Archivio

Archivio Agosto 2005

ARCHIVIO SUCARDROM 2005, 2006

29 Agosto 2005 Commenti chiusi
Categorie:Senza categoria Tag: ,

Settimana della cultura Romaní

23 Agosto 2005 2 commenti


La manifestazione ?Ator pal mont? prenderà l?avvio con la ?Settimana della cultura Romaní? dedicata alla conoscenza della dimensione culturale relativa al popolo rom e sinto. La nostra terra, il Friuli, è stata terra di passaggio delle loro carovane , e di molti altri transiti, senza che mai si fosse stabilito alcun rapporto se non di reciproco sospetto e diffidenza che mai si è cercato di superare. Solo nella nostra epoca si sono create le condizioni storiche per valutare reciprocamente queste diverse realtà che per generazioni hanno condizionato i rapporti escludendosi ad ogni possibilità di capire ed accettare.
Tale evento culturale servirà a conoscere alcuni aspetti di popolazioni spesso identificate in unica categoria attraverso il termine ?Zingari?, ma che in realtà è un mosaico molto diversificato composto dai Rom, dai Sinti, dai Kalé, Manuche infine dai Romnicel un universo a noi sconosciuto che presenta una varietà abbastanza composita di persone con notevoli differenze culturali. Lo straniero, il diverso, deve essere percepito come una risorsa indispensabile, purtroppo, troppo spesso è l?aspetto sociale a dominare quello culturale. Evidenziare e valorizzare esperienze e saperi diversi può essere un?ottima arma per combattere i pregiudizi e l?isolamento che circondano queste comunità
Iniziare da qui è come esorcizzare una antica paura ma è anche preparare un futuro per impegnare il nostro ed altrui tempo per qualche cosa di meglio che erigere barriere.

La manifestazione ?Ator Pal Mont?, edizione 2005, si svolgerà dal 23 settembre al 2 ottobre, a Grions del Torre.

Referente: dottoressa Eva Rizzin, dottorato di ricerca in Geopolitica e Geostrategia ,Università degli Studi di Trieste.

L?Associazione ?Gentes? si avvale di collaborazioni e collegamenti con altre realtà culturali ed istituzionali regionali, nazionali e internazionali, nonche di un comitato scientifico.

Sede: Via dell?Asilo, 2. 33040. Povoletto. UD. 0432/679838
e-mail: gentesonlus@yahoo.it

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

ATOR PAL MONT

23 Agosto 2005 Commenti chiusi

L?associazione culturale Gentes promuove per il 2005 a Grions del Torre (UD) la seconda edizione della manifestazione ?Ator Pal Mont?.

Grions vuole diventare luogo ? simbolo ? dove la manifestazione ?Ator Pal Mont? dedicata alla migrazione lo renderà ? luogo della memoria ?, dove le ? tracce ?, con diversi modi e forme di rappresentazione, saranno fruibili da tutti consentendo di rileggere ? interpretando ? le vicende che resero epica la migrazione. In un unico centro si raccoglierà tutto ciò che su questa problematica è stato prodotto ( libri, film, video etc..) operando in maniera programmatica negli anni facendo un lavoro di ricerca, catalogazione ed archiviazione di tutti i documenti reperibili (fotografie, lettere, cartoline, documenti etc..) ricostruendo le storie dei movimenti migratori e di vita di persone che abbiano vissuto nei diversi luoghi del mondo. Si costruirà così una circolarità di esperienze atte a disegnare la complessità della migrazioni.

In questa circolarità vanno incluse quelle genti che per le più svariate motivazioni hanno vissuto, o vivono, la diaspora, come ebrei, popolo rom e sinto, armeni, ect.,.
Esuli, profughi, rifugiati politici. Coloro che hanno abbandonato la loro terra perché costretti dalla pulizia etnica o per guerre, carestie, etc.; Si cercherà di evidenziare come queste persone e questi movimenti migratori raggiungendo i più remoti angoli della terra, abbiano a volte generato altri conflitti a volte stabilito relazioni tali da far superare la naturale diffidenza stimolando la curiosità e l?interesse per la diversità apportando conoscenza e sapere, ricchezza culturale necessaria per l?accettazione dell?altro, per una auspicabile convivenza fra le diverse culture, per promuovere e sviluppare la cultura dei diritti e della pace.

Per la stagione 2005 il progetto ?Ator Pal Mont?, si articola come segue:
PREMIO: premio internazionale da conferire due personalità, che si sono distinte ?sul campo? nell?assistenza diretta a quanti costretti alla diaspora, o impegnati nel campo della ricerca , nella divulgazione, nell? impegno nella causa della convivenza pacifica tra popoli e la pace.
CONVEGNI: dedicati alla conoscenza di varie realtà migratorie;
MOSTRA:una mostra dedicata ad una famiglia di origine friulana o ad una famiglia stabilitasi in Friuli;
SPETTACOLI: spettacoli riconducibili alle tematiche della migrazione di cui uno in lingua friulana ed uno appartenente ad altra cultura.
FIABE, FAVOLE, LEGGENDE:giornata dedicata all?infanzia in cui i bambini siano i protagonisti di letture, spettacoli e animazioni di testi e favole da loro raccolti e interpretati.
SETTIMANA DI CULTURA dedicata culture minoritarie: comunità, etnie, popolazioni discriminate, perseguitate, costrette a vivere l?esilio o il nomadismo, dimenticate e senza visibilità.

Ad ogni popolazione a cui venga dedicata la SETTIMANA DI CULTURA verrà aperta una sezione del costituendo archivio con materiali cartacei e informatici, con continui aggiornamenti, in modo da renderla, ove ancora non esistesse, punto di riferimento privilegiato per le consultazioni o per qualsiasi informazione riferendosi quella specifica cultura.
Il 2005 prevede la ?Settimana della cultura Romaní? (24 settembre –
1 ott) con una serie di eventi dedicati alla conoscenza delle culture
dei Rom e dei Sinti, denominati zingari in maniera etnocentrica e dispregiativa.

Tale iniziativa è motivata dall?esigenza della nostra associazione di investire su azioni o su tutto quanto contribuisca a superare diffidenze, pregiudizi, atteggiamenti di rifiuto per persone di una etnia minoritaria generalmente emarginata culturalmente e socialmente.
Il progetto comprende una serie di eventi fra i quali un’esposizione fotografica relativa alle varie etnie Romaní , all’ Olocausto delle popolazioni rom e sinte con proiezione di video, documentari e diapositive.

Collaterale alla mostra una tavola rotonda di esperti ed un convegno.

Sono previsti inoltre: un concerto, una serata di teatro, spettacoli circensi, proiezioni di film, letture di fiabe e poesie.

Categorie:Senza categoria Tag: ,

MAHALLA, la comunità virtuale dei Rom e dei Sinti da tutto il mondo

22 Agosto 2005 Commenti chiusi

Notizie da
MAHALLA, la comunità virtuale dei Rom e dei Sinti da tutto il mondo
per accedere direttamente e iscriversi alla news letters:

http://www.sivola.net/dblog/

aggiornamento via Triboniano del 16/08/2005 @ 20:29:23 – Caro Fabrizio, ecco il testo breve, che riguarda però solo la raccolta di firme in corso. Come vedi si basa su una considerazione tanto…semplice, che nessuno la fa: i Rom che sono qui come emigranti, lavorano o cercano comunque di farlo, destreggiandosi a fatica in mezzo a difficoltà …

Spagna del 17/08/2005 @ 17:14:58 – Piano delle Asturie per l’educazione scolastica dei Rom 16. 8. 2005 La città di Langreo, situata nella Spagna settentrionale, decide di finanziare un piano d’integrazione scolastica Sono c…

Serbia e Montenegro del 17/08/2005 @ 19:13:26 – da: Azra Berisa Belgrade August 16, 2005 Information Romani Agency Il primo Social Club dei Rom E’ stato aperto lo scorso 1 agosto nel Centro Comunitario Rom “8 Aprile” che si trova in via Slobodana Lale Berberskog nel quartiere belgradese di Mali M…

Macedonia del 17/08/2005 @ 20:04:33 – Da: Elena Simonoska elena.simonoska @ unimondo.org L’Organizzazione Umanitaria Rom “Mesecina” di Gostivar denuncia il numero crescente di discriminazioni e incidenti a sfondo razziale contro i Rom in Macedonia. Gli ultimi incidenti hanno visto coinvolte tre donne: Senad, Senaj e Birdza…

[OT] Questi svedesi! del 17/08/2005 @ 22:54:47 – - Aug 17 2005 01:35:51:317PM Stoccolma; Se siete tra quanti che pensano che le lesbiche siano sessualmente frustrate o gli attivisti animalisti aggressivi, una biblioteca svedese vi permette di “confrontarvi” con loro in carne e ossa, piuttosto che studiarli sui libri. Questo il progetto “…

Francia del 18/08/2005 @ 21:38:05 – Premessa: Sulla trasmissione di cui parla Saimir, rimando alla segnalazione che fece questo febbraio sul blog Pirori Cari amici, A nome dell’associazione “La Voix des Rroms” e anche di “Rromani Baxt”, “AVER contre le racisme” e “Ternikano Berno”, voglio ringrazia…

Germania del 18/08/2005 @ 23:47:41 – Da: “RomNews.com” (DEU / ENG) [Invitation / Einladung] [II Internationale Antiziganismus Konferenz und EZAF Website / II International Antiziganism Conference and EZAF Website] Conferenza: “Antiziganismo: Teorie, Modelli e Pratiche” 8-9 Ottobre 2005 – Università di A…

Slovenia del 19/08/2005 @ 15:14:17 – …paese che vai Il poster, sul tema dei pregiudizi contro gli Zingari, recita: “Se non fai il bravo, ti daremo agli Sloveni” da: http://www.flickr.com/photos/donpsychote/35026067/ …

Romania del 19/08/2005 @ 18:14:06 – Sto scorrendo le notizie della mailing list sui Rom in Romania. Con un po’ di disorientamento… Tra le segnalazione dell’ultima settimana: a Tirgu Jiu aperta una clinica per Rom, col supporto dei fondi Phare della Comunità Europea. Un centro simile è stato inaugurato a Tir…

Norvegia del 20/08/2005 @ 00:18:58 – International Gypsy Music Festival ”IAGORI” – Oslo, Norvegia, dal 2 al 4 settembre Kulturkirken Jakob Partecipano: ROMANS (Ukraina) Janka Sendrei e KOKAVAKERE LAVUTARA (Slovacchia) RAYA (Norvegia) ILO (Russia) BASILY e TCHAVOLO Schmitt (Olanda…

Riferimenti: MAHALLA

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

News from Sdruzeni Dzeno

19 Agosto 2005 1 commento

Roma Victims of Ethnic Violence Compensated after 12 Years 17. 8. 2005
Following the July 2005 sentence of the European Court of Human Rights, the High Court of Bucharest condemned 10 Romanians for the murder of three Roma and for the burning of several Roma houses in Hadareni in 1993. The court decided that the Romanians will have to compensate 15 affected Roma with 1.880 million Romanian Lei (approximately 56.000 ?).
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8412
—————————————————————————-Roma Lose Homes in Eastern Slovakia 17. 8. 2005
On Monday, August 15 heavy rains in Eastern Slovakia resulted in high waters that flooded roads and fields, as well as several Roma settlements in the regions of Pre?ov, Vranov nad Topou, Bardejov, and Sabinov.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8410

Roma NGO Coalition Starts Campaign for Fair and Democratic Elections 16. 8. 2005
Five Roma organizations: the Roma Association ?Luludi?, ?Zaedno? Network of Roma Women, Women Association ?Lil?, Roma Women Association ?Esma? and the Roma Organization ?Drom?, established the ?Roma Lobby Group? coalition, with the goal to prevent the election irregularities in the Suto Orizari municipality.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8407

Lotto Cash Boost for Gypsy Project 16. 8. 2005
A major new project which aims to promote a better understanding of gypsy and traveller culture amongst schoolchildren in Hampshire has today been handed a £50,000 Lottery cash boost.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8406

Sdruzeni Dzeno
V Tunich 11
120 00 Praha 2
—————-
+420 224 941 945
www.dzeno.cz / www.radiorota.cz

Riferimenti: Sdruzeni Dzeno

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

MENGRO LABATARPE

17 Agosto 2005 2 commenti


MENGRO LABATARPE (il nostro lavoro)
PROGETTO LAVORO A FAVORE DELLE FAMIGLIE SINTE E ROM DI MANTOVA

Le attuali attività economiche delle famiglie Sinte e Rom sono estremamente varie e mutevoli: esse cioè sono plurime in un dato momento per il medesimo individuo, e tanto più lo sono per l?insieme degli individui che cambiano nel tempo.
Gli individui agiscono all?interno della famiglia che è agente nei rapporti interni ed esterni al proprio gruppo sociale. Nella cultura sinta e rom il lavoro è inteso come collaborazione tra i singoli individui che appartengono sia al nucleo familiare sia alla famiglia allargata.
Ci sono attività tradizionalmente e largamente esercitate: il recupero dei materiali ferrosi e la loro vendita; i mestieri dello spettacolo viaggiante (giostrai, ecc); la vendita ambulante (centrini, calze, scope, bonsai, fiori, ecc.); lavori agricoli stagionali (soprattutto raccolte); vendita di poveri lavori artigianali (le bottiglie di vetro modellate a fuoco), ecc.
Ci sono nuove attività: commercio d?auto usate, antiquariato, manovalanza nell?edilizia, pulizie, ecc.
Tutti questi mestieri sono concepiti come ?vendita (di beni e servizi) a clienti?. Oltre alla significativa connotazione commerciale, ciò che contraddistingue le attività economiche dei rom e dei sinti è la loro pluralità, connessa al luogo, al momento, all?occasione/opportunità. Sebbene esistano tendenze proprie del gruppo di appartenenza, chiunque può sviluppare attività diverse. Per esempio, un Rom o un Sinto può vendere frutta in estate, recuperare e vendere ferri vecchi in autunno, allevare alcuni animali e venderli in altri periodi, ecc.
Infatti si potrebbe dire sinteticamente che nella realtà dei Sinti e dei Rom il lavoro è una necessità e non un fine, ovvero esprime maggiormente di quanto non avvenga oggi nella restante società il suo carattere strumentale. Esso deve sempre lasciare l?uomo libero di disporre del suo tempo, disponibile ad occuparsi delle questioni sociali (riunioni, visite di famiglia, incontri, ecc.) e a mantenere e sviluppare le relazioni sociali.
A differenza della cultura maggioritaria (in senso numerico) nella cultura sinta e rom il lavoro non assume una valenza sociale.
Non essere un lavoratore dipendente permette di non rimanere eccessivamente coinvolto in un universo estraneo; permette cioè di non avere una vita troppo condizionata dall?esterno. E stato scritto che il Rom, il Sinto o il Camminante può essere povero, ma mai proletario?
Per una famiglia sinta o rom che esercita o sceglie di esercitare un mestiere, ciò che in primo luogo assume importanza è il modo di esercitarlo. Questo fa sì che la scelta delle attività sia sempre il risultato di un compromesso fra la necessità di avere una fonte di reddito e l?aspirazione a mantenere uno stile di vita in un contesto mutevole.
In una recente ricerca condotta dalla locale ?Associazione senza Frontiere?, con il supporto dell?Associazione Sucar Drom, si è rilevato: ?La cultura sinta non appare generalmente compatibile con un inserimento occupazionale secondo l?onere di una prestazione lavorativa giornaliera da portare avanti per un numero costante di ore alle dipendenze di terzi. Le attività tipiche dello spettacolo viaggiante o della lavorazione dei metalli al servizio del territorio di volta in volta esplorato, mostrano semmai un?identità socio-culturale più vicina ad un?organizzazione autonoma dei tempi e delle risorse quotidiane, per certi aspetti non compatibile con la progettualità acquisitiva, accumulativa e ?sacrificale? tipica del capitalismo.(?) Rispondere alle principali esigenze manifestate dalla comunità sinta vuol dire allora garantire ai diversi nuclei familiari nuove possibilità d?autonomizzazione professionale compatibili con la propria identità culturale? .
La ricerca prosegue rilevando: ?l?importanza di recuperare le professionalità perdute quali spettacolo viaggiante, raccolta di materiali dimessi, ambulantato. (?) che in ogni modo devono essere coordinate e supportate (almeno in una fase iniziale n.d.r.) dalle varie agenzie pubbliche e private presenti sul territorio?.
In questa ricerca è citata l?esperienza promossa e condotta dall?Associazione Sucar Drom nel Comune di Casalmaggiore (CR), in cui l?intervento dell?Amministrazione Comunale ha reso possibile l?attivazione di un progetto sperimentale per la gestione della locale piazzola ecologica.
Questa esperienza si è rivelata un esempio concreto di politica del lavoro a sostegno delle famiglie sinte, in grado di favorire la fuoriuscita delle stesse dalle dinamiche assistenziali. La situazione attuale è figlia degli interventi assistenziali attuati dallo Stato negli anni ?70, durante la crisi economica. Gli enti pubblici, anzichè supportare le attività dello spettacolo viaggiante – alle quali si sono sempre dedicate tradizionalmente le famiglie sinte – o anziché sostenerne la riconversione con altre compatibili con la nuova situazione socio-economica, ha attuato di fatto una politica assistenziale che ha distrutto potenzialità, saperi e ricchezze. Ancora oggi sono rari gli interventi che si discostano da tale impostazione, come è facile rendersi conto se solo si pone mente alla Legge 337/68, rimasta largamente inapplicata.
E? a partire dalla riflessione intorno a tali temi che prende forma il presente progetto, denominato ?mengro labatarpe?, risultato degli stimoli offerti dalle differenti necessità espresse da due soggetti: le famiglie sinte e gli Enti Locali.
Le famiglie sinte, residenti a Mantova, chiedono di superare la loro attuale situazione lavorativa legata essenzialmente alla sussistenza e in seconda istanza nutrono l?aspettativa di sperimentare un?uscita graduale dalle logiche assistenziali che si esprimono principalmente nell?essere costretti a vivere nel campo nomadi.
Gli Enti Locali chiedono il superamento dell?assistenzialismo, inteso come insieme di interventi e supporti economici, di diversa natura, dal quale da anni dipendono le famiglie sinte.
A fronte di queste diverse istanze, il progetto tende essenzialmente a far emergere le potenzialità insite nelle famiglie e ad indirizzarne l?espressione verso gli spazi esistenti (o ricavabili) nel mercato del lavoro. Ciò ovviamente nel rispetto delle specificità culturale, sociale ed etnica delle stesse nonché nel rispetto della loro volontà di essere artefici diretti del loro sviluppo e della loro indipendenza economica.
Va tenuto conto, a questo riguardo, che nel Comune di Mantova risiedono alcune famiglie rom che hanno iniziato, seppure con estrema difficoltà, propri percorsi d?inserimento lavorativo, che tuttavia non hanno per ora ancora consentito il pieno raggiungimento dell?autonomia economica.
Se da un lato, quindi, si ritiene che la piena partecipazione ed attivazione delle famiglie sia presupposto imprescindibile per il buon esito del progetto, dall?altro lato, affinchè l?intervento progettuale sia sinergico e rispondente alla specifica realtà locale, accanto all?attivazione diretta dei soggetti promotori, sarà necessario il coinvolgimento delle varie agenzie presenti sul territorio, tra le quali si ricordano qui le associazioni di categoria, le cooperative sociali e le imprese.

Il progetto mengro labatarpe risponde in prima istanza alle richieste delle famiglie rom e sinte di far emergere dal sommerso, ovvero di regolarizzare, le attività lavorative attualmente svolte, secondo le capacità dimostrate.
Esso mira a scoprire le potenzialità, a valorizzare le conoscenze, le competenze, i saperi, le ricchezze e le aspettative delle famiglie presenti, nonché, di conseguenza, a valorizzare le persone che compongono le diverse famiglie, che da soggetti passivi diventano protagonisti di situazioni che producono anche immagini positive nella società, contribuendo a modificare lo stereotipo negativo dello zingaro.
Esso prevede l?accesso a tutti gli strumenti esistenti e ad altri, più specifici, che verranno appositamente creati per facilitare la realizzazione di percorsi lavorativi individuati nel rispetto delle aspettative e delle potenzialità espresse e degli spazi esistenti sul mercato.
Il progetto prefiggendosi quale finalità prioritaria quella di aiutare le famiglie nella costruzione di propri percorsi di autonomia economica, mira anche, di conseguenza, a superare la dipendenza delle stesse dagli interventi assistenziali predisposti dagli enti pubblici e del privato sociale.
Il progetto si suddivide in due fasi, in successione temporale:
La fase A comprende gli obiettivi A1, A2, A3, A4;
la fase B comprende gli obiettivi B1, B2, B3.

Riferimenti: mengro labatarpe

Categorie:Argomenti vari Tag: ,

News from Sdruzeni Dzeno

17 Agosto 2005 Commenti chiusi


Spanish Asturias Plans Roma School Education 16. 8. 2005
The city government of Langreo, which is situated in the Asturias region
in the Northern part of Spain, decided to finance an ‘integration plan’
for Roma children’s education.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8403
————————————————————————
—-Slovak Roma Political Party Now Registered 15. 8. 2005
The newly re-emerged Roma Initiative Party (ROI) in Slovakia has
completed the required registration process and will be participating in
this year’s regional elections. As Roma Press Agency Slovakia informed
Dzeno, the ROI will hold its second all-Slovakian congress on August 27,
where 150 registered deligates will decide on a new logo for the party
and confirm both its leadership and its program for the up-coming
elections.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8369
————————————————————————
—-
Czech Roma Social Democratic Party Goes for Elections 15. 8. 2005
Officially registered with the Ministry of the Interior on March 22, the
newly established Roma Social Democratic Party (RDSS) is preparing to
participate in the Czech Republic’s 2006 parliamentary elections.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8368
————————————————————————
—-Romania: Going abroad in Europe Becomes More Difficult 15. 8. 2005
The Romanian Government has decided that it will now withhold the
passport of any citizen that returns to Romania after the expiration of
the 90-day visa allowed by law. This new procedure might be a problem
for many Romanian immigrants, as well as for the Romanian Roma outside
the country.
–> whole article http://www.dzeno.cz/?c_id=8370

Sdruzeni Dzeno
V Tunich 11
120 00 Praha 2
—————-
+420 224 941 945
www.dzeno.cz / www.radiorota.cz

Riferimenti: Sdruzeni Dzeno

Categorie:Senza categoria Tag: , , ,

MAHALLA, la comunità virtuale dei Rom e dei Sinti da tutto il mondo

16 Agosto 2005 3 commenti


Notizie dal 6 agosto al 12 agosto da
MAHALLA, la comunità virtuale dei Rom e dei Sinti da tutto il mondo

per accedere direttamente e iscriversi alla news letters:

http://www.sivola.net/dblog/

Odissee italiane del 06/08/2005 @ 04:16:52 – Neveresa Hamidovic arrivò in Italia da Sarajevo che aveva 13 anni. Faceva parte di un gruppo di 44 famiglie di immigrati, tutte di Rom, e furono sistemate nell “campo nomadi” di via Salvini a Roma. Qui crebbe e sposò suo marito Mammud in municipio. Entrambi hanno vissuto più del…

Promemoria del 07/08/2005 @ 07:51:49 – Fosse per me, e anche a beneficio dei pochi lettori che sudano in città , dedicherei agosto alla visione di Novella2000 e del Sudoku. Insomma, ogni tanto è necessario per tutti tirare il fiato.Agosto, dalle mie parti, è anche il mese il mese degli sgomberi, quelli che si fanno di…

Incontri importanti! del 07/08/2005 @ 10:24:18 – Fateci caso si incontrano sempre le persone giuste al momento giusto (forse), e nel posto sbagliato (sempre). Vi ho presi o prese in giro tutti: non ero in vacanza… ero in ospedale per un tagliandino del quale non vi dico le coordinate salvo che non devolviate un obolo congruo ai primi dieci barbo…

Kossovo del 07/08/2005 @ 14:25:46 – Da: Oneworld.net Settimana prossima partiranno i lavori di bonifica della Mahalla di Mitrovica Sud, su richiesta delle autorità municipali, col supporto di UNMIK, KFOR e del Kosovo Protection Corps. L’area ripulita verrà usata per la ricostruzione del quartiere e per permettere il rito…

Macedonia del 08/08/2005 @ 23:01:23 – Fonte: Romano Liloro mailing listTV BTR NacionalSTR. “Lazar Licenovski” 31-b1000 Skopje, MacedoniaTel: + 389 2 311 – 0356; + 389 2 311 – 2240Fax: + 389 2 321 – 6000 tvbtr@mt.net.mkNovembre 2005: Si terrà a Skopje, in Macedonia, il Terzo Festival Rom della Radio e della Televisione …

ANSA a confronto del 09/08/2005 @ 23:14:26 – Ho sempre pensato che la lingua inglese fosse più sintetica di quella italiana. Non sempre è così: propongo un confronto all’americana della stessa notizia (e stessa agenzia). Cassazione: si a espulsioni motivate Accolto ricorso prefetto Milano, aveva espulso 15 rom (ANSA) – ROM…

Profondo Rom (VI) del 10/08/2005 @ 13:49:17 – Continua, anche se ferragosto è alle porte, il corso di giornalismo di Tikla. Che ormai sta diventando una specie di telenovela.Aggiornamento: lo zio Kalderosh non è più agli arresti domiciliari. Stamattina è sparito! Prima di affermare che lo zio abbia scoperto il signi…

Una legislazione europea che cambia da Est a Ovest del 11/08/2005 @ 11:53:30 – Cafébabel, come fece già qualche mese, ha dedicato un trittico di articoli ai Rom in Europa. Tra i tre, scelgo di segnalare questo:Definiti dal punto di vista legale come una minoranza in Europa, i Rom beneficiano di particolari protezioni. Ma lâ??applicazione delle leggi non è se…

Tikla e le lezioni di giornalismo (VII) del 11/08/2005 @ 13:04:10 – Non l’avrei segnalato, se non fossi appena uscito da un post di Kelebek. E mi son ricordato di Marcell_o che vive anche lui le cronache di questi giorni con un certo disagio. La Libertà – Piacenza – edizione online Sui fischi a Tremonti …Sono gli stessi quotidianamente che si ergono come …

Repubblica Ceca del 12/08/2005 @ 11:58:57 – A Ostrava apre la prima biblioteca Rom della Repubblica Ceca Ostrava, 6. 8. 2005, 15:41 (CTK) La biblioteca cittadina di Ostrava l’anno prossimo aprirà un settore per i lettori Rom, Romani kereka (Cerchio Rom), il primo di questo tipo. Lo scrive il giornale Moravskoslezsky denik. I lavori …

Profondo Rom (VIII) del 12/08/2005 @ 17:33:53 – Dunque, TIKLA è stato anche un guaritore: Eh sì, brava gente, anche questa volta il Diavolo mi aveva fatto una proposta dove non avevo niente da perdere, se non dimenticare per un po’ la fame e la miseria. Andai nella piazza del paese e mi misi a gridare: “Gente, ascoltatemi….

Kossovo del 13/08/2005 @ 18:04:22 – Nonostante il mese di agosto sia poco adatto per iniziative civiche, la petizione europea contro le espulsioni sta raccogliendo ancora adesioni (siamo a circa 60 organizzazioni e oltre 600 privati cittadini)Sempre sui rimpatri forzati in Kossovo, ricordo anche l’appello della UK Association of …

Nove da Firenze del 14/08/2005 @ 14:44:05 – Consegnati ieri pomeriggio trenta moduli abitativi in localita’ Poderaccio 12-08-05: Assegnati ieri pomeriggio trenta moduli abitativi in località Poderaccio, che sono destinati ad accogliere i nuclei familiari Rom che attualmente si trovano nell’area Masini. La delibera, proposta in Giunt…

Polonia del 14/08/2005 @ 14:51:49 – In Polonia il Campionato di Calcio Antirazzista Kostrzyn, 12. 8. 2005, 13:21 (ROMEA/FARE) Si è chiuso il II Campionato Antirazzista Di Calcio i…

Profondo Rom (IX) del 14/08/2005 @ 15:36:28 – Stanotte, dopo l’Enrico Toti, un altro sommergibile ha fatto capolino a Milano.Risalendo la Martesana, riportava zio Kalderosh e zia carabiniera in Mahalla per festeggiare assieme il Ferragosto (nella foto, mentre passano nei pressi del ponte di piazza Costantino). Per festeggiare, Liju…

Riferimenti: MAHALLA

Categorie:Senza categoria Tag: , , , , ,

U Sinto

11 Agosto 2005 Commenti chiusi


Storico gruppo musicale di Sinti Italiani. Da secoli risiedono in Trentino dove la musica è stato il veicolo di contatto con le popolazioni appartenenti alla cultura maggioritaria, in senso numerico.

U Sinto (i Sinti, traduzione dalla lingua sinta), formazione costruita intorno ad una famiglia allargata di Sinti Teich (una delle ventisei minoranze nazionali di Sinti e Rom Italiani), si formano professionalmente nei primi anni settanta pubblicando il primo disco.

La loro musica è una fusione tra diverse tradizioni musicali: da quella indiana (luogo di origine) ai tratti delle czardas ungheresi al flamenco spagnolo dei Kalè e contaminata dalla musica jazz (Django Reinhardt).
E? una vera world music che accoglie in sé elementi della tradizione sinta e musiche incontrate e raccolte ?per strada? durante il millenario cammino che ha portato i Sinti dall?India all?Europa.

Si presentano in quartetto con Radames Gabrielli (chitarra), Mirko Gabrieli (violino), Armando Gabrielli (chitarra), Luky Gabrielli (voce, chitarra e violino).

per contatti:
Istituto di Cultura Sinta 0376 360643
Radames Gabrielli 392 1651149

Categorie:Senza categoria Tag:

NORTO KU ROMIA

5 Agosto 2005 Commenti chiusi


Il progetto Norto Ku Romia (spazio alle donne in lingua sinta) si fonda sulle metodologie della mediazione culturale perchè le molteplici comunità rom e sinte non sono ancora riconosciute come minoranze etnico-linguistiche nazionali e pertanto non beneficiano dei diritti che questo status prevede.

I Sinti ed i Rom, denominati zingari in maniera dispregiativa ed etnocentrica, vedono in molti casi negato il diritto alla residenza, il diritto alla sanità, il diritto alla scuola…

Negli anni passati, insieme alla Provincia di Mantova, abbiamo costruito progetti per il coinvolgimento diretto delle donne sinte nelle attività di mediazione culturale. Questi progetti sperimentali hanno offerto l’esperienza di base per la costruzione del progetto Norto Ku Romia.
Con l’entrata in vigore della nuova legge 328/2000 si è verificata la necessità di formare gli operatori, impreparati a rispondere alle richieste fatte dalle donne rom e sinte che hanno spesso la funzioe di interfaccia con questi servizi.

L’obbiettivo principale del progetto è quindi quello di attuare interventi al femminile, utilizzando per la prima volta in maniera strutturata mediatrici culturali in provincia di Mantova.

Gli obiettivi del progetto sono:

- La mappatura dei bisogni espressi dalle donne e adolescenti sinte e rom.

- La costruzione e manutenzione di reti tra tutti i soggetti pubblici e privati presenti sul territorio provinciale coinvolti nelle problematiche femminili e della famiglia sinta e rom.

- La formazione degli operatori delle istituzioni, dei servizi territoriali e del privato sociale.

- La costruzione di progetti interculturali che favoriscano l’accesso delle adolescenti sinte e rom all’istruzione e alla formazione superiore.

- La costituzione di uno sportello mobile permanente di segretariato sociale a favore delle donne e adolescenti sinte e rom attraverso le metodologie della mediazione culturale.

Norto ku romia è un progetto dell’Opera Nomadi Sezione di Mantova, finanziato dalla Regione Lombardia.
L’Opera Nomadi è fondata a Roma il 21 settembre 1966 ed è riconosciuta ente morale con decreto del Presidente della Repubblica. L’8 febbraio 1978 è fondata la Sezione di Mantova dell’Opera Nomadi, riconosciuta dalla Regione Lombardia nel 1986.
Il progetto norto ku romia si affianca ai progetti di mediazione culturale già esistenti nella Provincia di Mantova e gestiti dall’Associazione Sucar Drom. L’associazione è convenzionata con la Provincia di Mantova.

per contattare le mediatrici culturali basta un clik

Riferimenti: norto ku romia

Categorie:Senza categoria Tag: ,