Archivio

Archivio Settembre 2005

Festival Internazionale di Musica Romaní

30 Settembre 2005 Commenti chiusi

I conduttori RAI Lorena Bianchetti e Gianni De Berardinis presenteranno l’evento Lanciano (Chieti), 28 settembre 2005 A Lanciano presso il Teatro Fedele Fenaroli avrà luogo la 12° edizione dellla Manifestazione Princkarang, Conosciamoci – Incontro con la Cultura Romaní nata per la valorizzazione della cultura del popolo Rom attraverso il Concorso artistico internazionale “Amico Rom” ed il Festival Internazionale di Musica Romaní – “Alexian and International friends”. Quest?anno sono 1.108 i lavori – letteratura, arti figurative, video ? inviati da autori Rom e non Rom di 34 Paesi i premi, oltre cinquanta, saranno consegnati nel pomeriggio di sabato 8 ottobre nel corso di una cerimonia al Teatro Fenaroli di Lanciano, dove la sera (ore 21.30) si concluderà il festival musicale, inteso come testimonianza del viaggio millenario della musica rom dal Rajasthan alla Spagna, attraverso i Balcani e l’Italia. L’organizzazione dell’evento è curata dal presidente dell?associazione “Them Romanò” Onlus (Centro culturale romanò), il musicista Santino Spinelli, in arte Alexian, ambasciatore dell’arte e della Cultura Romaní nel mondo, fondatore dell?Alexian Group, docente all?Università di Trieste e direttore artistico del Festival. Presenteranno l’evento i conduttori Rai Lorena Bianchetti (Al Posto Tuo – Rai 2) e Gianni De Berardinis. Per l?edizione 2005 il Premio Presidente della Repubblica Italiana del Concorso “Amico Rom” è stato assegnato a Marius Vernescu (Romania), primo classificato nella categoria “Musica” . Il Premio alla Carriera, istituito per un Rom, Sinto o Kaló distintosi per l?intensa attività culturale, pedagogica e politica a favore del suo popolo, è andato Bajram Haliti (Jugoslavia) , il Premio Phralipé è stato assegnato a Roberta Sangiorgi (Bologna) e a Federica Zanetti (Bologna) (Lanciano), per la loro disinteressata attività in favore del popolo Rom. L?intera manifestazione è organizzata dall?Associazione Them Romanò con la Commissione delle Comunità Europee, la Presidenza della Repubblica Italiana, la Regione Abruzzo, la Provincia di Chieti, il Comune di Lanciano, il Ministero della Pubblica Istruzione, la Croce Rossa, l’Arci e la Coop. Arkè, oltre a numerosissime associazioni operanti nel settore a livello nazionale ed Internazionale. Maggiori dettagli ed informazioni sul sito ufficiale dell’evento http://www.concorsoamicorom.it infoline 0872 714760 / 340 6278489

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

Kroll a skola (tutti a scuola), Ente Morale Opera Nomadi Sezione di Mantova

30 Settembre 2005 Commenti chiusi


PROGETTO PER IL CONTRASTO DELLE DINAMICHE DI DISPERSIONE E MORTALITà SCOLASTICA A FAVORE DI MINORI ROM, DELLE LORO FAMIGLIE E DELLA SCUOLA
Ente Morale OPERA NOMADI Sezione di Mantova
ANNO SCOLASTICO 2005 – 2006

Tale progettualità si inserisce nel lavoro di mediazione culturale svolto dall?Associazione Sucar Drom (in convenzione con l?Assessorato alle Politiche Sociali della Provincia di Mantova) e integrata nei progetti più ampi ?a maro kher? e ?intercultura?, condivisi con il Piano di Zona di Suzzara.

Nel Comune di Moglia sono presenti da circa quindici anni quattro famiglie di Rom Gadjikanè (cristiano ortodossi), arrivate in Italia per sfuggire alla guerra in Yugoslavia, loro paese d?origine
Negli anni scorsi il Comune è intervenuto a favore del diritto allo studio, fornendo il minimo indispensabile per la frequenza scolastica (libri, trasporto scolastico, aiuti economici) ed è riuscito ad assicurare una condizione abitativa soddisfacente ad una sola famiglia.
Il lavoro svolto l?anno passato ha portato tutti i soggetti istituzionali, presenti sul territorio, ad una condivisione delle problematiche vissute dalle famiglie rom e a costruire insieme un progetto complessivo di interazione.
Tale progettualità ha fatto si che tutte le famiglie stiano uscendo gradualmente dalle grave situazione abitativa e ha fornito un supporto importante per la scolarizzazione dei minori presenti.
Inoltre, si è riusciti a coinvolgere maggiormente le famiglie nelle dinamiche scolastiche vissute dai bambini.

Anche questo anno il progetto kroll a skola s?inserisce in una progettualità complessiva, guidata dall?associazione Sucar Drom, che prevede il coinvolgimento dei seguenti soggetti:
? Comune di Moglia,
? Distretto di Suzzara (Piano di Zona),
? Servizio Minori ASL di Suzzara,
? Provincia di Mantova,
? Caritas di Quistello,
? Istituzioni Scolastiche,
? Parrocchia di Bondanello,
? Opera Nomadi Sezione di Mantova,
? Istituto di Cultura Sinta.

Il progetto kroll a skola intende aiutare i minori, attraverso un sostegno scolastico pomeridiano, e la scuola, attraverso la formazione degli insegnanti.
I minori coinvolti sono nove: due alle superiori, tre alle medie, tre alle elementari e uno alla scuola materna.

Il progetto prevede il coinvolgimento diretto dei seguenti soggetti:
? famiglie dei minori,
? le istituzioni scolastiche,
? il Comune di Moglia,
? la Parrocchia di Bondanello.

Ad ogni soggetto coinvolto verrà richiesta l?adesione al progetti, attraverso una lettera di intenti.

Il progetto kroll a skola predisporrà un servizio di doposcuola pomeridiano, presso le abitazioni dei minori e nei locali della Biblioteca, offrendo ai minori quel sostegno necessario al successo scolastico. Il successo scolastico è fondamentale per l?inserimento successivo nel mondo del lavoro, dando luogo all?integrazione economica nel contesto sociale del territorio. Per una migliore preparazione per l?entrata nel mondo del lavoro e a supporto delle attività già in essere nella scuola sarà utilizzato un computer e una stampante.

Il progetto si svilupperà su tre livelli distinti ma complementari:
1. Supporto pomeridiano degli otto minori rom per cinque pomeriggi la settimana, per un totale di quindici ore settimanali; le attività pomeridiane, carburante per il viaggio all?interno del percorso scolastico, creeranno nei minori un clima di sicurezza psicologica che dà il ritrovarsi tra i propri pari, evitando direttamente dinamiche di dispersione scolastica.
2. Incontri trimestrali con gli insegnanti della scuola dell?obbligo per strutturare percorsi di didattica interculturale; con gli insegnanti delle scuole superiori per meglio costruire il percorso formativo dei minori verso l?inserimento lavorativo.
3. Sostegno alle famiglie nella costruzione dei rapporti con lo strumento sociale scuola, favorendone la partecipazione attiva attraverso le metodologie proprie della mediazione culturale.

Inoltre, si collaborerà con i servizi ludico – aggregativi offerti dal Comune di Moglia e dalla Parrocchia di Bondanello sia nel periodo invernale sia nel periodo estivo (progetto ?piccole pesti? e il CRED e il CRES estivi).

Si formerà un gruppo di coordinamento formato da: due operatrici del servizio doposcuola dell?Opera Nomadi, due mediatori culturali dell?Associazione Sucar Drom, gli insegnanti referenti di ogni scuola frequentata dai minori, operatore del Comune di Moglia e del Servizio Minori dell?ASL.
Il gruppo, che s?incontrerà una volta al mese, sarà coordinato dal responsabile progettuale dell?Opera Nomadi.
Verrà, altresì, rafforzata la rete di collegamento da poco costituita dall?Associazione Sucar Drom.
Il progetto chiede alle scuole la partecipazione al Coordinamento Scuola, istituito dal provveditorato agli Studi di Mantova, che si riunisce tre volte l?anno per la programmazione, la gestione e la verifica di tutti i progetti rivolti a minori rom e sinti attivati sul territorio provinciale; a questi incontri già partecipano tutti i Dirigenti Scolastici.
L?Associazione collaborerà al progetto mettendo a disposizione i mediatori culturali che, a fianco del referente attuativo, informerà e formerà gli insegnanti sulla cultura, storia, lingua dei Rom Gadjikanè, anche attraverso il libro di didattica u baro drom (la lunga strada, in lingua sinta) che verrà pubblicato all?inizio del 2006, dall?Istituto di Cultura Sinta.

MAHALLA, la comunità virtuale dei Rom e dei Sinti da tutto il mondo

26 Settembre 2005 Commenti chiusi


Notizie da
MAHALLA, la comunità virtuale dei Rom e dei Sinti da tutto il mondo
per accedere direttamente e iscriversi alla news letters:

http://www.sivola.net/dblog/

Macedonia (per chi suona la campana) del 18/09/2005 @ 23:48:21 – La giornalista e ricercatrice Karin Waringo è tornata da un viaggio in Kossovo e Macedonia, per documentare la condizione dei Rom nei due paesi. Ho appena terminato di tradurre in italiano il suo racconto di viaggio dal Kossovo, che pubblicherò quando saranno disponibili le versioni n…

Letture del 19/09/2005 @ 21:05:56 – segnala Janette Grönfors la recente pubblicizzazione di: The Rroma, di Lev Tcherenkov e Stéphane Laederich 2004. 2 Bände mit zusammen 1100 Seiten. 24 teilweise farbige Abbildungen und Karten, 44 Tabellen. Englisch. Broschiert. Fr. 98.- / EUR 68.50 ISBN 3-7965-2090-1 -che pu&ogr…

Kossovo del 20/09/2005 @ 11:57:26 – Ritorno al futuro di Karin Waringo Nel dibattito sul futuro del Kossovo, il passato gioca un ruolo preminente La chiesa del Cristo Salvatore nel centro di Pristina sembra una rimanescenza del passato. Costruita in uno stile che ricorda le chiese bizantine del Medio Evo, domina una vasta distesa, …

Russia del 20/09/2005 @ 16:59:38 – Nuova azione legale promossa da European Roma Rights Centre (ERRC), assieme al Moscow Helsinki Group (MHG). Il 16 settembre hanno chiesto al Procuratore Generale, di procedere per incitamento al razzismo nei confronti della stazione televisiva nazionale (NTV). La rete televisiva aveva mandato in o…

cartolina da Torino del 20/09/2005 @ 20:16:36 – con Sergio Franzese a fare da Virgilio! …

Napoli – Scampia del 21/09/2005 @ 14:55:29 – Ciao, per caso ho trovato il tuo link, mi chiamo Barbara e faccio parte di un gruppo che si chiama chi rom e…chi noâ?¦ Cominciava così un commento del 7 settembre scorso ad alcune foto dal Montenegro. Un rapido scambio di email e abbiamo scoperto che tutti e due aveva…

Roma del 22/09/2005 @ 00:10:39 – Segnalo da INFORM: MIGRANTI Corso per volontari promosso da Caritas di Roma, Arci e Comunità di Capodarco â??Zingari: il futuro è nellâ??oggiâ?? ROMA – La realtà degli zingari è complessa sia per le differenze sostanziali dei vari gruppi che per il rapporto esistente con il…

Gran Bretagna e Irlanda del 22/09/2005 @ 01:21:34 – dalla BBC (che ha ancora la TV dei ragazzi!) Consonella e Costel mostrano i loro diplomi per aver aiutato a girare un film sulla loro vita. …

Dzeno notizie del 22/09/2005 @ 18:27:29 – Notizie in Europa da: V Tunich 11 120 00 Praha 2 —————- +420 224 941 945 – http://www.dzeno.cz Primi 58 laureati dalla Facoltà di Cultura Romani presso l’Università Costantino filosofo 21. 9. 2005 NITRA – SK. Secondo quan…

Polonia del 23/09/2005 @ 20:38:15 – da: Polska_Roma il 26 settembre 2005 – h. 18.00 Varsavia – Hotel Sofitel Victoria, Ul. Krolewska 11, Warsaw. Meeting Room # 3. proiezione di DOLORI NASCOSTI LA PERSECUZIONE DEGLI ZINGARI RUMENI NELLA II GUERRA MONDIALE un film di Michelle Kelso, Doctoral Candidate, University of Michigan. …

Riferimenti: MAHALLA

La pagina de los gitanos

26 Settembre 2005 Commenti chiusi


Nuovo sito dedicato a Gitani e Kalé. Lo scopo è promuovere mantenere lingua, cultura e tradizioni che vanno sparendo.

Il portale (ancora sperimentale) ha pagine dedicate alla storia, alla cultura e alla lingua di Gitani e Kalé (con una sezione grammaticale), una sezione dedicata alle notizie, una chat, un guestbook, un forum di approfondimento, e anche una webtv e un radioblog.

Un lavoro ricco soprattutto nella sezione linguistica, poche le fotografie.

Riferimenti: La pagina de los gitanos

Categorie:Senza categoria Tag: ,

Un Sinto in Consiglio Comunale a Bolzano

23 Settembre 2005 7 commenti


Oggi è ufficiale, Radames Gabrielli è candidato per il Consiglio Comunale di Bolzano. E’ candidato nelle liste di Rifondazione Comunista, come indipendente.
E’ una grande notizia, dopo Yuri Del Bar, un altro Sinto compie questo grande passo e Rifondazione Comunista sempre di più si conferma l’unica forza politica che realmente intende cancellare le logiche discriminanti e segreganti in atto contro le Minoranze Etniche Linguistiche Nazionali dei Sinti.
Nei prossimi giorni le news su questa grande avventura.
In bocca al lupo a Radames e tanta, tanta, tanta felicità in tutti noi.

Riferimenti: Radames Gabrielli

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

La Missione Evangelica Zigana a Mantova

23 Settembre 2005 Commenti chiusi

Martedì 20 settembre è iniziato il convegno religioso della Missione Evangelica Zigana (MEZ) a Mantova, in viale Learco Guerra (zona exaereoporto).
Il Pastore Davide Casadio, supportato dall’Ente Morale Opera Nomadi di Mantova, ha organizzato il settimo convegno religioso in terra mantovana.
La Missione Evangelica ha lo scopo di portare la parola di Dio in tutte le Comunità Sinte italiane.
Chiunque può partecipare alle diverse manifestazioni religiose: alle otto di sera tutti i giorni e alle dieci di mattina la domenica.
Durante il convegno ci saranno diversi momenti di incontro e preghiera comunitaria.
Il Pastore Davide Casadio invita tutta la cittadinanza mantovana a partecipare agli incontri religiosi.
Il Convegno terminerà mercoledì 5 settembre 2005.

News from Dzeno Association

21 Settembre 2005 Commenti chiusi


American Ambassador Interested in Situation of Roma in Slovakia 14. 9.
2005
On September 13th, 2005, the American ambassador to Slovakia, Mr
Rodolphe M. Valle, met with three members of the Roma ethnic minority in
Presov. The purpose of the meeting was to obtain more information
regarding problems Roma are facing on participation in political
processes in Slovakia.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8631
————————————————————————
Condolences for Milena Hübschmannová 14. 9. 2005
Dear Friends, on September 8th, 2005, Dr Milena Hübschmannová died in a
car accident in South Africa. Dzeno has received many condolences and
reactions regarding the tragic death of this brilliant woman. Our
sadness over the event has lead us to the decision to publish at least
some of the responses that we have received.Thank you everyone for your
heartfelt, caring emails and letters.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8625
————————————————————————
A Report on Romany Children Submitted to the UN 14. 9. 2005
On September 13, the European Roma Rights (ERRC) submitted a report to
the United Nations Committee on the Rights of the Child (CRC) concerning
Roma children’s rights in Hungary. The CRC will formally review
Hungary’s compliance with the International Convention on the Rights of
the Child in January 2006.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8622
————————————————————————
Europe’s Largest Roma Community Elects New Mayor 14. 9. 2005
Erduan Iseni is the new mayor of Skopje’s Suto Orizari municipality. He
edged past rival Saban Saliu in the second round of special elections
held in the predominantly Roma community earlier this month.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8623
————————————————————————
Implementation of Project for Return of Displaced Roma in Mitrovica
Starts 12. 9. 2005
The implementation of a joint project by Kosovo and international
institutions for return of displaced Roma to southern parts of the town
started today in Mitrovica.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8588
————————————————————————
Town Hall Fined for Breaking Roma Rights 12. 9. 2005
MIERCUREA CIUC – The Miercurea Ciuc town hall (southern Transylvania)
has been fined 4,000 RON (over 1,100 euros) by the National Council to
Combat Discrimination, because it evicted a Roma community from the edge
of the town to eight barracks located in an area with high risk of
infection.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8586
————————————————————————
Romany Children in the Schools still Problems 15. 9. 2005
The Czech Press Agency (CTK) reported today that Romany children will be
separated into a new ‘special class’ in the elementary school Maj II in
Ceske Budejovice, a city in Southern Bohemia.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8637
————————————————————————
American Ambassador Interested in Situation of Roma in Slovakia 14.
9. 2005
On September 13th, 2005, the American ambassador to Slovakia, Mr
Rodolphe M. Valle, met with three members of the Roma ethnic minority in
Presov. The purpose of the meeting was to obtain more information
regarding problems Roma are facing on participation in political
processes in Slovakia.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8631
————————————————————————
Police Operation: Armed Cops Swoop on Travellers’ Sites 16. 9. 2005
ARMED police today swooped on travellers’ sites in dramatic dawn raids
to snare suspected ram-raiders. Five hundred officers, some dressed in
bullet-proof vests, wearing gas masks, and accompanied by police dogs,
stormed several caravan sites, arresting five suspects.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8644
————————————————————————
Hadareni Case: Court Defers the Decision on the Foreclosure Appeal 15.
9. 2005
TIRGU MURES – Local court in Ludus (central Romania) deferred on
September 6, for September 28, the decision in case of the appeal to the
foreclosure carried out by the Romanians sentenced in Hadareni trial,
which arose the dissatisfaction of the ethnic Roma people, making a
scandal when getting out of the audience hall, allegedly threatening
with putting the Romanians on fire.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8640
————————————————————————
ENAR Shadow Report on Racism in Europe 2004 19. 9. 2005
The European Network Against Racism (ENAR), a network of European NGOs
working to combat racism in all the EU member states, presents its
shadow report on Racism in Europe 2004.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8658
————————————————————————
Promotion of Roma Folklore in Bulgarian Schools 19. 9. 2005
The Bulgarian Center for Interethnic Dialogue and Tolerance ‘Amalipe’
announced that more than 4500 students of Roma, Bulgarian and Turkish
background would join the Roma folklore program from the beginning of
this school year on September 15.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8657
————————————————————————
Program for the Roma Social Inclusion 19. 9. 2005
BUCHAREST – International Bank for Reconstruction and Development
(IBRD)is to give a grant worth USD350,000 meant to finance the program
on the ethnic Roma social inclusion, informs a government release.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8659
————————————————————————
Russia: Romany Family Attacked in Belgorod 20. 9. 2005
The Union Councils for Soviet Jews (UCSJ) informed that on August 25 a
group of youths attacked a Romany family in their own home in Belgorod,
southwestern Russia.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8683
————————————————————————
Simon Wiesenthal, Holocaust Survivor and Nazi Hunter, Died 20. 9.
2005
The Simon Wiesenthal Center announced today that Simon Wiesenthal died
in Vienna at 96. He will remain in the memory of Romany people for
joining Roma demand to remove a commercial pig farm from the site of the
former Nazi concentration camp of Lety u Pisku (Czech Republic).
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8682
————————————————————————
Romania: Hadareni 12 Years After 20. 9. 2005
Today is the 12th anniversary of the Hadareni racist attack against
local Roma.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8679

Dzeno Association
V Tunich 11
120 00 Praha 2
—————-
+420 224 941 945
www.dzeno.cz / www.radiorota.cz

Riferimenti: Dzeno Association

Settimana della Cultura Romaní, programma definitivo

20 Settembre 2005 Commenti chiusi


Associazione Culturale ?Gentes?
Progetto:ATOR PAL MONT – stagione 2005
SETTIMANA DI CULTURA ROMANÍ

Sabato 24 settembre. Udine. Sala Ajace.

15.00 INAUGURAZIONE DELLA SETTIMANA DI CULTURA ROMANÍ.

Tavola rotonda:
LA DIMENSIONE ROMANÍ TRA PASSATO E PRESENTE: PROSPETTIVE DI RICERCA

19.30 Grions del Torre. Centro G. Caenazzo.
Inaugurazione delle mostre: La dimensione Romaní: esposizione d?Arte, Storia e Cultura Romaní.
“Saintes-Maries-de la- Mer; proiezione fotografica

21.00 Serata di musica romanì. “Matcho Winterstein Trio,? Jazz Manouche

Domenica 25 settembre. Grions del Torre. Centro G. Caenazzo.

18.30 Premio Internazonale ?Ator Pal Mont 2005?.

Prof. Patrick Williams :D irettore di ricerca, membro del Laboratorio di Antropologia Urbana del CNRS
(Centre National de la Recherche Scientifique) di Parigi.

Dott. Aldo Forbice : Giornalista Radio Uno, Vice direttore del Giornale Radio Rai e conduttore del programma quotidiano del Gr1 “Zapping”.

Concerto di musica romanì: ?SINTI ESTREKARJA?

Mercoledì 28 settembre. Grions del Torre. Centro G. Caenazzo.

21.00 Proiezione del film ?Swing?, regia di Tony Gatlif,2002.

Giovedì 29 settembre. Grions del Torre. Centro G. Caenazzo

10.00 Giornata dedicata all?infanzia. Laboratori di animazione. Spettacolo del Circo ?MACCHERONI?

17.00 Tavola Rotonda: ?La letteratura migrante: libri senza frontiere?

21.00 Proiezione del film ?Vengo-Demone Flamenco?, di Tony Gatlif,2001

Venerdì 30 settembre. Grions del Torre. Centro G. Caenazzo.

16.00 Spettacolo del Circo ?MACCHERONI?

21.00 Proiezione del film ?Gadjo Dilo?, di Tony Gatlif,1998

Sabato 1 ottobre. Grions del Torre. Centro G. Caenazzo.

15.00 Convegno:
NUOVE SVOLTE NELLE POLITICHE DELLA MINORANZA ROMANÍ:
CONFRONTO TRA RAPPRESENTANTI ROM E SINTI E ISTITUZIONI.

21.00 Rappresentazione teatrale: ?ZINGARI: L?OLOCAUSTO DIMENTICATO?, di e con Pino Petruzzelli

La manifestazione, ?Ator Pal Mont?, edizione 2005, dedicata alla migrazione e alla cultura Romanì, si svolgerà dal 23 settembre al 2 ottobre, a Grions del Torre, negli spazi della ex scuola, nel teatro G. Caenazzo ed in uno Spazio-tenda appositamente montato.
L?inaugurazione della ?Settimana di cultura Romaní? del 24 settembre si terrà in Sala Ajace a Udine.

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

Risoluzione del Parlamento Europeo sulla situazione dei Rom nell’Unione Europea

20 Settembre 2005 Commenti chiusi

Il Parlamento Europeo ,
? vista la celebrazione in data 8 aprile 2005 della Giornata internazionale dei Rom(1),
? visto il Trattato costituzionale firmato dai Capi di Stato e di governo il 29 ottobre 2004, la cui Seconda parte è costituita dalla Carta dei diritti fondamentali dell’Unione europea,
? visti gli articoli 3, 6, 7, 29 e 149 del trattato CE, che impegnano gli Stati membri a garantire pari opportunità per tutti i cittadini,
? visto l’articolo 13 del trattato CE che permette alla Comunità europea di prendere i provvedimenti opportuni per combattere le discriminazioni fondate sulla razza o l’origine(2) etnica,
? vista la direttiva 2000/43/CE del Consiglio del 29 giugno 2000 che attua il principio della parità di trattamento fra le persone indipendentemente dalla razza e dall’origine etnica, che vieta ogni discriminazione per motivi etnici,
? visti l’articolo 4 della Convenzione quadro del Consiglio d’Europa sulla protezione delle minoranze nazionali e la Convenzione europea per la salvaguardia dei diritti umani e delle libertà fondamentali,
? vista la Raccomandazione 1557(2002) del Comitato dei ministri del Consiglio d’Europa, in particolare i suoi paragrafi 3 e 15 che rilevano il diffuso fenomeno della discriminazione contro i Rom nonché la necessità di rafforzare il sistema di monitoraggio delle discriminazioni nei loro confronti e di risolvere la questione del loro status giuridico,
? visto il documento adottato dal gruppo COCEN in vista del Consiglio europeo di Helsinki del 1999, dal titolo “Situazione dei Rom nei paesi candidati”, in cui si sottolinea l’esigenza di una maggiore sensibilizzazione al problema del razzismo e delle discriminazioni contro i Rom,
? vista la Convenzione ONU contro la tortura e altri trattamenti o punizioni crudeli, inumani o degradanti del 10 dicembre 1984,
? vista la direttiva 2000/78/CE del Consiglio, del 27 novembre 2000, che stabilisce un quadro generale per la parità di trattamento in materia di occupazione e di condizioni di lavoro(3),
? vista la Carta dei partiti politici europei per una società non razzista(4),
? vista l’istituzione di un Gruppo di Commissari responsabili per i diritti fondamentali, la lotta contro le discriminazioni e le pari opportunità(5), e in attesa della presentazione della sua agenda,
? visti, il regolamento (CE) n. 1035/97 del Consiglio, del 2 giugno 1997, che istituisce un Osservatorio europeo dei fenomeni di razzismo e xenofobia(6), le relazioni annuali e le relazioni tematiche dell’Osservatorio (EUMC) sul razzismo nell’UE e il Libro verde della Commissione su Uguaglianza e non discriminazione nell’Unione europea allargata (COM(2004)0379);
? vista la recente pubblicazione da parte della Commissione di una relazione che richiama l’attenzione sugli inquietanti livelli di ostilità e di violazioni dei diritti dell’uomo contro Rom, zingari e girovaghi in Europa(7),
? viste la sua risoluzione del 27 gennaio 2005 sull’olocausto, l’antisemitismo e il razzismo(8),
? visti gli strumenti giuridici internazionali quali la Raccomandazione generale XXVII (Discriminazioni nei confronti dei Rom) del Comitato delle Nazioni Unite sull’eliminazione della discriminazione razziale e la raccomandazione di politica generale n. 3 sulla lotta al razzismo e all’intolleranza verso i Rom/zingari della Commissione europea contro il razzismo e l’intolleranza,
? visto l’esaustivo Piano d’azione adottato dai paesi dell’OSCE, tra cui gli Stati membri e i paesi candidati, incentrato sul miglioramento della situazione dei Rom e dei Sinti nella zona OSCE, nel quadro del quale gli Stati si impegnano, tra l’altro, a potenziare i loro sforzi volti a garantire che le popolazioni Rom e Sinti possano svolgere un ruolo completo ed equo nelle nostre società e a debellare la discriminazione nei loro confronti,
? visto l’articolo 103, paragrafo 4, del suo regolamento,
A. considerando che la data dell’8 aprile, proclamata Giornata internazionale dei Rom, è considerata una giornata celebrativa per questo popolo e al tempo stesso un’opportunità per sensibilizzare maggiormente il pubblico su quella che è la più numerosa minoranza etnica d’Europa e sulla gravità della sua esclusione sociale,
B. considerando che i 12-15 milioni di Rom che vivono in Europa, 7-9 milioni dei quali nell’Unione europea, sono vittime di discriminazioni razziali e che molti di loro subiscono spesso gravi discriminazioni strutturali, condizioni di povertà ed esclusione sociale nonché una discriminazione multipla in base a sesso, età, disabilità e orientamento sessuale,
C. sottolineando l’importanza di eliminare urgentemente la persistente e violenta tendenza a compiere atti di razzismo e discriminazione razziale contro i Rom e consapevole che ogni forma di impunità per attacchi razzisti, espressioni di odio, aggressioni fisiche da parte di gruppi estremisti, detenzioni illegali e maltrattamenti da parte della polizia originati da sentimenti di antizingarismo e fobia dei Rom contribuisce ad indebolire i principi della legge e della democrazia, tende ad incoraggiare il ripetersi di tali reati e richiede risoluti interventi volti ad eliminarli,
D. rilevando che la mancata azione contro la discriminazione razziale e la xenofobia nei confronti dei Rom, soprattutto da parte delle pubbliche autorità, rappresenta un fattore che favorisce il persistere di tali problemi nella società,
E. considerando che la comunità Rom continua a non essere considerata una minoranza etnica o nazionale in tutti gli Stati membri e paesi candidati e che essa pertanto non gode in tutti i paesi dei diritti connessi a tale status,
F. considerando che, se molti Stati membri hanno rapidamente trasposto nell’ordinamento interno la direttiva 2000/43/CE, altri non vi hanno provveduto o lo hanno fatto in modo incompleto o non corretto,
G. considerando che l’Olocausto dei Rom merita un pieno riconoscimento commisurato alla gravità dei crimini commessi dai nazisti per eliminare fisicamente i Rom d’Europa e chiedendo al riguardo alla Commissione e alle autorità competenti di adottare tutte le misure necessarie per rimuovere l’azienda di allevamento suino dal sito dell’ex campo di concentramento di Lety u Pisku e di crearvi un degno memoriale,
H. ricordando che un elevato numero di Rom è stato vittima di guerre e di “pulizia etnica” e continua ad essere vittima di persecuzioni in parti di regioni dell’ex Iugoslavia,
I. deplorando che un notevole numero di Rom richiedenti asilo sono stati espulsi o minacciati di espulsione dagli Stati membri ospitanti in violazione del principio di non-refoulement definito nella Convenzione di Ginevra del 1951 e protocolli associati,
J. deplorando che i Rom continuino ad essere sottorappresentati nelle compagini governative e nell’amministrazione pubblica degli Stati membri e dei paesi candidati in cui costituiscono una significativa percentuale della popolazione; che i loro governi si sono impegnati ad aumentare il numero di Rom che lavorano nell’ambito di strutture decisionali ma non hanno ancora compiuto progressi significativi,
K. riconoscendo la necessità di garantire l’effettiva partecipazione dei Rom alla vita politica, soprattutto per quanto riguarda le decisioni che interessano la vita e il benessere delle comunità Rom,
L. sottolineando che in nessun caso si dovrebbero elaborare ed applicare nuove normative in materia di cittadinanza che siano discriminatorie nei confronti di legittimi richiedenti la cittadinanza o che portino a ritirare la cittadinanza ai Rom che risiedono da lungo tempo in uno Stato membro o paese candidato,
M. considerando che, in una serie di paesi, esistono chiare indicazioni secondo cui le forze di polizia ed altre istanze del sistema penale risentono di pregiudizi nei confronti dei Rom, il che determina una sistematica discriminazione razziale nell’esercizio della giustizia penale,
N. considerando che i Rom sono regolarmente discriminati quanto all’assistenza sanitaria e alla sicurezza sociale e rilevando con preoccupazione i casi di segregazione nei reparti di maternità e la sterilizzazione di donne Rom senza il loro consenso informato,
O. considerando che su vasta scala esistono condizioni di vita inferiori agli standard minimi e antigieniche nonché prove evidenti di ghettizzazione e che ai Rom viene regolarmente impedito di trasferirsi al di fuori di tali zone,
P. richiamando l’attenzione sui sistemi scolastici basati sulla segregazione razziale esistenti in alcuni Stati membri, in cui i bambini Rom ricevono un insegnamento mediocre in classi separate o vengono inseriti in classi destinate ai disabili mentali; riconoscendo che il miglioramento dell’accesso all’istruzione e delle opportunità per i Rom di conseguire titoli accademici è d’importanza fondamentale per fornire più ampie prospettive alle comunità Rom,
Q. considerando che in media le comunità Rom presentano livelli inaccettabilmente elevati di disoccupazione, il che richiede interventi specifici volti ad agevolare l’accesso al lavoro,
R. considerando le difficoltà incontrate dalla popolazione Rom per veder riconosciuta la propria cultura e deplorando che, nella maggior parte degli Stati membri e dei paesi candidati, i principali mezzi di informazione continuano a sottorappresentare i Rom nella loro programmazione, rafforzando, allo stesso tempo, uno stereotipo negativo del cittadino Rom attraverso articoli, spettacoli televisivi e radiofonici; rilevando altresì che le nuove tecnologie della comunicazione, compreso internet, possono anch’esse contribuire a combattere la fobia dei Rom.

(Il Parlamento Europeo:)

1. condanna fermamente qualsiasi forma di discriminazione nei confronti della popolazione Rom;

2. invita il Consiglio, la Commissione, gli Stati membri e i paesi candidati ad esaminare il riconoscimento dei Rom come minoranza europea;

3. saluta con favore la recente dichiarazione del Presidente della Commissione Barroso in merito all’importanza di eliminare le discriminazioni contro i Rom e al ruolo che la Strategia di Lisbona potrebbe svolgere per migliorare le opportunità per questo popolo(9); sollecita il Consiglio, la Commissione, gli Stati membri e i paesi candidati ad adoperarsi pubblicamente per combattere l’antizingarismo/fobia dei Rom in tutte le sue forme a livello locale, nazionale, regionale o UE;

4. sollecita la Commissione a includere il tema della lotta contro l’antizingarismo/fobia dei Rom in tutta Europa fra le sue priorità per il 2007, Anno europeo delle pari opportunità per tutti, ed esorta la società politica e civile a tutti i livelli a chiarire che l’odio razziale contro i Rom non può mai essere tollerato nella società europea;

5. sollecita inoltre la Commissione ad assicurare ulteriormente, nel quadro dei requisiti politici dei criteri di Copenaghen, che i paesi candidati si adoperino realmente per rafforzare il primato della legge e proteggere i diritti dell’uomo e delle minoranze, in particolare quelli del popolo Rom;

6. chiede che la Commissione elabori una comunicazione sulle modalità in cui l’UE, in cooperazione con gli Stati membri, possa coordinare e promuovere nel modo più efficace gli sforzi destinati a migliorare la situazione dei Rom, e adotti un piano d’azione contenente chiare raccomandazioni agli Stati membri e ai paesi candidati per conseguire una migliore integrazione economica, sociale e politica dei Rom;

7. plaude agli Stati membri che hanno trasposto prontamente nel proprio ordinamento interno la direttiva 2000/43/CE, e sollecita quelli attualmente oggetto di una procedura di infrazione per “mancata comunicazione” ad attivarsi per rimediare agli scarsi progressi compiuti; invita il Consiglio ad adottare durante la presidenza lussemburghese la proposta decisione quadro dell’UE su razzismo e xenofobia che renderebbe perseguibili penalmente in tutta l’UE i reati connessi all’odio razziale, in merito alla quale il Parlamento europeo stesso deve essere nuovamente consultato;

8. invita gli Stati membri e i paesi candidati a rafforzare le proprie disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative intese a contrastare in modo specifico ed esplicito l’antizingarismo e la fobia dei Rom e a proibire la discriminazione razziale e i connessi fenomeni di intolleranza, sia diretti che indiretti, in tutti gli aspetti della vita pubblica;

9. invita gli Stati membri e i paesi candidati a scambiare le migliori pratiche al fine di incoraggiare la promozione della cultura Rom;

10. invita gli Stati membri a prendere opportuni provvedimenti per eliminare l’odio razziale e l’istigazione alla discriminazione e alla violenza contro i Rom nei mass media e in ogni forma di tecnologia della comunicazione, ed esorta i grandi media ad instaurare buone prassi in materia di assunzione di personale in modo che questo rifletta la composizione della popolazione;

11. invita gli Stati membri e i paesi candidati a definire una strategia per migliorare la partecipazione dei Rom alle elezioni in qualità di votanti e candidati a tutti i livelli;

12. sottolinea l’esigenza di garantire pari diritti sociali e politici ai migranti di origine Rom;
13. sottolinea che la mancanza di documenti ufficiali costituisce un grave ostacolo all’esercizio dei diritti fondamentali dei Rom in Europa nonché al loro accesso a servizi che sono essenziali per l’inclusione sociale;

14. sollecita tutti gli Stati membri e i paesi candidati ad adottare misure concrete per migliorare l’accesso dei Rom ai mercati del lavoro al fine di assicurare loro una migliore occupazione a lungo termine;

15. invita gli Stati membri in cui i figli dei Rom vengono isolati in scuole per disabili mentali o sistemati in aule separate, ad avviare programmi di desegregazione entro un periodo di tempo prestabilito, incoraggiando così il libero accesso all’istruzione di qualità per i figli dei Rom e prevenendo sentimenti ostili ai Rom tra i ragazzi che frequentano le scuole;

16. ricorda la risoluzione del Consiglio e dei ministri dell’istruzione riuniti in sede di Consiglio, del 22 maggio 1989, concernente la scolarizzazione dei figli degli zingari e dei girovaghi(10), e ritiene che garantire a tutti i figli dei Rom l’accesso all’istruzione ufficiale continui ad essere una priorità;

17. invita gli Stati membri e i paesi candidati ad adottare provvedimenti per garantire a tutti parità di accesso ai servizi di assistenza sanitaria e di sicurezza sociale, a porre termine a tutte le pratiche di discriminazione, in particolare alla segregazione delle donne Rom nei reparti di maternità, e a impedire la pratica della sterilizzazione non consensuale delle donne Rom;

18. accoglie con favore la formazione di un Foro dei Rom e viaggiatori europei ed il lavoro dei gruppi del Parlamento che si occupano delle questioni dei Rom e delle minoranze; riconosce l’importanza delle collaborazione con tali organismi nell’elaborare politiche per i Rom in Europa;

19. ritiene che la ghettizzazione esistente in Europa sia inaccettabile e invita gli Stati membri ad adottare misure concrete per procedere alla deghettizzazione, combattere le pratiche discriminatorie nell’assegnazione di alloggi e assistere i Rom nella ricerca di alloggi alternativi e in buone condizioni igieniche;

20. sollecita i governi delle regioni in cui vivono popolazioni Rom a compiere ulteriori passi per integrare pubblici dipendenti Rom in tutti i livelli amministrativi e decisionali, in linea con gli impegni precedentemente assunti, e a stanziare le risorse necessarie per l’effettivo assolvimento dei compiti connessi con tali posizioni;

21. accoglie con favore il decennio per l’iniziativa di inclusione dei Rom, di cui sono firmatari cinque Stati membri e paesi candidati e invita la Commissione a collaborare con tali governi interessati per allineare il finanziamento del pertinente programma dell’UE per realizzare tale iniziativa;

22. invita la Commissione ad esortare pubblicamente i governi nazionali a garantire che i programmi di finanziamento a favore dei Rom vedano la piena partecipazione dei soggetti interessati alla loro concezione, attuazione e monitoraggio;
23. sostiene la continua tendenza, nell’ambito delle Istituzioni UE, a inglobare l’approccio “da Rom a Rom”, messo a punto dall’OSCE, nella futura assunzione di personale per coprire posti vacanti destinati a Rom e non;

24. invita i partiti politici, a livello sia nazionale che europeo, a riformare le proprie strutture e procedure interne al fine di rimuovere ogni ostacolo diretto o indiretto alla partecipazione dei Rom e ad incorporare nella propria agenda politica e sociale programmi specifici finalizzati alla loro piena integrazione;

25. sollecita l’EUMC e, contestualmente alla sua creazione, l’Agenzia per i diritti fondamentali ad accordare maggiore attenzione all’antizingarismo/fobia dei Rom in Europa, e a fornire le risorse necessarie per monitorare gli abusi razziali e le violazioni dei diritti umani nei confronti dei Rom;

26. sollecita tutti gli Stati membri a sostenere iniziative volte a rafforzare l’autorappresentazione dei Rom e la loro partecipazione attiva alla vita pubblica e sociale nonché a consentire alle organizzazioni civili Rom di far sentire la loro voce;

27. invita la Commissione a sollevare la questione Rom a livello paneuropeo, in particolare con i paesi candidati, in quanto i Rom sono presenti in ogni parte d’Europa;

28. incarica il suo Presidente di trasmettere la presente risoluzione al Consiglio, alla Commissione nonché ai governi e parlamenti degli Stati membri e dei paesi candidati.

(1) – La Giornata internazionale dei Rom è stata istituita nel 1971 in occasione del Primo Congresso internazionale del popolo Rom.
(2) – GU L 180 del 19.7.2000, pag. 22.
(3) – GU L 303 del 2.12.2000, pag. 16.
(4) – La “Carta dei partiti politici europei per una società non razzista” è la proposta fatta dalla commissione consultiva UE sul razzismo e la xenofobia ai partiti politici dell’Unione europea. Il testo è stato adottato da detta commissione in data 5 dicembre 1997.
(5) – Il Presidente della Commissione José Manuel Barroso ha annunciato tale iniziativa in un discorso tenuto al Parlamento europeo il 26 ottobre 2004, indicando che il comitato (che lui stesso presiederà) avrà l’incarico in tale ambito di monitorare tutti gli interventi della Commissione e le più importanti iniziative in materia e di esercitare il necessario impulso politico.
(6) – GU L 230 del 21.8.1997, pag. 19.
(7) – “La situazione dei Rom nell’Europa allargata”, commissionata e pubblicata dalla DG Occupazione e Affari sociali nel 2004.
(8) – Testi approvati, P6_TA(2005)0018.
(9) – Dichiarazione resa in occasione del lancio del Quadro di valutazione di Lisbona V, il 17 marzo 2005.
(10) – GU C 153 del 21.6.1989, pag. 3.

Risoluzione del Parlamento Europeo
(presentata a seguito di una dichiarazione della Commissione a norma dell’articolo 103, paragrafo 2, del regolamento da Jaime Mayor Oreja, Ewa Klamt e Lívia Járóka a nome del gruppo PPE-DE )
Testi approvati dal Parlamento, Giovedì 28 aprile 2005 ? Bruxelles, Edizione provvisoria
P6_TA-PROV(2005)0151
B6-0272/2005

Riferimenti: Parlamento Europeo

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , , , ,

News from Dzeno Association

14 Settembre 2005 1 commento


Miss Roma 2005 International is Online 13. 9. 2005
On June 25th, 2005 Nadja Saban won the title of Miss Roma 2005
International in the contest held in Skopje, Macedonia. Now she comes
with her own website.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8613
————————————————————————
—-Roma Back Dale Farm Against Bulldozers 13. 9. 2005
Dale Farm residents, who face the bulldozing of their homes by an
extreme right-wing Tory council, led a procession through St Paul’s
Cathedral yesterday (11 September), marking London’s 10th.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8608
————————————————————————
—-Dzeno’s Report: Roma Victims of the Holocaust & IOM 12. 9. 2005
Dzeno publishes its report on Compensations to Roma Victims of the
Holocaust & The International Organization for Migration (IOM).
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8605
————————————————————————
From media
Implementation of Project for Return of Displaced Roma in Mitrovica
Starts 12. 9. 2005
The implementation of a joint project by Kosovo and international
institutions for return of displaced Roma to southern parts of the town
started today in Mitrovica.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8588
————————————————————————
—-Town Hall Fined for Breaking Roma Rights 12. 9. 2005
MIERCUREA CIUC – The Miercurea Ciuc town hall (southern Transylvania)
has been fined 4,000 RON (over 1,100 euros) by the National Council to
Combat Discrimination, because it evicted a Roma community from the edge
of the town to eight barracks located in an area with high risk of
infection.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8586
————————————————————————
—-Infectious Diseases Spread in Bulgaria after Floods 12. 9. 2005
The torrential rains that flooded Bulgaria earlier this summer caused a
considerable increase in infectious diseases, health officials warned.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8584

Sdruzeni Dzeno
V Tunich 11
120 00 Praha 2
—————-
+420 224 941 945
www.dzeno.cz / www.radiorota.cz

Riferimenti: Dzeno Association