proprio verso queste minoranze si concentrino i ”fenomeni di rifiuto” quando giungono in un nuovo Paese.

In foto famiglie Rom in Kossovo
Riferimenti: Orientamenti per una pastorale degli zingari

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , ,

I Sinti a Taggia durante la festa di San Benedetto

27 Febbraio 2006 Commenti chiusi


In questo nostro migrare tra i diversi carnevali, siamo finiti anche a Taggia, in Provincia di Imperia a pochi chilometri da San Remo.
Sabato 25 e domenica 26 febbraio, a Taggia si è tornato indietro di quattrocento anni, in occasione della rievocazione storica organizzata in onore dei Festeggiamenti di San Benedetto Revelli (vescovo di Albenga), giunti alla ventiseiesima edizione.
Domenica 26 i Rioni Tabiesi hanno dato vita alle ?Ambientazioni? allestite in vari punti della città.
Uno di questi Rioni, il Pozzo, ha rievocato l’arrivo di una comunità sinta a Taggia, offrendoci una visione popolare molto diversa da quella veicolata dalla storiografia ufficiale.

Questa la descrizione dell’ambientazione

RIONE POZZO – Falò, duelli, musica e danze sinte
I Sinti e i Rom fecero la loro comparsa in Europa nel XV secolo provenienti dall?India.
Una comunità di sinti arriva in Tabia e trova accesso ad uno dei molti falò in preparazione per la Festa di San Benedetto.
I Sinti, approfittando del fuoco già acceso si apprestano a festeggiare un fidanzamento con canti e danze, arrostiscono carni, bevono e scherzano in un clima di allegria ma con il sentore che qualcuno arrivi ad infastidirli.
Prontamente compare il signorotto locale accompagnato dai suoi bravacci che ingiunge ai Sinti, con male parole, di cessare i festeggiamenti e lasciare la città.
Alla reazione del sinto a tale ingiustizia, si sguainano le spade.
Il signorotto, forte della protezione dei bravi, approfitta di una distrazione del sinto e vilmente affonda la spada?.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , ,

MAHALLA, la comunità virtuale dei Rom e dei Sinti da tutto il mondo

27 Febbraio 2006 Commenti chiusi


Notizie da
MAHALLA, la comunità virtuale dei Rom e dei Sinti da tutto il mondo
per accedere direttamente e iscriversi alla news letters:
http://www.sivola.net/dblog/

Sanita’ in Serbia del 20/02/2006 @ 09:17:07 – Un precedente scambio di commenti (e anche qui) con Alessandra, e’ continuato per email. Ci siamo scambiate opinioni su situazione di emergenza e, come dire, progetti condivisi?Credo che alcuni suoi spunti siano interessanti per molti: So benissimo che ci sono purtroppo moltissime gravi situazio…

Repubblica Ceca del 20/02/2006 @ 11:38:59 – Da: Yveta Kenety Comunicato stampa Conferenza delle Romnia’ nella Repubblica Ceca Oltre ottanta donne Rom si sono incontrate a Praga nel weekend tra il 10 e l’11 febbraio. Tra le partecipanti: funzionarie statali, rappresentanti dei media, insegnanti, assistenti sociali, rappr…

ancora Gogol Bordello del 20/02/2006 @ 17:11:10 – Sono finalmente riuscito a dare una semi traduzione a questo bel articolo ma per me assolutamente difficile… parto travagliatissimo… comunque eccoci qui, molto provati … Articolo precedente Revival Rom 10.02.06 – Carl Wilson Quando i Gogol Bordello per la prima volta visitarono Toronto pochi…

Bulgaria del 21/02/2006 @ 01:25:19 – [RIASSUNTO] Il 2 febbraio 2005, Bulgaria, Croazia, Repubblica Ceca, Ungheria, Macedonia, Romania, Slovacchia, Serbia e Montenegro [...] diedero inizio al Decennio dell’Inclusione Rom, che sino al 2015 promuovera’ azioni positive nel campo della scolarizzazione, della sanita’, del miglior…

Macedonia del 21/02/2006 @ 09:06:08 – da: Karin Waringo Secondo un articolo dell’Utrinski Vesnik del 15 febbraio, la Macedonia si starebbe accordando con le autorita’ in Kosovo per ?facilitare il ritorno di 2.000 rifugiati?. Il giornale cita il ministro macedone per il Lavoro e le Politiche Sociali, che avrebb…

Laci Buti del 21/02/2006 @ 10:49:28 – email Presentazione delle attivita’ La cooperativa ?Laci Buti due? nasce nel 1999 ad opera di un gruppo di residenti rom del campo nomadi comunale di via Idro 62 supportati da un ristretto gruppo di operatori sociali che hanno accompagnato lo sviluppo della cooperativa in una prospettiva di …

Zajedno/Insieme del 22/02/2006 @ 01:54:42 – Da qualche mese tre disperati stanno improvvisando una sceneggiatura interattiva. Un gioco, forse. Il medesimo concetto, potete applicarlo con Zajedno/Insieme e soprattutto, potete contribuire a cambiare quello che sembrava gia’ scritto. Io non so se qualcuno ha risposto al primo appello di …

Ritorna il cinema della Mahalla del 22/02/2006 @ 08:10:45 – Vi chiedevo settimana scorsa chi sono le persone REALI che vengono chiamate ZINGARE? Perche’ questa paura a conoscersi? Racav Lavor di Paolo Poce – Francesco Scarpelli ?Ma gli zingari, possono lavorare?? Questa la domanda che Luigi C…

Macedonia del 22/02/2006 @ 09:21:02 – La comunita’ Rom di Shuto Orizare (Suto Orizari, l’unico comune amministrato da Rom) e’ in agitazione perche’ al comune viene negata l’acqua corrente. L’acquedotto ha tagliato la fornitura a tutto il comune, perche’ un gruppo di Rom non era e non e’ in grado di pagare l…

Romania del 22/02/2006 @ 12:21:55 – Fonte: Romanian_Roma European Roma Rights Centre (ERRC), organizzazione internazionale dedita alla difesa legale dei Rom nella violazione dei diritti umani, con l’inizio del 2006 ha sottoposto alla Corte Europea dei Diritti Umani un nuovi caso che riguarda la Romania. Il primo riguarda la famigl…

Picum newsletter del 22/02/2006 @ 20:19:52 – E’ uscito l’aggiornamento di febbraio 2006 di PICUM.org con le notizie e l’evoluzione politica riguardanti i diritti sociali fondamentali degli immigranti non documentati in Europa. Disponibile nel formato Word nelle seguenti lingue: inglese, tedesco, olandese, spagnolo, francese, italiano e porto…

Hot Club del 23/02/2006 @ 01:57:33 – Eric suggerisce questo video: Django Reihnardt e Stephane Grappelli, che provano per scherzo J’Attenndrai, seduti ad un bar mentre il resto del gruppo gioca a carte. (12 mg, necessita quicktime)…

Lo sportello sindacale del 23/02/2006 @ 10:02:09 – Sabato pomeriggio. Un?altra volta nella ?terra di nessuno? che e’ il campo di via Triboniano. Oggi se possibile e’ ancora piu’ desolante delle altre volte. Nella zona dove sono i Khorakhane’ i lavori sono in corso da piu’ di quattro mesi, e il ?campo? non e’ nient…

Romlex project del 24/02/2006 @ 09:45:53 – L’Universita’ di Birmingham, dopo aver contribuito al Romani Project, in collaborazione con le facolta’ di Graz (A) e di Aarhus (DK), ha dato vita a Romlex project, un database lessicale di 25 variazioni del romane’s, tradotte in 15 lingue differenti (al solito, manca l’italian…

Germania del 24/02/2006 @ 12:00:43 – articolo intero su: Deutsche Welle – (segnalazione precedente) RIASSUNTO Il presidente iraniano Mahmoud Ahmadinejad ha ripetutamente definito il massacro di sei milioni di ebrei durante il nazismo come un ?mito?. [...] Non tutti i musulmani condividono le vedute. Il giornalist…

Rapporto su Estonia, Lituania, Romania e Spagna del 25/02/2006 @ 10:45:11 – 21-02-2006 – ECRI (European Commission against Racism and Intolerance) nella sua terza sessione, ha rilasciato quattro nuovi rapporti sul razzismo, xenofobia, antisemitismo ed intolleranza, riguardo Estonia, Lituania, Romania e Spagna. Nello specifico, per i quattro paesi rimangono alcuni punt…

Storie italiane del 25/02/2006 @ 23:44:28 – Dietro le quinte: l’intervista sullo sportello sindacale e’ avvenuta sabato 18, proprio mentre tra gli immigrati, compresi quei Rom rumeni, esplodeva la notizia delle richieste di permesso di lavoro da ritirarsi in posta. L’argomento non riguardava l’intervista, ma se ne era parlato lo st…

Bulgaria (II puntata) del 26/02/2006 @ 09:29:18 – [RIASSUNTO] II puntata La strada per educare al futuro Avvicinandosi alla scuola non ci si rende conto di cosa ci sia dentro. Posta in un angolo pulito e quieto di un altrettanto lindo villaggio, a 90 km. da Sofia in una valle circondata da montagne, la scuola Vidrare appare per quello che &egr…

Il trailer di “Cronaca di Roma 14-15 settembre 2005″ del 26/02/2006 @ 12:49:53 – Lo scorso 10 febbraio ho riportato un comunicato stampa di protesta contro l’esclusione di una giornalista dalla manifestazione ?La Due-giorni Romani’? Incontro con la cultura Rom. Le autrici, il cui lavoro era gia’ stato riconosciuto nel concorso artistico internazione ..

Ungheria del 13/02/2006 @ 01:47:11 – Budapest, 10 febbraio (MTI) – Secondo quanto pubblicato venerdi’ scorso dal quotidiano Nepszabadsag, i sentimenti anti-immigrati rimangono sostanzialmente invariati in Ungheria, tendendo anzi a diminuire rispetto all’anno precedente, ma cresce l’attitudine piu’ propriamente razzista….

Dal convegno: Sinti e Rom tra integrazione e marginalita? sociale del 13/02/2006 @ 11:06:56 – Su Romanolil alcuni interventi e riflessioni prese dal convegno di Padova di sabato scorso.Intanto frego due foto, gli articoli li leggete QUI & QUI …

Serbia e Montenegro del 14/02/2006 @ 00:41:16 – Vi ricordate di Alessandra Genovesi-Bogicevic? Dovreste! (scusate, di solito ho un approccio + soft) Comunque ha scritto: Ciao, volevo segnalarti questa importante sentenza: Con una sentenza del 6 febbraio 2006 il tribunale di Sabac (Serbia) ha condannato un dipendente del centro ricreativo “Krsmano…

Prima che torni la notte del 14/02/2006 @ 09:41:26 – Premessa: una delle mie difficolta’ ricorrenti, e’ l’immagine associata alla parola ?Zingari?. Nelle discussioni, nei ragionamenti, si passa dall’estremo del ?ladro, rapitore di bambini? a quello della ?povera vittima, un po’ tonta? … alla fine, …

Russia del 14/02/2006 @ 10:52:48 – Sempre un problema l’inverno… soprattutto se e’ inverno davvero. L’anno scorso era andata meglio. Da: Egle Kucinskaite su Baltic_Roma Aleksandras Stankevicius (Unione delle Comunita’ Rom della Lituania ‘Roma Mission’) con altri Rom di Lituania ha ricevuto indiscrezioni sulla demoliz…

Svastiche e teledipendenti del 15/02/2006 @ 00:01:40 – La notizia e’ del mese scorso. E’ che il “Grande Fratello” non l’ho mai visto in italiano, figuriamoci in croato! “I cant believe. This is real racial tragedy. Im shocked to see gypsy on TV in the 1st place. To see him wins, make my stomach turn.” (non c’e’ bisogno di tradurre, vero?) Ques…

Grecia del 16/02/2006 @ 09:10:57 – Riguardo alla denuncia della segregazione scolastica ad Aspropyrgos, EUROPEAN ROMA RIGHT CENTER ha inviato a sua volta un richiamo al Ministero Greco dell’Educazione, con copia a Alvaro Gil-Robles, Commissario Europeo per i Diritti Umani. Il testo (in inglese) e’ QUI, purtroppo non ho avu…

Aggiornamento da Zajedno/Insieme del 16/02/2006 @ 12:59:37 – Cliccando sui titoli potete anche vedere le riprese. Contattare AleksandraAPPELLO PER FATIMA – AGGIORNAMENTO 09-02-2006 – 09:13 Ci vorra’ del tempo perche’ Fatima possa tornare a sorridere come prima dopo che il fuoco ha devastato il suo corpicino, ma sta gia’ un po’ meglio….

Cerchiobottista del 17/02/2006 @ 02:29:33 – Un amico mi segnala: Sportello per avviamento al lavoro di Rom, Sinti e Camminanti – Uno sportello da aprire in ogni citta’ d?Italia perche’ l?integrazione passa prima di tutto dal lavoro. Lo ?sportello di segretariato sociale per l?avviamento al lavoro delle comunita’ Rom, Si…

Croazia & Bulgaria del 17/02/2006 @ 08:23:45 – Di un interessante articolo tradotto in italiano da Osservatorio sui Balcani, riporto questo spunto: La popolazione della Croazia e’ in calo. Per contrastare questa tendenza demografi e politici propongono di favorire un?immigrazione di giovani dai Paesi dell?est, tra cui la Serbia, per ripo…

Gran Bretagna e Irlanda del 17/02/2006 @ 09:50:19 – Urbanisti contro proposte zigane. Rifiutato un piano per istituire un sito permanente di viaggiatori zigani ad Aberdeen. La controversa proposta riguarda cinque accampamenti nell’ex terreno agricolo nell’area di Dyce. Tuttavia, gli urbanisti del consiglio comunale di Aberdeen sono contro lo spostament…

Germania del 17/02/2006 @ 10:18:05 – Un gruppo rappresentativo dei Rom e dei Sinti tedeschi martedi’ scorso si e’ espresso contro le dichiarazioni del Presidente dell’Iran Mahmoud Ahmadinejad, che descrivono l’Olocausto nazista come un “mito”. Dei circa 1 milione di Zingari che vivevano in Europa al tempo della I…

una e-mail per Faryd e Mariangela del 18/02/2006 @ 00:18:17 – Leggo (anche) su Ruota Appelli Solidarieta’ con Farid Adly e Mariangela Gallo Fonte: Il Dialogo – http://www.ildialogo.org14 febbraio 2006 L’amico carissimo Farid Adly, autorevole giornalista (apprezzato collaboratore del “Corriere della sera”, “Il manifesto”, Radio popolare d…

Romania del 18/02/2006 @ 09:18:17 – BUCAREST – (Rompres reports) L’Ispettorato Distrettuale della Polizia (IPJ) di Giurgiu ha selezionato ed assunto la prima poliziotta di etnia rom. Ha ottenuto una valutazione complessiva di 8.80 al concorso dello scorso dicembre. La comunicazione e’ arrivata il 2 febbraio da Daniela Gheta…

Ho mica capito del 18/02/2006 @ 10:58:57 – Stamattina si e’ presentato zio Kalderosh tutto agitato. Sembra che il nipote ministro ne abbia combinata un’altra. Sara’, che ormai non ci facciamo piu’ caso, io non ne sapevo niente. Ho acceso il computer, e visto che lo zio e’ un patito dell’obbiettivita’ (e del Valpo…

Progetto WordCup 2006 del 18/02/2006 @ 13:48:47 – Settimana scorsa mi hanno scritto gli amici di Nuova MultiEtnica, quest’anno li aspetta il torneo mondiale in Sudafrica. Ecco uno stralcio del loro progetto: Chi e’ la A.S.C.Nuova MultiEtnica (ONLUS) L?associazione sportiva e culturale Nuova MultiEtnica Onlus ha come fine …

Imbarco cercasi per la civilta’ (una qualsiasi) del 19/02/2006 @ 03:25:48 – Ho ritrovato un appello del 18 dicembre su Nordic_Roma. Si’, proprio le vignette danesi… scusate la somma ignoranza, ma non capisco il motto bestiale di rabbia che esplode a febbraio. Eppure, le vignette sono del settembre scorso e quella lettera era di una civilta’ estrema. Perch…

Spagna del 19/02/2006 @ 12:11:56 – da: Euskal Blog : Ingeleraz The Long Road Towards Peace and Democracy for the Basque Country Vestiti da Calderai (Caldereros) intonano canzoni tradizionali durante la processione a San Sebastian del 4 febbraio 2006. La sfilata ricorda l’arrivo in citta’ dei Rom dall’Ungheria…

Kosovo del 06/02/2006 @ 00:54:14 – CENTRALNI OFIS ROMA KOSOVA I METOHIJE Ul. Atanasija Pulje br 1011080 Zemun – SCGTel/fax: ++381 11 316 59 25 Mobile: ++381 64 26 37 621 Belgrado, 27 gennaio 2006: DICHIARAZIONE ALLA TANJUG Bajram Haliti, Presidente dell’Ufficio Centrale dei Rom di Kosovo/a e Metohija si e’ incontrato coi m…

Gran Bretagna e Irlanda (& Colorado) del 06/02/2006 @ 08:54:14 – Ustiben report E’ sorta una nuova disputa tra i residenti che hanno occupato l’area di Dale Farm da cui dovrebbero essere sgomberati (il piu’ grande villaggio autogestito di Nomadi e Viaggianti) e il consiglio comunale di Basildon. Quest’ultimo ha reso pubblici dati medici e sociali confid…

“I ROM DELLA BOSNIA” di Velija Ahmetovic del 06/02/2006 @ 09:38:57 – Ahmetovic Velija, poeta rom residente nella citta’ di Rimini, annuncia l’uscita del suo libro. Elisabetta Caravati 4 febbraio 2006 Vincitore per due anni consecutivi del premio internazionale di cultura Romani’ “Amico Rom” che si tiene ogni anno a Lanciano, nel 2002 si e’ aggiudic…

Soffia il vento (e neanche le scarpe rotte…) del 07/02/2006 @ 02:34:59 – Sulla vicenda delle vignette su Maometto, si stanno scatenando le migliori teste pensanti di blogger… e stanno replicando il dialogo tra sordi che gia’ c’e’ tra i loro fratelli maggiori: i giornali e gli opinionisti del partito preso. Sono sicuro che nel pollaio virtuale, nessuno si lam…

Grecia del 07/02/2006 @ 10:19:56 – PANHELLENIC CONFEDERATION OF GREEK ROMA (PACONGR) Address: Aiolou 2 & Eleftheriou Venizelou St, GR-12351 Santa Barbara. Greece. Telephone & Fax: (+30) 210.569.17.93e-mail: romltd@ath.forthnet.gr GREEK HELSINKI MONITOR (GHM) Addr…

Benelux del 07/02/2006 @ 15:38:57 – La risoluzione adottata dall’Assemblea Parlamentare del Consiglio d’Europa (PACE) il 26 gennaio nel capitolo intitolato ?Politica del rimpatrio per chi non ha avuto accoglienza della domanda d’asilo in Olanda?, compilato dal Comitato su Migranti e Rifugiati dell’Assemblea, afferma ch…

Piani edilizi per le talpe del 07/02/2006 @ 22:25:28 – Era da tempo che non linkavo + snowdog. Non me ne voglia, l’importante e’ tenere SEMPRE gli occhi ben aperti. lunedi’, 06 febbraio 2006 Hai un terreno in zona vincolata ad uso agricolo perche’ compresa nel territorio del Parco Agricolo Sud (periferia di Milano) e vorresti costrui…

Slovenia del 08/02/2006 @ 01:15:45 – Slovenia: rigetto d’asilo 07.02.2006 Da Capodistria, scrive Franco Juri Non piu’ assistenza legale gratuita, nessun diritto di impiego e nessuna assistenza sociale. Approvata in Slovenia la nuova legge sul diritto d’asilo. La destra e’ compatta e si dice felice di “esse…

Appello URGENTE da Prokuplje del 08/02/2006 @ 11:08:39 – Ciao, mi chiamo Alessandra Genovesi-Bogicevic, ho sentito parlare di te da Ciccio di Burekeaters, scusa se mi permetto di scriverti senza conoscerti, ma visto che entrambi siamo attivisti per i diritti di Rom e Sinti, chiedo il tuo aiuto per Fatima. E’ una bambina di 6 anni che vive a Prokuplje, in …

Festival rom col Campidoglio del 08/02/2006 @ 14:19:56 – Ricevo da: Giada Valdannini Nell?ambito della decade ?ROMA REALE, ROMA PLURALE. LAICITA?: TUTELA E GARANZIA DELLE DIVERSITA? promossa da Franca Eckert Coen, consigliera delegata del sindaco alle Politiche della Multietnicita’ del Comune di Roma Le associazioni Arci e Them Roman…

Mediatrice scolastica del 09/02/2006 @ 09:05:26 – foto per gentile concessione di Licia Brunello: le due mediatrici scolastiche Franca Turchiarolo e Antonia Braidic, tra loro Filippo Penati, presidente della provincia di Milano – nientepopodimenoche’ alla Giornata della Riconoscenza 2005. Questo mese Martesana 2 dedica un articolo alla sc…

Romania del 09/02/2006 @ 17:20:32 – Da: Stranieri in Italia Abolite le sanzioni contro i “finti turisti” Non perdera’ piu’ il passaporto chi si trattiene per piu’ di 90 giorni nello spazio Schengen. Ma per l’Italia rimane un immigrato irregolare BUCAREST – E’ tregua tra il governo di Bucarest e i “finti turi…

Ungheria del 10/02/2006 @ 08:31:58 – L’Ungheria chiede alla scuola di porre fine alla discriminazione dei rom. Budapest, 27 gennaio 2006. L’Ombudsman (tutore dei diritti dei cittadini, ndt.) ungherese ha detto alla scuola primaria che deve porre fine alla discriminazione degli alunni rom dopo aver constatato che venivano separati dagli …

Icone del 10/02/2006 @ 09:47:49 – Ce n’e’ per tutti (o quasi, gli esclusi non se la prendano con me), lunar_rainbow e luludi hanno raccolto QUI oltre 200 icone di celebrita’ Romani’. Fonte: Roma (Gypsies) and Friends…

?Roma Reale, Roma Plurale?: la grande farsa! del 10/02/2006 @ 19:05:11 – Segnalo questo COMUNICATO STAMPA, anche se ignoro tutto dei fatti descritti (purtroppo, non faro’ mai il callo a queste polemiche ricorrenti) La vicenda a cui si riferisce e’ QUESTA, mentre chi ha firmato il comunicato scrive ha un blog e (presumo) possa essere contattata via mail. URGENTE…

Lettonia del 11/02/2006 @ 13:24:58 – TRANSITIONS ONLINE: Latvia: Walled Up by Maija Pukite6 February 2006 Cautela delle autorita’ lettoni nel finanziare le organizzazioni romani. ?Ci fosse una Zingarolandia da qualche parte, molti di noi probabilmente ci andrebbero. Ma …

Riferimenti: MAHALLA

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

Intervento di Hamid Barole Abdu sul concetto di integrazione

26 Febbraio 2006 1 commento


Di sicuro all’integrazione non si arriva attraverso miracoli, veri o falsi che siano, ma nemmeno attraverso false ideologie, assistenzialismo indiscriminato, ambigui aiuti che rischiano di diventare, seppur in chiave moderna, un qualcosa di pericolosamente simile all’antico “commercio di schiavi”.

Ho provato a leggere su un qualsiasi dizionario il significato del termine “integrazione” e lo porto così come l’ho trovato: “l’incorporazione di una certa entità in una società, con l’esclusione di qualsiasi discriminazione razziale”.

Per arrivare a questo risultato mi sembra innanzitutto necessario analizzare, conoscere e capire le varie tappe attraverso le quali un immigrato deve passare nel suo percorso verso l’integrazione. Qui un primo criterio di valutazione è la qualità dell’integrazione che un gruppo sociale realizza al suo interno e nel rapporto con gli altri gruppi, osservando cioè i modi in cui un gruppo entra in contatto con la diversità culturale ed i modi in cui vive, al suo interno, le singole differenze.

La ricchezza e la forza di una cultura sta infatti nel suo potere di diversificarsi ed integrare, nella sua capacità di elaborare il tempo passato, di vivere spazi diversi di esperienza e di memoria, di sperimentare la loro distanza e continuità, di trovare “spazi di emergenza” per i sentimenti profondi e per i linguaggi che li esprimono; una cultura quindi in grado di promuovere l’uscita dall’interdeterminatezza e dalla confusione, nello sviluppo della persona; in particolare, in grado di creare i presupposti per una dialettica del dare/ricevere che arricchisce i rapporti con le altre identità culturale e, insieme, la percezione della propria.

Le differenziazioni tra le culture non sono determinate solo dai contenuti, ma dalle forme che li esprimono (cognitive, nel linguaggio, nelle immagini usate, nei modi di espressione, troviamo una rappresentazione simboliche di come è organizzata la percezione del mondo e della realtà, in una determinata cultura, linguistiche, simboliche in senso lato).

Una tentazione ricorrente nel pensiero scientifico occidentale è quella di considerare diverso il pensiero dei cosiddetti popoli “primitivi”, o dei popoli di paesi appartenenti ad aree non ancora alfabetizzate e capaci di una trasmissione orale della cultura, e perciò solo superficialmente impregnati dai simboli della cultura occidentale; infatti non usa astrazioni, è un pensiero che si esprime nelle forme della concretezza operatoria, perché la sola veramente utile in quella sfera di vita.

Questo non implica affatto che soggetti che vivono questa esperienza mentale, portati in un’altra condizione di vita, dove la sfera del simbolico-formale sia necessaria e dominante, non la possano dominare e usare, anche se questo può costare loro molto sul piano del controllo mentale della realtà.

Analogamente, in psicoterapia, una delle operazioni terapeutiche è quella di riportare, “tradurre”, le astrazioni (meccanismo difensivo di “intellettualizzazione”) ad un tipo più legato all’esperienza personale.

Riferimenti: per continuare a leggere l’intervento

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

Magione (Pg), Ballet 2006, Flamenco e Khatak

26 Febbraio 2006 Commenti chiusi


Sabato 1 e domenica 2 aprile 2006 a Magione (Perugia)
nel teatro Mengoni a Ballet 2006,
si terrà la manifestazione
Flamenco e Khatak
Viaggio nel ritmo dall?India alla Spagna

Ideato da Rossella Fanelli con musiche tradizionali indiane e flamenchi.

Lo spettacolo si ispira a quel particolare evento storico, stratificatosi nei secoli, del lungo cammino che i Kalé spagnoli fecero dall?India alla Spagna (in Andalusia per l?esattezza, culla del cante flamenco), attraversando deserti e montagne, scegliendo aree su cui circoscrivere periodi di stanzialità (Europa orientale e balcanica, Italia e Francia del Sud, Nord Africa) e differenziandosi per la lingua, ma conservando alcuni tratti, dal nomadismo alla musica e alla danza.

Il Kathak, stile di danza del Nord dell?India, è senz?altro la disciplina che più si avvicina al Flamenco; forte è infatti la relazione nel ritmo della musica e della danza, soprattutto nel lavoro dei piedi (nudi nel caso della danza Kathak), altamente virtuoso e raffinato.

Tra i sentimenti espressi e codificati dai mudra e dalla mimica facciale della danza indiana si intrecciano i movimenti del Flamenco sensuale e istintivo per giungere insieme ad una conversazione ritmica dove il suono delle percussioni risponde a quello dei piedi dei danzatori Kathak e Flamenco

Per informazioni
Fondazione Umbria Spettacolo
telefono 075 5726764, fax 075 5726768
e-mail: info@umbriaspettacolo.it

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

Linee guida per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri

26 Febbraio 2006 1 commento


Il Ministero della Pubblica Istruzione ha reso pubblico il 16 febbraio il documento: linee guida per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri.

Secondo il Direttore Generale, Maria Moioli, il documento descrive le azioni per l’accoglienza e l’integrazione degli alunni stranieri, condotte con la collaborazione dei Referenti regionali e del Gruppo nazionale di lavoro per l’integrazione degli alunni stranieri.

Le Linee guida sono il risultato delle strategie operative poste in essere da questa Direzione e sono state condivise ed approvate dal predetto Gruppo nazionale di lavoro dopo un’ampia consultazione nella quale sono stati coinvolti anche i Referenti regionali e provinciali per l’intercultura.

L’obiettivo del presente documento è di presentare un insieme di orientamenti condivisi sul piano educativo, di individuare alcuni punti fermi sul piano normativo e di dare alcuni suggerimenti di carattere organizzativo e didattico, ferma restando l’autonomia delle Istituzioni scolastiche e la loro responsabilità in materia.

Naturalmente è citata la sfortunata convenzione firmata dall’Opera Nomadi Nazionale che con questo documento fa diventare stranieri tutti i minori sinti e rom italiani.

Riferimenti: il documento in versione pdf

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , ,

Treviso, presentato in regione il progetto per il "campo nomadi"

26 Febbraio 2006 Commenti chiusi


Il Comune di Treviso ha presentato in Regione Veneto il progetto per la realizzazione di un nuovo “campo nomadi”.

Il campo dovrà accogliere i Sinti, i Rom e i Giostrai che sono insediati in vari terreni sul territorio comunale. Il nuovo “campo” sarà precluso a chi è “itinerante”.

Il progetto prevede il concentramento di circa cento persone in un sito inquinato e mai bonificato, secondo a quanto affermano alcune forze politiche locali.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , ,

Formigine e la storia della Zingaraja

26 Febbraio 2006 Commenti chiusi


In questi giorni, fino a domenica 5 marzo si tiene a Formigine (Provincia di Modena) un carnevale molto particolare e diverso da quello di Venezia.
Il carnevale, ogni anno, rivive un’antica leggenda che descrive la nascita di questa cittadina, intorno al 980 (e questa data metterebbe in crisi tutta l’attuale storiografia sulle popolazioni sinte e rom) con l’arrivo e la sedenterizzazione di un gruppo di Sinti e di Rom.
Così ha inizio la storia della Zingaraja: un sodalizio che trae origine da questa leggenda e che mantiene vivo il ricordo, gli usi e i costumi delle tradizioni più popolari di Formigine.

Riferimenti: il Comune di Formigine

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

Venezia, il carnevale è rovinato da alcune povere donne rom

26 Febbraio 2006 1 commento


Un interessante articolo è stato pubblicato da AidaNews sul carnevale di Venezia. Naturalmente tra una sfilata di maschere, spettacoli con musica, danza e recite c’è il tempo per criticare l’attuale Giunta comunale che non scaccia alcune povere donne rom che chiedono l’elemosina.
Secondo la contessa Frattini dalle Voglie, questi “mendicanti” sono “tutti della stessa tribù di zingari”.

Riferimenti: per approfondire

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

Leggende metropolitane sui Sinti e i Rom

26 Febbraio 2006 Commenti chiusi


Sono duri a morire, e di certo in una società bombardata dall’informazione come la nostra, trovano nuova linfa, nella marea di notizie, quelle leggende metropolitane e bufale che pure presso le nostre latitudini non mancano.
Negli ultimi anni però sulla rete sono nati parecchi siti con l’intento di smascherare queste nozioni comuni, le quali, affermate e ripetute, acquistano credibilità e popolarità.
In Ticino va segnalato il lavoro di “antibufala” di Paolo Attivissimo, un divulgatore informatico, nonchè “cacciatore di bufale” (così si definisce) che ha all’attivo la pubblicazione di diversi articoli e libri (l’ultimo è “L’acchiappavirus”) e che da ormai quattro anni gestisce il sito www.attivissimo.net, punto di riferimento in lingua italiana per quel che concerne le bufale e le leggende metropolitane che possiamo trovare sia sulla rete che sui giornali. In quattro anni ne ha già raccolto oltre 200.

Qualcuna anche “made in Ticino” come quella dei Sinti e dei Rom che lasciano dei segni sui citofoni delle case per segnalare le abitazioni che meritano di essere svaligiate: “È chiaro che si tratta di una bufala. Molti però ci cascono. Perfino alcune forze di polizia. È impensabile che ci possa essere una banda di zingari che vada in giro di porta in porta e compia un sopralluogo delle abitazioni segnandole con dei pennarelli. In questo modo qualcun’altro potrebbe andare a rubare al loro posto. Non è molto pratico. Gli zingari non sono una criminalità organizzata che si fanno i piaceri a vicenda”.

Riferimenti: per saperne di più

Categorie:Senza categoria Tag: , ,