Archivio

Archivio Ottobre 2005

Progetto MATRIA

28 Ottobre 2005 Commenti chiusi

Nasce a Mantova un nuovo spazio per conoscere, raccontare e vivere il mondo che vediamo e che sentiamo.
Una trentina di persone si stanno costituendo associazione e chiederanno all’inizio del prossimo anno di diventare Circolo ARCI.
L’inaugurazione del nuovo spazio è per venerdì 4 novembre, alle ore 19.00.
Riferimenti: progetto matria

Categorie:Senza categoria Tag: ,

I ROM OGGI, corso di formazione a Pistoia

28 Ottobre 2005 Commenti chiusi


Ieri, 27 ottobre, si è tenuto a Pistoia il sesto incontro del corso di formazione ” i Rom oggi”, rivolto a volontari, operatori e insegnanti.

Il corso è stato organizzato dal Centro Servizi Volontariato Toscana (CESVOT) e dall’Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Pistoia, in collaborazione Assessorato Istruzione del Comune di Pistoia.

Il corso, iniziato il 22 settembre, ha sede al Centro Risorse per l’Innovazione Didattica ed Educativa in via Donati n.17 a Pistoia.

L’incontro di ieri ha visto come relatore Yuri Del Bar, nella foto, che ha tenuto una relazione intitolata: Rom e Sinti oggi in Italia: scuola e lavoro.

Il corso si propone di presentare le realtà rom e sinte attraverso la visione di film e l’incontro con autori di libri.

Lo scopo è di permettere una conoscenza più approfondita dell’attuale realtà dei mondi sinti e rom.

La metodologia utilizzata è la discussione sui materiali proposti per portare ad una riflessione “alta” utilizzando dati prettamente culturali e sociali prodotti principalmente dagòli stessi Sinti e Rom.

Il prossimo incontro sarà il 3 novembre, alle ore 16.45. Nazzareno Gurnieri (Rom Abruzzese) relazionerà sulle difficoltà attuali e prospettive future nella scolarizzazione dei bambini rom.

per contatti
Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Pistoia
via Nazario Sauro n.53 – 51100 PISTOIA
telefono 0573 368001 – e-mail renzasasso@yahoo.it

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

News from Dzeno Association

28 Ottobre 2005 Commenti chiusi


Only two out of 22 Roma political parties remain after pre-registration;
ROI comes to an end 7. 10. 2005
Ko?ice 7 October (RPA) – Only two out of 22 Roma political parties
fulfilled the law obliging preregistration of political parties. This
information was given to the Roma Press Agency (RPA) by an advisor to
the Ministry of the Interior and the chairman of the Party of the Roma
Coalition Party (SRK), Ladislav Fizik.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8840

The Not-So-New Romany Orchestra Phenomenon 7. 10. 2005
The Dzeno Association is pleased to announce that the 100-Member Gypsy
Orchestra will perfom at Cassosport Hall in Kosice, Slovakia on the 29th
of October at 19.00hrs. The orchestra was founded in 1985 shortly after
the Hungarian-Romany musician Sandor Jarova died. The group of musicians
that played at his funeral later founded the 100-member Gyspy Orchestra.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8839

Job Offer: Senior Office at Open Society Justice Initiative 6. 10.
2005
The Open Society Justice Initiative is an operational, non-grant making
program of the Open Society Institute (OSI), the foundation started by
George Soros in 1993. You can apply there for job of Senior Office
before October 19,2005.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8831

Riffs 7. 10. 2005
The Rough Guide To The Music of Balkan Gypsies offers another approach,
one that provides a link between the bright, spiraling sound of New
Orleans and the frenetic brass band works of Eastern Europe.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8837

Roma advocate mourned 7. 10. 2005
Members of the Czech Republic’s Roma, or Gypsy, community are mourning
the death of one of the world’s foremost experts in their language and
culture.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8836

Drugs among Roma are on increase in the Czech Republic 12. 10. 2005
An estimated 250.000 Roma live in the Czech Republic. After the fall of
the commmunist regime, the problems of the Roma population were
exacerbated greatly. Problems appeared in the mid 1990s, such as
increased levels of racism, housing problems, and an inability to
succeed in a free labor market. Since this time, the Roma community has
developed further problems, notably an increased addiction to narcotics.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8859

Alternative to Barbed Wire Found for Eperjes Roma Ghetto? 12. 10.
2005
Presov, Slovakia — Presov city council’s latest plan is to place
surveillance cameras around the Roma neighborhood in the town and
provide more policemen to patrol the Stará Tehelna Roma ghetto says
Presov Deputy Mayor, Stanislav Goban.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8857

Gypsies in fight for their ‘human rights’ 10. 10. 2005
GYPSIES from all over England met in Fenstanton to form an organisation
to fight for their “basic human rights” – a place to live and education
for their children. Chairman of the as yet unnamed umbrella organisation
is Cliff Codona, founder of the National Travellers Action Group.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8854

Roma Man Beaten by Youths Gets Compensation for Delayed Legal Action 14.
10. 2005
Slovak prosecuting authorities have been directed to pay 100.000 SK
(about 3.100 USD) to 55 year-old Romany citizen Herman Olah as
compensation for delaying prosecution. Olah was attacked three years ago
in July 2002 while he was outside with his granddaughter. Two young
neighborhood boys arbitrarily and violently kicked him while shouting
such things as, “You dirty black Gipsy! You’re going to die!” Eight
weeks later, Olah identified his assailants during his recovery.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8878

Concert to Honor Outstanding Women of Roma Studies 14. 10. 2005
As an expression of honor for the lifelong work of Milena Hubschmannova,
who tragically died recently, students of Romany Studies have organized
two Romany concerts at the Roxy Club in Prague. The events are scheduled
to take place on the 25th and 26th of November. The events, organized
under the auspices of Vaclav Havel, are also dedicated to two other
prominent Romany Studies personalities, Hana Sebkova and Edita Zlnayova.
The Dzeno Association received this announcement from Tomas Habart, a
current student of Romany Studies at Charles University.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8877

Personal health records for Gypsies-Travellers 14. 10. 2005
(Scottish Executive News)- A hand-held patient record for
Gypsies/Travellers which aims to improve the continuity of care of
travelling communities was launched today. The Patient Record of
Personal Health will allow Gypsies/Travellers to have complete and
detailed medical information with them at all times.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8874

Conference for the Implementation of Action Plan for Roma and Sinti
People 14. 10. 2005
The OSCE will be holding a joint international conference on the
implementation of policies and action plans for Roma, Sinti and
Travellers, and measures against the anti-Gypsyism phenomenon in Europe.
This conference will take place in Warsaw, Poland on the 20th and 21st
of October, 2005. The conference will focus on the implementation of the
Action Plan for Improvement of the Situation of the Roma and Sinti
within the OSCE Area; the Council of Europe’s relevant recommendations
on Roma and Travellers; and European Union standards.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8880

Anniversary: A Roma Historian Bartolomej Daniel Was Born 81 Years Ago Romany historian Bartolomej Daniel was born 81 ago on the 17th of October 1924 in the western Slovak village of Sastin. We remember him as the author of Dejiny Romu (The History of Roma, published 1994), which is most likely the first piece of work documenting the history of Roma society in the Czech Republic written by a Roma author. He passed away October 10th 2001. We have high regard for Mr Daniel for his efforts in Roma history.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8893

Gypsies leave council with £90,000 utilities bill 16. 10. 2005
Gypsies have left a council with a £50,000 electricity bill because meter readers were too scared to visit a notorious camp to take readings. Somerset county council claims that Southern Electric staff were too frightened to set foot on the site so issued the council with bills based on estimated figures.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8892

Racist Trolley Driver Penalized 18. 10. 2005
Presov, Slovakia (RSK) – A trolley driver faces a possible prison
sentence for verbally accosting two Roma youngsters if he does not pay
the fine handed to him by the Presov country court (Eastern Slovakia).
The sentence was appealed but the court has rejected the appeal making
the court decision now legally binding.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8912

Roma being deported to Hungary 18. 10. 2005
When the Roma return to Hungary, they are subject to worse treatment
than before they escaped because they are considered traitors and are
often turned down for social assistance.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8911

Affirmative action is banned in Slovak legal system 19. 10. 2005
The Constitutional Court of the Slovak Republic has decided that
anti-discrimination legislation is unconstitutional due to its efforts
to allow affirmative action in Slovakia. The Constitutional Court ruled
against the legislation as a result of the parliament’s addition of
Article 5 of the European Commission, which legalizes affirmative action
as a tool to combat social inequalities.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8931

Amnesty International: Prevent Roma from Racism! 19. 10. 2005
(Brussels, 19 October 2005) With the European Commission due to release
its annual monitoring reports on Bulgaria and Romania on 25 October,
Amnesty International calls on the European Union to keep up pressure on
the two accession countries on some crucial outstanding human rights
concerns.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8923

Triny releases new CD 20. 10. 2005
The Romany-Czech trio Triny will release their second CD called Aven.
The trio was founded in 1999 by Romany newscaster of Czech TV Iveta
Kovacova, Jana Tyserova and Dagmar Podkonicka. Similiarily to their
debut album Gypsy streams this CD presents Romany folk songs adjusted to
trio-voice set in the imaginative background music.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8936

Conference for the Implementation of Action Plan for Roma and Sinti
People 14. 10. 2005
The OSCE will be holding a joint international conference on the
implementation of policies and action plans for Roma, Sinti and
Travellers, and measures against the anti-Gypsyism phenomenon in Europe.
This conference will take place in Warsaw, Poland on the 20th and 21st
of October, 2005. The conference will focus on the implementation of the
Action Plan for Improvement of the Situation of the Roma and Sinti
within the OSCE Area; the Council of Europe’s relevant recommendations
on Roma and Travellers; and European Union standards.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8880

French cops bust baby-smuggling ring 19. 10. 2005
PARIS, Oct. 19 (UPI) — French authorities cracked a baby-smuggling ring
run by Bulgarian gypsies, France’s Liberation newspaper reported
Wednesday. Police retrieved seven healthy babies in the Paris area
Tuesday, and arrested seven couples who had “adopted” them. The gypsies
were selling baby girls for ,000 apiece and boys for ,200, Liberation
reported.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8935

Romany Film Festival to be held in Macedonia on November 4 – 6
Director of Golden Wheel Festival (Somnakajeskiri Rota Festival) Zoran
Dimov has informed our office that the third edition of the Roma
Festival of TV and radio programs ‘Golden Wheel’ will take place between
November 4 – 6, 2005 in Hotel Continental in Skopje, the capital of
Macedonia.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8943

Tearoom bouncers tackle fair fear 20. 10. 2005
A Cotswold tearoom has employed bouncers to head off trouble during this
week’s Gypsy horse fair at Stow. Locals claim trouble at the
twice-yearly event is getting out of hand with many traders shutting up
shop to avoid problems.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8942

Romany singer Vera Bila playing with new band 24. 10. 2005
Vera Bila is one of the most famous Roma singers of the Czech Republic
and is often compared to Ella Fitzgerald. In the beginning of September
2005, Vera Bila split up with her band Kale and manager and producer
Jiri Smetana. Kale has intended to play without its most charismatic
performer whom they have replaced by Dezider Lucka, a member of Kale.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8956

International Romani Union (IRU) boycotted OSCE’s conference 24. 10.
2005
On October 20th-21st, the Office for Democratic Institutions and Human
Rights (OSCE) held a joint international conference on the
implementation of policies and Action Plans for Roma, Sinti and
Travellers, and measures against the anti-Gypsyism phenomenon in Europe.
Instead of focusing on the policies and of the Action Plan, the IRU
focused on their non-pariticpation because of an invitation that was
sent at the last minute. The IRU boycotted the meeting declaring the
lack of respect for the IRU by the OSCE.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8955

Roma 24. 10. 2005
Minority rights groups urged Romanian President Traian Basescu yesterday
not to sign an anti-racism bill into law until it mentions that Gypsies,
or Roma, were among the victims of the Holocaust. About 30 Romanian and
foreign Gypsy advocates, including rights activists and European
lawmakers, signed an open letter objecting to wording of the
legislation, which aims to make racial discrimination illegal. They
complained that it failed to mention that the Nazi Holocaust targeted
Gypsies as well as Jews.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8960

Bride runs away and groom gets a refund 24. 10. 2005
Sofia, Bulgaria – A traditional Roma court ordered a runaway bride’s
family to return the 40 000 leva ( 500) that the abandoned groom has
paid for her, local newspapers reported on Monday. In a customary
arrangement, the man had bought the 22-year-old bride for that sum from
her parents. She, however, appeared less of a traditionalist and ran
away before the wedding.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8982

Roma politics in Central Europe 24. 10. 2005
Estimates of the size of the Roma population in Europe range from seven
to nine million, almost the total population of many smaller European
states. Approximately 70% of the Romas in Europe live in the new (and
the potential) EU member countries. The author, Pál Tamás, analyses the
situation of the Roma in the Czech Republic, Hungary and Slovakia. His
question is: could the EU influence effectively the Roma policy of the
member states, especially the new ones? The article was published in The
Analyst, a new quarterly focussed on the key political, economic and
social developments in Central Eastern Europe.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8981

Romanian President: Roma must be considered as Holocaust victims 26. 10.
2005
Romanian President Traian Basescu has sent a bill back to parliment
requesting that the definition of the Holocaust include Roma. The
request follows an open letter Mr Basescu received from rights activists
and European lawmakers, which asked him change the wording of the
Holocaust in the bill. The bill will ban Holocaust denial and aims to
make racism illegal.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8992

ERRC lodges complaint to EU about Slovak Prime Minister 26. 10. 2005
Further to a request by the Budapest based European Roma Rights Center
(ERRC) for a correction, the Slovak Prime Minister Mikulás Dzurinda
refuses to publicize a correction about the recently emerged scandal
concerning coercive sterilization cases. Two weeks ago, Slovak chief
prosecutor Jozef Contos said that they have closed their investigations
into the case and the UN also ceased their investigation, further
stating the operations without the women’s consent had never happened.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8990

Human Rights Defender Illegally Detained 26. 10. 2005
The International Helsinki Federation for Human Rights (IHF) yesterday
sent a letter to the Greek ministers of education and public order and
the prosecutor of the Supreme Court to draw their attention to the
illegal detention of Theo Alexandridis, legal adviser of Greek Helsinki
Monitor (GHM), following his participation in the defense of Roma
rights.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8994

Romanian Gypsies, Branded “Thieves,” Get EU Aid in Legal Battle 27. 10.
2005
Eleonora Rostas said she hid among corn stalks in the Transylvanian
countryside of Romania in 1993 as an anti-gypsy mob beat two of her
neighbors to death, burned another alive and torched her neighborhood.
Twelve years later, European Union warnings about Romania’s treatment of
its 2.5 million gypsies, or Roma, are helping Rostas fight for
compensation from the perpetrators. Romania, which seeks to join the EU,
must improve conditions for its poorest ethnic minority, the 25-nation
group said Oct. 25.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8997

Kosovo Roma want to take part in the negotiations on Kosovo’s future 27.
10. 2005
Pristina, 25 October 2005: One day after the announcement by UN Security
Council of the opening of the negotiations on Kosovo’s political status
Kosovo Roma have requested to be admitted to these talks. In a letter
addressed to high representatives of the international community and the
EU representatives of the Kosovo Roma, Ashkalija and Egyptian
communities have asked for an urgent solution to the problems of the
Roma of the former Yugoslavia who have become victims of wars and racist
violence, many of whom continue to live in limbo.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?r_id=28

Human Rights Defender Illegally Detained 26. 10. 2005
The International Helsinki Federation for Human Rights (IHF) yesterday
sent a letter to the Greek ministers of education and public order and
the prosecutor of the Supreme Court to draw their attention to the
illegal detention of Theo Alexandridis, legal adviser of Greek Helsinki
Monitor (GHM), following his participation in the defense of Roma
rights.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8994

Romanian President: Roma must be considered as Holocaust victims 26. 10.
2005
Romanian President Traian Basescu has sent a bill back to parliment
requesting that the definition of the Holocaust include Roma. The
request follows an open letter Mr Basescu received from rights activists
and European lawmakers, which asked him change the wording of the
Holocaust in the bill. The bill will ban Holocaust denial and aims to
make racism illegal.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8992

Riferimenti: Dzeno Association

Romnì tenta di sequestrare un bambino a Firenze

27 Ottobre 2005 4 commenti


Pubblichiamo un acuto articolo pubblicato ieri sul blog

http://kelebek.splinder.com/

sulla notizia di cronaca che ancora una volta veicola lo stereotipo della zingara rapitrice di bambini.

Vietato guardare i bambini

Sospendiamo per un attimo le riflessioni sui quattro errori del Capo. Perché è successa una cosa molto più grave.

Scendo dal treno a Firenze e trovo la città tappezzata di locandine dei giornali, che dicono tutte più o meno, “nomadi tentano di rapire bambino in pieno centro”.

Ancora, la leggenda della zingara rapitrice…

Compro La Repubblica e La Nazione, dove leggo gli articoli, rispettivamente, di Michele Bocci e di Amadore Agostini.

Cerco di ricostruire, non quello che è successo, ma almeno quello che scrivono. Abbiamo una signora di 22 anni (Repubblica, cronaca nazionale) o di 24 anni (La Nazione), di nome Alessia, con accanto il marito operaio di 40 anni, e il bambino di cinque mesi nel passeggino. Sono turisti provenienti da Sanremo, e sono a passeggio per una delle strade più famose di Firenze, via Calzaiuoli, alle 13.30.

Di sicuro c’è che si avvicinano due donne Rom. La mamma caccia un grande urlo, le due donne scappano. Una riesce a fuggire, l’altra, “corpulenta e facile da riconoscere” anche per il vistoso e inconfondibile abbigliamento, viene subito catturata dai carabinieri e portata al carcere di Solliciano “per tentato sequestro di persona”. E’ una clandestina rumena, di 34 anni.

Non è chiaro cosa sia successo esattamente, nel “giro di cinque o sei secondi”, come scrive Agostini. La madre afferma che le donne non solo erano chine sulla culla, ma “cercavano di sganciare le cinture del passeggino”.

A questo punto, il Commissario Maigret ha tutti gli elementi per ricostruire quello che è successo.

Prima ipotesi.

Un gruppo di persone che chiameremo la Banda dei Rom decide di compiere uno dei delitti più rischiosi che si possano commettere in Italia. Perché quando scompare un bambino, non si mobilitano solo tutte le forze dell’ordine del paese. Si mobilitano anche, e spesso per anni, i media e i politici, che tengono sotto pressione le forze dell’ordine e la magistratura.
Per eseguire questo audace colpo, la Banda dei Rom sceglie una città affollata, all’ora di punta. Una delle città più sorvegliate d’Italia. In una zona praticamente chiusa al traffico: l’esecutore dovrà quindi fuggire a piedi, dopo il colpo.

A custodire il bambino, oltre alla madre, c’è anche il padre, un signore descritto come “operaio” e quindi presumibilmente non invalido.

Per compiere la missione, si sceglie l’esecutrice del delitto: una tonda signora, “brutta come una strega”, dai vestiti coloratissimi.

Seconda ipotesi.
Due clandestine, che vivono in condizioni inimmaginabili di degrado, girano per uno dei centri più ricchi del mondo.
Penso a Gabriela Calderashi, certo non bellissima, rumena anche lei, evangelica convinta, clandestina, che ogni tanto mi raccontava spezzoni della sua vita. So che aveva diversi figli, so che poi pensava di andare con il marito nelle Marche. E so anche che in una notte attorno al Natale del 1999, due bambini che di cognome facevano Calderashi morirono nell’incendio di una roulotte, proprio nelle Marche. Baxtalì… la fortuna sia con te.

Ma torniamo alle due Romnì – donne Rom – di via Calzaiuoli. Forse volevano proprio vedere il bambino. Perché, per quanto possa sembrare inimmaginabile a molti italiani, le mamme Rom sono sentimentali esattamente quanto le mamme di Sanremo o le nonne di Toscolano Maderno.

I latifondisti bianchi del sud degli Stati Uniti potevano disporre come volevano delle loro schiave. Mentre fino a tempi molto recenti, un nero che fosse sospettato di aver concupito una donna bianca veniva immediatamente linciato.
Allo stesso modo, quello che è la normalità per qualunque donna bianca – sciogliersi in complimenti per bambini casualmente incontrati per strada – è delitto per le donne Rom.

Stanotte c’è in carcere una donna che avrà sicuramente mille difetti, che sarà veramente brutta come una strega, ma che rischia anni di carcere per una leggenda metropolitana, deliberatamente alimentata da persone come Bruno Vespa.

Riferimenti: KELBEK

Categorie:Senza categoria Tag: , , , ,

Sgombero a Cusago (MI), comunicato stampa dell’Opera Nomadi

25 Ottobre 2005 16 commenti

Questa mattina, alle porte di Milano, in località ?Cusago?, è stata portata a compimento un?operazione di sgombero e abbattimento di un manufatto abitativo oggetto di un lungo contenzioso amministrativo tra alcune famiglie rom, il Comune di Milano e la Magistratura Ordinaria (per l?aspetto penale).
Al di là del merito legato alla illegittimità e, forse, inopportunità di una edificazione certamente di carattere abusivo, ma sulla quale non si erano ancora esaurito il normale iter giudiziario e amministrativo, denunciamo i metodi violenti adottati durante l?operazione, alla presenza del Vicesindaco De Corato (AN), che hanno portato 4 rom (due giovani donne di cui una al III mese di gravidanza, un anziano di 80 anni e un giovane di 14) al pronto soccorso dell?Ospedale San Carlo per curare le contusioni provocate dalla collutazione con le Forze dell?Ordine.
I Rom di via Cusago sono cittadini italiani del gruppo dei ?Rom Harvati?, residenti a Milano da oltre quarant?anni che, nel 1999 stanchi di vivere in condizioni precarie e conflittuali nel ?campo comunale di via Martirano?, acquistarono un terreno su cui costruire delle abitazioni ?mobili? ad uso residenziale.
E? infatti da alcuni anni ormai che molte famiglie rom e sinte di Milano decidono di abbandonare i luoghi destinati a loro dall?Amministrazione Comunale (i campi nomadi), andando ad insediarsi in piccole aree con la propria famiglia allargata e provvedendo in proprio alla realizzazione dei lavori di urbanizzazione e alla costruzione di abitazioni.
E? una risposta ?spontanea? a una condizione di abbandono delle Istituzioni cittadine, al fallimento di una politica abitativa che ha saputo solo proporre la ripetizione di sgomberi inutili e la realizzazione di luoghi ?differenziali? e disumani (come i campi di via Triboniano e via Barzaghi, dove centinaia di persone vivono ammassate, private delle più elementari condizioni di sicurezza e salute).
La solerzia con la quale l?Amministrazione Comunale ha provveduto a coordinare le operazioni odierne è ?insolita? (non riguarda cioè i più vistosi e importanti abusi edilizi che riguardano la città), mostra un aspetto intimidatorio e violento contro i soggetti deboli e le minoranze, ma soprattutto mette a nudo l?assoluta mancanza di una prospettiva e di un?idea di governo che sappia coniugare i bisogni dei cittadini e le trasformazioni urbane, portando al collasso le forme acquisite di convivenza civile.
Negli ultimi due anni l?accanimento pregiudiziale di una parte politica cittadina e regionale nei confronti delle comunità Rom e Sinte, ha raggiunto un livello intollerabile di linciaggio mediatico, violazione ripetuta delle leggi e di aperto razzismo verso il quale richiamiamo l?attenzione della società civile, dei partiti politici e degli organi istituzionali preposti.

per contatti
OPERA NOMADI SEZIONE DI MILANO ONLUS
Ente Morale DPR n. 347 del 26.3.1970
Via Archimede n. 13
20129 Milano
Tel 0284891841 – 3393684212
operanomadimilano@tiscalinet.it


Riferimenti: Sinti e Rom un habitat possibile

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , ,

RomEco, i Rom ed il sistema economico

24 Ottobre 2005 Commenti chiusi

Il Progetto di ricerca europeo, intitolato I Rom ed il sistema economico, si prefigge di studiare i meccanismi di inclusione/esclusione dei Rom e Sinti nel sistema economico ed educativo, e di rilevare eventuali iniziative finalizzate al loro inserimento formativo e lavorativo, nonché miranti a combattere ogni forma di discriminazione in tali percorsi specie nell?ambito di lavoro.
Il Progetto è stato promosso dall?Istituto di Ricerca Sociale di Berlino (Berliner Institut für Vergleichende Sozialforschung ? BIVS) in collaborazione con il Dipartimento di Scienze dell?Educazione e dei Processi Culturali e Formativi, Università degli Studi di Firenze, ed annovera i seguenti partner:
? Germania, Berlino ? Berliner Institut für Vergleichende Sozialforschung (BIVS), Member of the Europäisches Migrationszentrum (EMZ);
? Italia, Firenze ? Dipartimento di Scienze dell?Educazione e dei Processi Culturali e Formativi, Università degli Studi di Firenze;
? Bulgaria, Sofia ? Istituto di Ricerca Studii Romani;
? Praga, Repubblica Ceca ? Associazione Rom D?eno.
I risultati raggiunti sinora: lista dei contatti a livello europeo, finalizzata ad una rete europea, che include organizzazioni ed istituzioni Rom, non-Rom e miste, le organizzazioni europee, e singoli ricercatori ed esperti, impegnati nel settore di ricerca e studio sulle minoranze Rom/Sinte, nonché di istruzione, partecipazione socioeconomica, antidiscriminazione, ecc.; bibliografia concernente la situazione della popolazione Rom nei rispettivi paesi partner, in particolar modo le questioni quali discriminazione, istruzione ed inserimento lavorativo; preliminari rapporti nazionali dei paesi partner sulla situazione generale della popolazione Rom nei rispettivi paesi con particolare sguardo sul loro status nell?ambito socioeconomico e scolastico; interviste ? si stanno svolgendo interviste con gli attori coinvolti e con rappresen-tanti delle strutture, operanti in questo settore specifico.
Incontro nazionale del Progetto RomEco, previsto per il venerdì 4 novembre 2005 a Firenze, si propone come un momento di riflessione sulle suddette tematiche. I relatori convocati si invitano pertanto di esporre la propria esperienza ? a livello sia locale sia na-zionale ? nell?ambito delle iniziative finalizzate all?inserimento formativo e lavorativo dei Rom e Sinti.

Incontro nazionale ? Programma provvisorio

Venerdì, 4 Novembre 2005
Centro Studi e Ricerche EUROFOR, Sede Italiana, Via de Pandolfini 11, Firenze

14:00 Pranzo

15:00 Presentazione del Centro Studi e Ricerche EUROFOR e del Progetto RomEco: Zoran Lapov, Dipartimento di Scienze dell?Educazione, Università di Firenze
15:15 Presentazione del Progetto Regionale Rom: Demir Mustafa, Roberto Ermanni, ARCI Regionale Toscana, Firenze
15:30 Progetto ?Città Sottili?: Etem D?evat / Minghi, Pisa
15:45 Dibattito

16:00 ? 16:15 Pausa

Altre esperienze locali:
16:15 Emilia Romagna: Vladimiro Torre, Mediatore Culturale, Ass. ?Them Romanò?, Il Pro-getto Europeo Equal in Emilia Romagna
16:30 Mantova: Carlo Berini, Davide Gabrieli, Yuri Del Bar, Ass. ?Sucar Drom? / Istituto di Cultura Sinta / Opera Nomadi, Sezione di Mantova
16:45 Milano: Ernesto Rossi, Ass. ?Aven Amentza?, Unione Rom e Sinti
17:00 Pescara: Nazzareno Guarnieri, Mediatore Culturale, Opera Nomadi Abruzzo
17:15 Bolzano: Paola Dispoto, Mediatrice socio-culturale, Caritas/Fondazione ODAR
17:30 Dibattito

17:45 ? 18:00 Pausa

Esperienze interregionali e nazionali:
18:00 Giovanna Grenga?Kuck, Ministero della Pubblica Istruzione, Roma
18:15 Sabina Anderini, EQUAL / ISFOL Struttura Nazionale di Supporto, Iniziativa Comu-nitaria EQUAL, Roma
18:30 Dibattito

19:00 Chiusura dei lavori

20:00 Cena

Promotori del Progetto RomEco: Istituto di Ricerca Sociale di Berlino (Berliner Institut für Ver-gleichende Sozialforschung ? BIVS), in collaborazione con il Dipartimento di Scienze dell?Educazione e dei Processi Culturali e Formativi, Università degli Studi di Firenze.

Organizzazione: Demir Mustafa, Zoran Lapov, Alessandra Novelli
demirmustafa@virgilio.it, kham_lapov@yahoo.com, alessandra.novelli@tiscalinet.it

Il Sinto Radames Gabrielli candidato per il Consiglio Comunale di Bolzano

24 Ottobre 2005 2 commenti


Da alcuni giorni siamo assenti dal blog perchè molto impegnati in tantissimi progetti.
Oggi ritorniamo per parlarvi dell’incontro pubblico per la presentazione della candidatura di Radames Gabrielli nelle elezioni comunali del prossimo novembre a Bolzano.

L’incontro, tenuto giovedì 20 ottobre a Bolzano, ha visto la partecipazione di: Radames Gabrielli; Luigi Spagnoli, candidato Sindaco a Bolzano; Yuri Del Bar, Consigliere Comunale a Mantova; Carlo Berini, Istituto di Cultura Sinta, e Paola Dispoto, volontaria di Bolzano. L?incontro è stato moderato da Luigi Gallo (http://www.luigigallo.info/).

Il dibattito è iniziato con un breve intervento di Paola Dispoto che ha illustrato la situazione dei Sinti e dei Rom a Bolzano.

Tante persone, sia Sinti sia appartenenti alla cultura maggioritaria, hanno seguito il dibattito, in alcuni momenti caloroso per gli interventi decisi di Zeni, Sinto Teich che vive in casa a Bolzano.

Radames era emozionantissimo, era la prima volta che una forza politica, Rifondazione Comunista, organizzava una serata per discutere insieme ai sinti.

Yuri Del Bar ha introdotto il suo intervento ringraziando Rifondazione Comunista, unica forza politica che ha avuto il coraggio, per la prima volta in Italia, di candidare due Sinti e nel giro di pochi mesi.
Yuri ha raccontato le emozioni vissute nella sua vittoriosa campagna elettorale a Mantova e ha raccomandato a Radames di coinvolgere tutta la comunità sinta di Bolzano in questa bellissima avventura. Un?esperienza che a prescindere dal risultato finale è l?occasione per discutere insieme sulle politiche da attuare nei prossimi anni a Bolzano.
Una discussione dove i Sinti siano protagonisti e non semplici spettatori di un dibattito molte volte sterile e accompagnato da vere e proprie invettive contro le Minoranze Etniche Linguistiche Nazionali dei Sinti e dei Rom.

Carlo Berini ha parlato di com?è nata l?esperienza mantovana. Carlo ha spiegato che tutto è iniziato nel 1990, quando si è imposta una politica di interazione tra le diverse culture, attraverso le metodologie della mediazione culturale. A Mantova si sono abbandonati tutti i progetti che si ponevano come obiettivo l?integrazione delle minoranze Sinte e Rom nella società maggioritaria, in senso numerico.

Forte intervento di Luigi Spagnolli, candidato Sindaco (http://www.luigispagnolli.info/), che è felice della candidatura di Radames e ha sottolineato il suo impegno per risolvere le problematiche vissute dai Sinti e dai Rom di Bolzano, partendo dalla chiusura dei campi nomadi e l?attuazione di una nuova politica della casa, condivisa con gli stessi Sinti e Rom.

Al dibattito ha partecipato anche Enes Hrustic,Vice Presidente della neonata Sezione di Bolzano dell?Opera Nomadi, che ha posto l?accento sul sogno di Raiko Djuric, ex Segretario della Romani Union, di vedere un giorno tutte le Minoranze Etniche Linguistiche dei Sinti e dei Rom unite sotto la bandiera della stessa Romani Union, organizzazione internazionale dei Sinti e dei Rom accreditata all?ONU.

Al termine siamo andati insieme in un locale di Bolzano per brindare all?inizio di questa bellissima avventura.

Invitiamo tutti i lettori di queste pagine che possono aiutare Radames nella sua campagna elettorale a Bolzano a mettersi in contatto con il candidato: sintibz@katamail.com.

Nella foto da destra: i candidati Radames Gabrielli e Luigi Spagnolli, Yuri Del Bar.

Riferimenti: un sinto in consiglio comunale a bolzano

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , ,

MAHALLA, la comunità virtuale dei Rom e dei Sinti da tutto il mondo

10 Ottobre 2005 Commenti chiusi

Notizie da
MAHALLA, la comunità virtuale dei Rom e dei Sinti da tutto il mondo
per accedere direttamente e iscriversi alla news letters:

http://www.sivola.net/dblog/

Macedonia del 02/10/05 @ 11:54:36 – Da: associazione ROZM Daja Nel quadro della campagna “IL FUTURO E’ LA TUA SCELTA” per una sempre maggior inclusione delle donne nella politica, SI e’ tenuto il primo modulo di studio comprendente: – Capacità comunicative e di argomentazione; – Leadership; – Amministrazione pubblica …

Kossovo del 02/10/05 @ 12:35:26 – Da: Bashkim Ibishi Source: Koha Ditore 2, Epoka e Re 4 La Commissione Europea ha espresso preoccupazione per il ritorno dei richiedenti asilo appartenenti a gruppi minoritari. A proposito della situazione dei Rom, così si e’ espresso Olli Rehn, Commissario Europeo per l’Allargamen…

Repubblica Ceca del 02/10/05 @ 13:13:06 – 28. 9. 2005 La Televisione Ceca (CT) ha trasmesso un servizio sul crescente numero di Rom che richiedono asilo dalla Slovacchia. Secondo la trasmissione, sono stati 500 negli ultimi tre mesi, a causa delle condizioni economiche. Notizie simili sono apparse anche all’inizio dell’estate, quando il …

Macedonia del 04/10/05 @ 05:40:16 – Da Alexandra Bojadzieva Program Manager Romano humanitarno khetanipe ki Republika Makedonija – K H A M -, Tetovo Sintesi dell’intervento effettuato all’incontro OCSE “Human Dimension Implementation Meeting” a Varsavia, settembre 2005: Ringraziamo per l’opportunità che ci …

Albania del 05/10/05 @ 05:36:08 – Da: Pellumb Furtuna (GIMI) – Rromani Baxt â?? Tirana 29 Settembre. 2005 Si e’ tenuto mercoledì di settimana scorsa a Tirana, un incontro tra il Consiglio d’Europa, il Governo albanese e le OnG dei Rom, per valutare gli sviluppi della Convenzione Quadro Europea sulla Protezione de…

2008: Anno europeo del dialogo tra le culture del 06/10/05 @ 03:50:07 – Bruxelles, 5 ottobre 2005. La Commissione ha adottato oggi una proposta di decisione del Parlamento e del Consiglio volta a dichiarare il 2008 «Anno europeo del dialogo tra le culture». Questa idea era stata prospettata inizialmente dal commissario europeo incaricato della cultura, J…

Villanova Marchesana (II) del 07/10/05 @ 17:55:22 – Ne avevo accennato il 26 settembre, e ripeto paro paro il giudizio di allora: Sono letteralmente sconvolto (non e’ una parola che uso spesso) e non riesco a scrivere altre cose che abbiano un senso. In Yugoslavia 15 anni fa e in Germania negli anni ’30, questo fu l’inizio. Qualcuno c…

Riferimenti: MAHALLA

Le minoranze, l’Italia e la Turchia

10 Ottobre 2005 6 commenti

Rimaniamo stupiti dai contenuti dell’articolo pubblicato da La Padania (Lega Nord) dove si offre spazio ed enfasi ad alcune affermazioni di Padre Cervellera, direttore di Asianews. L’articolo tratta le problematiche connesse all’entrata della Turchia nell’Unione Europea.
Ciò che ci stupisce è una delle ragioni su cui la giornalista, FRANCESCA MORANDI, insiste nell’articolo: le discriminazioni ai danni delle minoranze etniche turche!
Strana questa improvvisa veste, del quotidiano della Lega Nord, di difensore delle Minoranze Etniche Turche, quando in Italia è l’organo di stampa che più si distingue nel non voler riconoscere le Minoranze Etniche Linguistiche Nazionali dei Sinti e dei Rom.
Ma come!!! amici padani…
Vi battete contro la Turchia in Europa perchè non riconosce le Minoranze Etniche e voi, in Italia, attuate feroci politiche discriminatorie propio contro le Minoranze Etniche.
Per favore, provate a spiegaci la differenza tra le Minoranze Etniche Turche e quelle italiane?

Riferimenti: La Padania, per leggere l’articolo

Categorie:Senza categoria Tag: , ,

NO ALLA SCUOLA SPECIALE PER I ROM

7 Ottobre 2005 7 commenti


Pubblichiamo il testo integrale dell’ultimo numero del Romano Lil (circolare interna dell’Ente Morale Opera Nomadi Nazionale) sulla situazione creatasi a Villanova Marchesana (Polesine del Nord-Est). Nella scuola elementare locale i bambini appartenenti alla società maggioritaria (in senso numerico) sono stati ritirati dai propri genitori e reiscritti in altre scuole, creando di fatto una scuola elementare di soli bambini rom (non sappiamo a quali minoranze appartengano i Rom che risiedono a Villanova, nel testo che segue è specificata solo l’area europea di provenienza, la ex Yugoslavia). Questa situazione, che nei giorni scorsi ha avuto spazio sulle cronache nazionali, ha di fatto portato l’Opera Nomadi locale a chiedere l’intervento delle Istituzioni e degli Enti Locali per non creare una scuola speciale. Infatti, è ancora vivo il ricordo delle scuole Lacio Drom (convenzione del 1969 tra Opera Nomadi e MIUR), riservate ai bambini sinti e rom.
Scrivete a romanolil@libero.it per ricevere la circolare direttamente al vostro indirizzo di posta elettronica.

CRONACA

Lunedì 19 settembre con l?inizio delle lezioni, a Villanova Marchesana, un paesino di 1200 persone a 20 km. da Rovigo, è stata aperta la prima ?scuola speciale? per Rom d?Italia.
I Rom, un centinaio di persone, sono residenti nel paese dall?estate del 2002 e sono formati soprattutto da due gruppi provenienti dall?ex Jugoslavia. Vivono in case di proprietà, acquistate anche col mutuo, e gli adulti lavorano in fabbrica o in cooperative. Ora, dopo due anni di scuola interculturale i genitori italiani hanno deciso, col pretesto che gli alunni stranieri impedirebbero una regolare attività didattica, di iscrivere i loro figli nelle scuole dei paesi vicini (soprattutto a Crespino). E così, col trasferimento di dodici alunni italiani e di un cinese, la scuola di Villanova diventa ?speciale? con 18 Rom divisi in due pluriclassi.

CONFERENZA STAMPA

A seguito della vicenda rimbalzata sui media a livello nazionale Rovigo Opera Nomadi indice una conferenza-stampa, sabato 17 settembre. ?Dopo tutto il clamore di questi giorni i Rom, intimoriti, hanno deciso di fare silenzio: parla tu che sei Italiano mi ha detto uno di loro? spiega il presidente di sezione Roberto Costa. ?Le classi speciali, per handicappati e zingari (Lacio drom) sono state abolite nel 1980, ora vengono riproposte a Villanova ed il caso diventa nazionale ma la creazione di una ?scuola speciale? per Rom era già stata segnalata, e pubblicata sui giornali locali, dalla nostra associazione il 30 giugno scorso quando abbiamo informato sul protocollo d?intesa fra MIUR e Opera Nomadi per prevenire la dispersione scolastica dei Rom/Sinti. In quell?occasione si era anche notificato che nella prima media del vicino comune di Crespino su 20 alunni sono stati bocciati sette ragazzi, tutti Rom e Sinti?.

FRANCESCO VERZA ?Alcuni giorni fa ci siamo recati dalla dirigente del CSA (ex provveditorato) di Rovigo? prosegue Francesco Verza, referente scuola di Rovigo Opera Nomadi, ?per illustrare il ?protocollo? che privilegia proprio l?Opera Nomadi ed i mediatori culturali di lingua Rom per favorire l?inserimento scolastico dei Rom/Sinti e proporre un gruppo di studio con gli insegnanti su queste tematiche. Con il IV circolo di Rovigo stiamo programmando un convegno proprio sulla scolarizzazione dei Rom/Sinti in Polesine. Due anni fa abbiamo organizzato un ciclo di lezioni sulla cultura Rom per insegnanti dell?istituto comprensivo di Polesella di cui fanno parte Villanova e Crespino. Alcuni mesi fa siamo stati ricevuti anche dalla commissione Servizi Sociali della Provincia a segnalare anche questi casi ed a proporre un ?tavolo provinciale per i Rom/Sinti? che metta assieme Provincia, Comuni, Prefettura, Asl, CSA. Ma continuiamo ad essere ignorati dall?assessore ai Servizi Sociali, Tiziana Virgili, che ha attivato un ?focus point? a Villanova con la Don Calabria di Verona. Col risultato che un?operatrice italiana si reca in un paesino polesano a 60 km. di distanza a fare mediazione con le famiglie escludendo Severdjan Dobreva, unico mediatore culturale di lingua Rom con patentino europeo su tutto il territorio veneto, che abita proprio a Villanova ed è anche vice-presidente di Rovigo Opera Nomadi. Ed i risultati si vedono?.

RENATA PAOLUCCI ?La scuola si deve attivare con progetti ad hoc ed operatori che facciano mediazione anche con le famiglie? spiega Renata Paolucci, referente nazionale scuola dell?Opera Nomadi. ?Con mediatori culturali Rom/Sinti che siano riconosciuti dalle famiglie. Ma l?integrazione scolastica deve essere supportata da progetti di integrazione sociale. Dove questo avviene l?altissima dispersione scolastica dei Rom/Sinti (12 laureati sui 150.000 presenze in Italia) viene completamente ridotta. Ma l?integrazione va fatta coi bambini italiani, e si chiama intercultura, sennò si fa della monocultura e dell??apartheid?. Se non si risolvono questi problemi, cosa succederà a gennaio 2007 quando, con l?allargamento dell?Unione Europea, l?Italia sarà meta di un?immigrazione in massa di Rom rumeni che oggi vivono in condizioni di assoluta povertà? Prevediamo l?arrivo in Polesine di oltre un migliaio di persone?.

LA SITUAZIONE E? POLITICA

?La situazione è politica? riprende la parola Roberto Costa. ?C?è tensione e discriminazione sociale verso i Rom/Sinti di tutta Italia, ?trattamento differenziale? lo chiama l?antropologo Leonardo Piasere, e servono degli ammortizzatori sociali per favorire l?integrazione di questo popolo. A Villanova, la notte del primo agosto 2004, furono lanciate tre bottiglie incendiarie contro l?abitazione di due famiglie di Rom. In quell?occasione istituzioni, associazioni solidaristiche e paesani rimasero in silenzio ed anche la notizia fu riportata sui giornali dopo una settimana solo dopo la conferenza stampa organizzata dalla nostra associazione. Il 25 settembre 2004 il sindaco Pizzi, di Alleanza Nazionale, organizzò una giornata di informazione sull?integrazione coi consiglieri comunali invitando diversi esperti tra cui un docente di intercultura di Padova (Edgar Serrano). In quell?occasione il sindaco fu lesto e veloce ad uscire dal municipio di Villanova ad esortare il presidente di Rovigo Opera Nomadi (mediatore culturale da decenni), la referente scuola per il Polesine ed il mediatore culturale Rom Severdjan Dobreva ad allontanarsi perché non invitati. La discriminazione verso i Rom diventa esclusione politica verso l?Opera Nomadi che li difende perché questi ed altri casi sono stati segnalati, da anni, alla Prefettura (che continua ad escludere l?Opera Nomadi dal ?consiglio per l?immigrazione?), alla Provincia, al tutore dei minori della regione Veneto??

CHIUDERE QUELLA SCUOLA SPECIALE

L?invito-esortazione che nasce dalla conferenza-stampa dell?Opera Nomadi è di chiudere subito quella ?scuola differenziale? perché produce ghettizzazione sociale. Il comune, coi soldi che risparmia di riscaldamento e gestione, può attivare un pulmino che porti gli alunni a Crespino dove si possono fare classi miste, interculturali, di alunni stranieri e italiani. E lì avviare progetti di educazione alle differenze ed alla pace. Ma nello stesso tempo occorre attivare percorsi di integrazione sociale con gli adulti, italiani e stranieri di tutto il territorio, anche con la squadra di calcio Rom che finora ha giocato poche partite e solo fuori-casa, a Rovigo e Gavello. Promuovere l?educazione alla intercultura, alle differenze, alla giustizia ed alla gestione creativa dei conflitti per uscire dalla logica della società dei consumi che ?consuma? solo la sensibilità, la coscienza, e l?umanità.?

SCHEDA: I ROM/SINTI DEL POLESINE

?Siamo in attesa di conoscere i dati del monitoraggio sui Rom/Sinti polesani affidato dall?Amministrazione Provinciale all?Opera don Calabria di Verona, che non si è mai vista nel nostro territorio e che è partito il 17 gennaio 2005? afferma Roberto Costa. ?Noi di Rovigo Opera Nomadi registriamo circa 300 presenze con 120 ragazzi che frequentano la scuola su una popolazione di 250.000 abitanti, compresi 8.000 immigrati regolari. I nostri dati tengono conto di famiglie, e di nuclei che vi ruotano attorno, che conosciamo ed assistiamo da anni ma anche di irregolari che non trovano riscontro nei dati ufficiali. I Rom/Sinti sono stanziati soprattutto nell?alto Polesine, verso Badia e Verona, e nel basso, verso Adria ed il mare, dove le vecchie case costano meno. Da segnalare diversi nuclei di Ahmetovic che hanno ricevuto un contributo per allontanarsi dal comune di Rimini, alcuni anni fa. Alcune famiglie di Sinti provengono dai ?campi nomadi? di città più grandi ed investono i pochi soldi messi da parte per trovare una sistemazione definitiva in zone più abitabili. Comunque la maggioranza è formata da Rom slavi con una grossa concentrazione a Villanova Marchesana. I Berisha sono sbarcati a Lecce nell?agosto 2000 e sono arrivati a Rovigo alcuni mesi dopo trovando ospitalità presso il Centro Sociale Samir. ?Ci hanno cacciato dalle nostre case perché vogliono solo Albanesi in Kosovo? dichiarò all?epoca Taf Berisha spiegando la motivazione della richiesta di asilo politico in Italia. Dopo varie sistemazioni sono arrivati a Villanova Marchesana nel 2003. I Dobreva sono scappati da Pristina, sempre Kosovo, a varie ondate a partire dal 1992 e si sono ricongiunti a Napoli. Da lì si sono trasferiti in Polesine nell?estate del 2002.

Riferimenti: Il protocollo d?intesa fra MIUR e Opera Nomadi

Categorie:Senza categoria Tag: , ,